venerdì 19 maggio 2017 ore 21:00
Pietro Condorelli "Jazz Ideas & Songs" in concerto a Bari Venerdi 19 maggio 2017 ore 21.00

Pietro Condorelli Quintet:

Pietro Condorelli – chitarra
Simona Boo – voce
Francesca Masciandaro – flauto
Domenico Santaniello – contrabbasso
Claudio Borrelli – batteria

Teatro Forma
Bari

Teatro Forma Via Giuseppe Fanelli, 206/1, 70125 Bari

Skyline Management è lieta di annunciare il concerto di Pietro Condorelli Quintet con il nuovissimo spettacolo JAZZ IDEAS & SONGS al Teatro FORMA di Bari, Venerdi 19 maggio 2017 alle ore 21.00 nell'ambito della rassegna Nel Gioco del Jazz.

Website www.condorelliprojects.com

Pietro Condorelli – chitarra
Simona Boo – voce
Francesca Masciandaro – flauto
Domenico Santaniello – contrabbasso
Claudio Borrelli – batteria

Prevendite: CENTRO MUSICA Tel. 080 5211777

Grazie.
Ross
SKYLINE Management, Press & Booking Agency
Rossella Del Grande
++39 345 8861387
++39 02 58110517
Twitter: @rossellaskyline
milani.gres@tiscali.it

Benvenuto su .
AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale; “DUBIDUBIDU': FESTIVAL RADIOFONICO DELLE VOCI JAZZ ITALIANE”. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della MUSICA JAZZ QUALE ALTA FORMA D'ARTE E DI COMUNICAZIONE. Animajazz è ascoltabile anche via WEB collegandosi negli orari di programmazione a questo sito ed a www.puntoradio.fm.

La puntata n° 142 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 24 Luglio alle 20,30, su “PuntoRadio”, ascoltabile in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu, si aprirà con il grande vocalist MIGHTY MO RODGERS (nella 1a foto a sinistra) che potremo ascoltare in “My Blues, My Car and My Woman” tratta dal CD “Cadillac Jack”. Proseguiremo con l'esperto gruppo THE NIGHTHAWKS (nella 1a foto a destra) che potremo ascoltare in “I Don't Play” tratta dal CD “Still Wild” pubblicato nel 209 dalla “Ruf Records”. Continueremo con i grandi BEN HARPER & CHARLIE MUSSELWHITE che dal CD “Get Up!” (nella 2a foto a sinistra) ci faranno ascoltare “Blood Side Out”. Eccoci quindi alla ANNEE 2 CU Band che potremo ascoltare in “Guilty” tratta dal CD “This Time Cap'n (Live in Studio)” (nella 2a foto a destra) pubblicato nel 2017. Sarà poi la volta della brava vocalist DANI WILDE che con la sua band, dal CD “Live At Brighton Road” (nella 3a foto a sinistra) pubblicato nel 2017, ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Don't Quit Me Baby”. Continueremo quindi con DAVEY & THE BLU DOG che potremo ascoltare in “My Dog Drive Me Crazy” tratta dal CD ”Wake Up Call” (nella 3a foto a destra) pubblicato nel 2017. Passeremo poi al bluesman italiano ROBERT L. WHITER (nella 4a foto a sinistra), che ci farà ascoltare “Blue's Gloria” tratta dall'omonimo CD. Eccoci quindi al conosciuto vocalist e chitarrista BOB MARGOLIN che con la sua band ci farà ascoltare “Boston Driving Blues” tratta dal CD “Down In The Alley” (nella 4a foto a destra) pubblicato dalla “Alligator Records”. Passeremo poi a ANDY T feat. ALABAMA MIKE che dal CD “Double Strike” (nella 5a foto a sinistra) ci proporranno “I Feel So Bad”. Chiuderemo infine la serata con il vocalist ROY BROWN (nella 5a foto a destra) che dal CD “Let Me Tell You About The Blues : New Orleans”, ci farà ascoltare “Let The Four Winds Blow”. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu. Buon ascolto. "BLUES FIRES"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
21
Lug
animajazz::blues fires
1 letture - Share

La puntata n° 771 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Giovedi 20 alle 19,30 su PUNTORADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm si aprirà con il bravo chitarrista e compositore ALEX GOODMAN (nella 1a foto a sinistra) che in quintet (Alex Goodman, g, Matt Marantz, sax, Eden Ladin, p, Rick Rosato, b, Jimmy Macbride, d) dal CD “Secon Act" ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “The First Break". Passeremo all'ascolto dell'ottimo INSIDE JAZZ Quartet (Tino Tracanna, ss, Massimo Colombo, p, Attilio Zanchi, b, Tommy Bradascio, d) che dal CD "Four By Four" (nella 1a foto a destra) pubblicato dall'"Abeat for Jazz" ci farà ascoltare una particolare interpretazione di "Smatter" scritta da Kenny Wheeler. Continueremo con la musica del chitarrista e compositore BRENT LAIDLER (nella 2a foto a sinistra) che in septet (Brent Laidler, g, Mark Buselli, tp/flh, Ned Boyd, sax, Mitch Shiner, vib, Jamie Newman, p, Scott Pazera, b, Kenny Phelps, d) dal CD "No Matter Where Noir" ci faranno ascoltare una composizione originale intitolata "Law Of Attraction". Eccoci quindi al sassofonista e compositore DENYS BAPTISTE (nella 2a foto a destra) che con Nikki Yeoh, p/key, Neil Charles, b, Rod Youngs, d e special guests:Gary Crosby, b, Steve Williamson, ts, dal CD “The Late Trane” pubblicato dalla "Edition Records" ci proporrà una composizione originale intitolata "Dusk Dawn”. Passeremo quindi allo STEFANO PREZIOSI Quartet (Stefano Preziosi, as, Luigi Di Chiappari, p, Alessandro Del Signore, b, Dario Panza, d) dal CD “Plays Standards” (nella 3a foto a sinistra) pubblicato dalla “Filibusta Records” ci farà ascoltare l'interpretazione di “Bebop” scritta da Dizzie Gillespie. Eccoci quindi al ricco gruppo dei FREE RADICALS che dal CD “Outside The Comfort Zone” (nella 3a foto a destra) ci farà ascoltare una particolare composizione originale intitolata “Carry Me To My Grave”. Sarà poi il momento di ascoltare il gruppo OYSTER ( Matteo Cuzzolin, Demetrio Bonvecchio, tbn, Marco Stagni, b, Filip Milenkovic, d) che ci proporrà una composizione originale di Matteo Cuzzolin intitolata “Fit” tratta dal CD “Oy” (nella 4a foto a sinistra). Eccoci quindi al chitarrista ANDREW HARMAN che in quartet (Andrew Hartman, g, Chris Cheek, sax, Ike Sturm, b, Zach Harmon, d) ci proporrà “The Heights”, una sua composizione originale tratta dal CD “Compass” (nella 4a foto a destra). Chiuderemo la serata con il conosciuto ed esperto sassofonista canadese PAT LABARBERA (nella 5a foto a sinistra) che con Don Thompson, p, Neil Swainson, b e Joe LaBarbera, d, dal CD “Deep In A Dream” ci farà ascoltare “Here's To My Lady”. Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Giovedi alle 19,30, in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata dal sito di "ANIMAJAZ", area podcast. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa – http://accademiadartedipisa.jimdo.com.
18
Lug
animajazz::animajazz
26 letture - Share

Comparison DAL 2 al 10 agosto Organizzazione – Associazione Volterra Jazz Direzione Artistica - Giulio Stracciati 25 anni di Jazz. Ne è passato di tempo da quel lontano 1992 in cui ufficialmente l'Associazione Volterra Jazz si costitì con una decina di soci fondatori, anche se le origini sicuramente ci riportano al 1957 quando nella rivista “Musica Jazz” a pagina 37, nel Notiziario della Federazione Italiana del Jazz si legge “ Volterra (PI) - Ha aderito alla FIDJ il Club Amici del Jazz di Volterra”. Ad un anno di distanza, nel 1993 nacque così il Festival Volterra Jazz che compie quest'anno il suo ventiquattresimo compleanno. Da quel lontano 1993 è stato un susseguirsi di musicisti alcuni giovanissimi al tempo, diventati poi giganti del jazz, italiani e internazionali: Boltro, Cafiso, Cisi, Giuliani, Bosso, Fasoli, Ghiglioni, Bollani, Condorelli, Leveratto, Tamburini, Tessarollo, Negri, Cantini, Stracciati, Mariottini, Fabbrini, Bigliazzi, Corsi, Giachero, Tavolazzi, Rava, Gaslini, Fresu e tra i musicisti stranieri, Richard Galliano, George Cables, Terence Blanchard, Freddie Hubbard, Rachel Gould, Mike Stern, Charlie Mariano, Jim Snidero, Nir Felder, Glenn Ferris, solo per citarne alcuni. A distanza di ventiquattro anni il Festival Volterra Jazz non ha perso la sua principale aspirazione: ricerca del significato della parola “jazz” che si modella, si contamina e si evolve, ma non muore mai. Ed è per questo motivo che anche nell'edizione del 2017 si darà ancora una volta spazio ai giovani emergenti sia stranieri che italiani. Volterra Jazz ha il piacere di ospitare: il sassofonista Jerome Sabbagh, francese, trasferitosi nel 1995 a New York, una delle nuove promesse del jazz proveniente direttamente dalla fucina newyorkese in cui il jazz si incontra con il rock e con il pop per dare vita a nuovi colori, a nuovi sapori. Stefano Battaglia e Stefano Onorati, due pianisti d'eccezione. Perchè anche il jazz italiano ha una propria forza, più legata al jazz classico, più introspettiva e il Festival Volterra Jazz vuole in qualche modo metterla a confronto con quella d'oltreoceano; accreditato pianista a livello internazionale il primo; in fase crescente e di cui sentiremo sicuramente parlare nei prossi anni, il secondo. Come spesso si fa nel jazz, abbiamo voluto giocare sull'improvvisazione e ai due pianisti abbiamo voluto affiancare due nostre conoscenze, Mirco Mariottini ai clarinetti e Giulio Stracciati alla chitarra: un mix esplosivo! Il Festival si conclude in bellezza ospitando sul palco Daniele Malvisi, musicista attento e aperto a vari stili e generi musicali come ad esempio la musica etnica, la jazz-fusion e la musica classica. La ricerca e il confronto accompagneranno quest'anno non solo la musica, ma anche l'arte pittorica. Ali Hassoun, artista libanese, dal 1982 in Italia oggi vive e lavora a Milano. L’artista con la sua mostra dal titolo Crossover, sarà a Volterra dal 3/8 al 10/8 nelle Logge di Palazzo Pretorio. Si fa interprete di culture diverse ma confrontabili, che convivono nello spazio perfettamente orchestrato delle sue tele coloratissime. I personaggi di un Islam o di un’Africa tanto vissuta quanto favolosa e immaginata, nelle sue composizioni sono tutti catturati in un gioco di citazioni colte e di rimandi indiretti tra figura e sfondo.Il tema più evidente fra quelli che emergono nella sua ricerca pittorica è relativo al viaggio, strumento per esplorare esperienze e visioni eterogenee. Invece del concetto di “scontro di civiltà”, semplificazione pericolosa e tuttavia molto diffusa oggi in Occidente, Hassoun propone un’idea di “umanità come qualità universale e comune fra tutti i popoli, fondata su una spiritualità originaria che precede le diversificazioni religiose e politiche. 2 AGOSTO – VOLTERRA JEROME SABBAGH QUARTET Jerome Sabbagh – sax Giulio Stracciati – chitarra Matteo Addabbo – organo hammond Giovanni Paolo Liguori – batteria 03 AGOSTO – 10 AGOSTO - VOLTERRA ALI HASSOUN CROSSOVER – MOSTRA DI PITTURA LOGGE DI PALAZZO PRETORIO 4 AGOSTO – VOLTERRA STEFANO BATTAGLIA & MIRCO MARIOTTINI IN CONCERTO Stefano Battaglia – piano Mirco Mariottini – clarinetti 5 AGOSTO – VOLTERRA STEFANO ONORATI & GIULIO STRACCIATI IN CONCERTO Stefano Onorati – piano Giulio Stracciati – chitarra 9 AGOSTO – VOLTERRA DANIELE MALVISI SEXTET
18
Lug
vj::notizie
9 letture - Share

La puntata n° 141 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 17 Luglio alle 20,30, su “PuntoRadio”, ascoltabile in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu, si aprirà con il grande armonicista e vocalist JAMES COTTON scomparso nel marzo di quest'anno, che potremo ascoltare in “24 Hours” tratta dal CD “The Best of James Cotton – The Alligator Records Years” (nella 1a foto a sinistra). Proseguiremo con la brava vocalist AMANDA JACKSON che con la sua band, dal CD “Fire In The Blue” (nella 1a foto a destra) ci farà ascoltare “Back For More”. Continueremo con il valido gruppo DREAMBOOGIE che dal CD “I'm Ready!” ci farà ascoltare proprio la composizione originale che dà il titolo all'album (nella 2a foto a sinistra). Eccoci quindi al grande ed indimenticato chitarrista e vocalist DAVID HONEYBOY EDWARDS (nella 2a foto a destra) scomparso a 96 anni nel 2011, che dal CD “Delta Bluesman” potremo ascoltare in una pregnante interpretazione di “Rocks In My Pillow”. Sarà poi la volta di BIG JOE SHELTON che con la sua band, dal CD “Ridin' A Chicken” (nella 3a foto a sinistra) pubblicato nel 2017, ci farà ascoltare “Put The Chairs In The Wagon. Continueremo quindi con l'ottimo gruppo MAMA SPANX che dal CD ”State Of Groove” (nella 3a foto a destra) ci farà ascoltare “Crawl”. Passeremo poi al bravissimo bluesman italiano DANIELE GIGLI (nella 4a foto a sinistra) del quale ci ascolteremo “Burning Hunger” una sua composizione originale tratta dal CD “Mud Slide Dan”. Sarà poi il momento di PAUL MACMANNUS (nella 4a foto a destra) che con la sua band “THE OLD TIMERS”, dal CD “Roo Doo Doo” ci proporrà “Boogie Tonite” una sua composizione originale. Chiuderemo infine la serata con BJ LEIDERMAN che con la sua band, dal cd “BJ” (nella 5a foto a sinistra) ci farà ascoltare “Bitch”. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi dalle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu. Buon ascolto. "BLUES FIRES"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
14
Lug
animajazz::blues fires
47 letture - Share

La puntata n° 770 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Giovedi 13 Luglio alle 19,30 su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con la talentuosa violinista REGINA CARTER (nella 1a foto a sinistra) che con Chris Lightcap, b, Alvester Garnett, d, Xavier Davis, p, Marvin Sewell, g, dal CD “Ella, Accentuate The Positive” ci farà ascoltare una particolare interpretazione di “I'll Chase The Blues Away”. Passeremo quindi alla musica del fisarmonicista VINCE ABBRACCIANTE (nella 1a foto a destra) che con Nando Di Modugno, g, Giorgio Vendola, b Alkemia Quartet: Marcello De Francesco, vi, Leo Gadaleta, vi, Alfonso Mastrapasqua,vla, Giovanni Astorino, ce, ci farà ascoltare ”Anelito” una composizione originale tratta dal CD “Sincretico” pubblicato dalla “Dodicilune Records”. Eccoci poi al vocalist canadese MONTY GREIG che con la sua band ci proporrà una swingante interpretazione di “I Just Wanna to Dance'” tratta dall'omonimo CD (nella 2a foto a sinistra). Passeremo poi al pianista e compositore DOMENICO CARTAGO che con Giorgio Vendola, b e Pippo D’Ambrosio, d, ci farà ascoltare una bella composizione originale intitolata “Anatema”, tratta dal CD “Chromos” (nella 2a foto a destra) pubblicato dall'”Auand Records”. Sarà poi la volta del sassofonista CHAD LEFKOWITZ-BROWN (nella 3a foto a sinistra) che con Steven Feifke, p, Raviv Markovitz, b, Jimmy Macbride, d, Special Guest: Randy Brecker, tp, dal CD “Onward” ci farù ascoltare proprio il pezzo che dà il titolo all'album. Proseguiremo con il conosciuto gruppo di Smooth Jazz AIRBORNE (nella 3a foto a destra) che dal CD “Spring Music Collection” pubblicato dalla “Tilt Records” ci faranno ascoltare una loro composizione originale intitolata “I See”. Sarà poi il momento di ascoltare l il pianista e compositore ROBERTO OLZER che con Fulvio Sigurtà, tp, Yuri Goloubev, b e Mauro Beggio, d, dal CD “Floatin' In” (nella 4a foto a sinistra), pubblicato dalla “Abeat For Jazz” ci farà ascoltare un'originale interpretazione di “Stella by Starlight”. Chiuderemo quindi la serata con la musica del bravo ed esperto chitarrista TOM RIZZO (nella 4a foto a destrache con la sua valida band ci proporrà una composizione originale intitolata “Little Gree Men” tratta dal CD “Day and Night”. Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Giovedi alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "Download" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com
11
Lug
animajazz::animajazz
48 letture - Share

La puntata n° 140 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da Bruno Pollacci, in onda Lunedi 10 Luglio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con la conosciutissima vocalist e chitarrista ANA POPOVIC (nella 1a foto a sinistra) che con la sua band ci proporrà una composizione originale intitolata “You Got The Love” tratta dal triplo CD “Trilogy”. Eccoci quindi a TORONZO CANNON che insieme ad “APD”, potremo ascoltare in “Chicken Comin' Home To Roost” tratta dal CD “The Chicago Way” (nella 1a foto a destra) pubblicato dalla “Alligator Records”. Potremo poi ascoltare LIGHTNIN MALCOM (nella 2a foto a sinistra) che dal CD “Renegade” pubblicato nel 2011 ci proporrà una sua composizione originale intitolata “So Many Women”. Passeremo quindi al grande ed indimenticato chitarrista e vocalist nordirlandese GARY MOORE (nella 2a foto a destra) scomparso nel 2011, che potremo ascoltare in una sua composizione originale intitolata “Oh Pretty Woman” tratta dal CD 1 della raccolta “Greatest Hits”. Sarà poi il momento del grande vocalist e pianista Blues e Jazz CHARLES BROWN scomparso nel 1999 del quale, dal CD “All My Life” (nella 3a foto a sinistra) ci potremo ascoltare la composizione originale “Fool Paradise”. Eccoci poi all'esperto chitarrista e vocalist californiano CHRIS CAIN (nella 3a foto a destra) che potremo ascoltare in una sua interessante composizione originale intitolata “Evil Minded Woman” tratta dal CD “Chris Cain”, pubblicato nel 2017. Sarà poi il momento di DARRELL MANSFIELD (nella 4a foto a sinistra) che con GREG MARTIN e la sua band, dal CD “ThKentucky Blues”, ci faranno ascoltare “Respect Yourself”. Continueremo con l'ottimo gruppo italiano BAD BLUES Quartet del quale potremo ascoltare una composizione originale intitolata “Nureci”, tratta dal CD “Bad Blues Quartet” (nella 4a foto a destra). Chiuderemo la puntata con la musica del gruppo DOWN SOUTH 78 (nella 5a foto a sinistra) che ci farà ascoltare “Too Many Tears in Mississippi” tratta dal CD “Shake Rag Blues”. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
8
Lug
animajazz::blues fires
27 letture - Share

La puntata n° 769 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI in onda Giovedi 19 Febbraio alle ore 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm si aprirà con la conosciutissima pianista e vocalist DIANA KRALL che inn quintet (Diana Krall, v/p, Marc Ribot, g, Stuart Duncan, vi, Tony Garnier, b, Karriem Riggins, d) ci farà ascoltare una morbida interpretazione di “Moonglow” tratta dal CD “Turn Up The Quiet” (nella 1a foto a sinistra). Continueremo con il bravissimo VITO DI MODUGNO che con la sua band (Vito di Modugno, hao, p, fe/p, b, Michele Carrabba, ts/bs, b/cl, Pietro Condorelli, g, Massimo Manzi, d,) ci proporrà l'interpretazione di “Bydto”, tratta dal CD “My Pictures At An Exhibition” (nella 1a foto a destra) pubblicato dall'”Abeat Records”. Proseguiremo con la vocalist KATHY SANBORN che con Keerthy Narayanan, key Aman Almeida, p, Abhinav Khanna, d, Wayne Ricci, tp, Rocio Marron, vi, ci farà ascoltare una bella interpretazione di “The Boys Are Back Again” tratta dal CD “Recollecting You” (nella 2a foto a sinistra). Eccoci quindi al pianista FABRIZIO MOCATA (nella 2a foto a destra) che in quartet con Nicholás Enrich, ban, Javier Weintraub, vi, Pacha Mendes, b, dal CD “Recital CanTango” pubblicato dall'”Alfamusic” ci proporrà “El Coqueton”. Sarà quindi il momento di ascoltare la musica MASSIMO SPANO & THE DOUBLE DECKER Quartet (Massimo Spano, b. Achille Succi, b/cl, Sebastiano Meloni, p, Roberto Migoni, d/pc) che ci farà ascoltare “Close Room” una composizione originale tratta dal CD “Check Your Soul” (nella 3a foto a sinistra) pubblicato dalla "Improvvisatore Involontario". Passeremo poi al gruppo THE SOUL MUTATION ( Martha J, v, Francesco Chebat, p/key, Francesco Marzetti, d) che ci farà ascoltare una bella composizione originale di Martha J. E Francesco Chebat intitolata “Times Are Changing” tratta dall'omonimo CD (nella 3a foto a destra). Sarà poi la volta del duo formato da SERGIO ARMAROLI e FRITZ HAUSER (vibrafono/elettronica e batteria e percussioni) che ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Iride” tratta dal CD “Structuring The Silence” (nella 4a foto a sinistra) pubblicato dalla “Dodicilune”. Chiuderemo quindi la serata con PASQUALE MIRRA che ci offrirà una composizione originale intitolata “Istante 7 – Perchè parli mentre suono?” tratta dal CD “Moderatamente Solo” (nella 4a foto a destra) pubblicato dalla "Fonterossa Records". Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Giovedi alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata dall'area podcasts dal sito di “Animajazz”: http://animajazz.eu. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
4
Lug
animajazz::animajazz
101 letture - Share

La puntata n° 139 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 3 Luglio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm si aprirà con la musica di FRANK BEY with THE ANTHONY PAULE BAND (nella 1a foto a sinistra) che potremo ascoltare in “You Don't Know Nothing About Love”, tratta dal CD “You Don't Know Nothing”. Proseguiremo con l'esperto vocalist e chitarrista GUITAR SHORTHY (nella 1a foto a destra) che insieme alla sua band ci farà ascoltare una sua composizione originale intitolata “I Got Your Number” tratta dal CD “We The People”, pubblicato dalla “Alligator Records”. Ci ascolteremo quindi il “Blues-Rock” del chitarrista e vocalist JEFF WYATT che dal CD “Privy To The Blues” (nella 2a foto a sinistra) pubblicato nel 2017 ci propoprrà “Crossroads”. Sarà poi la volta di REV. SEKOU (nella 2a foto a destra) che dal CD “In Times Like These” pubblicato nel 2017 ci offrirà proprio la sua composizione originale che dà il titolo all'album. Passeremo poi al chitarrista e vocalist “Blues Rock” MICHAEL KATON (nella 3a foto a sinistra) che con la sua band ci farà ascoltare “Guitar For My Friend” tratta dal CD “Live At Moulin Blues” pubblicato nel 2015. Continueremo quindi con il gruppo dei BLUE LIGHTNING che potremo ascoltare in una intensa “It's Raining On My Chickens” tratta dal CD “1st Strike” (nella 3a foto a destra) pubblicato nel 2017. Sarà poi la volta dell'ottimo Blues del gruppo italiano dei T-ROOSTERS (nella 4a foto a sinistra) che potremo ascoltare in “Missing Bones”, tratta dal CD “Another Blues To Shout”. Passeremo poi alla bravissima vocalist KATE LUSH (nella 4a foto a destra) che con la sua Band ci farà ascoltare “Last Mistake” tratta dal CD “Let It Fly” pubblicato nel 2017. Chiuderemo infine la serata con il grande chitarrista CARL VERHEYEN (nella 5a foto a sinistra)che potremo ascoltare in “Under Saturn's Rings”, tratta dal CD “Where Blues Meets Rock -Vol. 3”. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30, in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm. Buon ascolto. "BLUES FIRES"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
30
Giu
animajazz::blues fires
51 letture - Share

Partendo dai quarantanove anni della mia esperienza artistica professionale nell'ambito delle Arti Figurative, che mi ha visto partire da una rigorosa e solida formazione classica, per poi vedermi sempre dedito alla sperimentazione ed alla ricerca, passando dalla “Nuova Figurazione” al “New Pop”, dal “New Dada” all'astrazione, all'arte povera ed alle istallazioni , per poi passare dalla “Poesia Visiva”, alla “Copy Art” ed approdare poi, dal 1994, alla “Computer Art”, oggi stò prendendo atto di un nuovo movimento, che grazie alla mia parallela attività critica in ambito musicale, nei settori del Jazz e del Blues, stò avvertendo come misteriosamente ma anche chiaramente interdisciplinare, vissuta da più artisti, contemporaneamente, senza averne coscienza collettiva. Nelle due ultime puntate di "Blues Fires" e di "Animajazz" ho accennato (molto brevemente, per oggettiva esigenza di dare spazio alla musica) proprio al fatto "misterioso" che in questi ultimi due anni stà accomunando alcuni artisti di Arti Figurative, di Jazz e di Blues che solitamente hanno interpretato e vissuto gran parte della propria attività professionale negli ambiti della "ricerca", della “sperimentazione” e della cosiddetta "avanguardia". Ciò che accomuna le esperienze di questi artisti è il piacere/bisogno di "riscoprire le "origini", di rivivere (chiaramente con la maturità e la coscienza esperienziale vissute negli ambiti di ricerca) con rinnovato entusiasmo, con sincero piacere, divertimento e giocosità, quelle aree e quelle esperienze artistiche dalle quali sono partiti. Nel caso di noi artisti figurativi, dal disegno e dalla figurazione, mentre per i musicisti Jazz e Blues una ripartenza generica dagli inizi del '900. Ed interessandomi anche di spiritualità, di crescita interiore, ma anche di psicologia, mi sono permesso di tentare una chiave di lettura di questo movimento/azione comportamentale, che ho ravvisato in una sorta di impellente "bisogno di far chiarezza", di ritrovare punti di riferimento solidi (che evidentemente non vengono ravvisati nella proposta contemporanea) e che furono quelli dei nostri inizi, quelli che ci fecero "innamorare", fantasticare, sognare, credere in un possibile percorso di vita, che poi abbiamo intrapreso con entusiasmo e passione. Ecco...sembra che alcuni di noi, nello stesso periodo storico ed in modo interdisciplinare, stiano sentendo proprio questo piacere del recupero del "da dove vengo", del "come, dove e perchè nacque il mio amore per...". Un'operazione di “centratura su se stessi”, di analisi profonda del nostro essere, anche in relazione al nostro fare. E questo nuovo operare si rivela azione sincera e liberatoria, vissuta con la massima “leggerezza” ma anche con la nostra solita massima serietà professionale, alla riscoperta di quel piacere che fù dei primi anni della scoperta del nostro primo amore per le Arti. Un atto anche "coraggioso" perchè molti "compagni d'avventura" che hanno condiviso con noi decenni di sperimentazione e di ricerca possono considerare questo nostro recupero come un "ritorno indietro" o peggio come un tentativo disperato di rendere più commerciale la nostra produzione artistica. Ed invece è un fatto straordinario ed epocale che alcuni noi, proprio negli stessi anni dello stesso periodo storico, stiano sentendo questo piacere/bisogno di recuperare le proprie origini, per fare chiarezza in se stessi e manifestare ancora una volta la sincerità del proprio percorso, mai viziato dal business, ma sempre vissuto in funzione dell'emozione, della congiunzione sincera e scoperta tra il proprio essere ed il proprio fare. E se io, dopo 23 anni di Computer Art ho sentito il piacere/bisogno di recuperare la sensualità del segno, e della pennellata con gli strumenti di base del nostro mestiere, così stò verificando che anche nel mondo del Jazz e del Blues, diversi artisti con esperienze avanzate alle spalle stiano avvertendo questo stesso bisogno/piacere (chiaramente rapportato ai loro strumenti ed al loro bagaglio di riferimenti artistici), contemporaneamente e con similari caratteristiche emozionali e di bisogno esistenziale. Non sono mai stato interessato a creare “movimenti artistici”, magari giusto per vantarsi di aver aver avuto per primi certe intuizioni culturali ed artistiche, ed essere ricordati nel tempo, ma questo contemporaneo ed interdisciplinare comportamento potrebbe essere davvero considerato come una sorta di nuovo "movimento artistico interdisciplinare" basato sul recupero del nostro "io artistico primordiale, giovanile", quell'identità entusiasta che ha vissuto il "primo amore" e che oggi, dopo decenni di percorsi infiniti, si manifesta per fare “pulizia interiore” con l'urgenza di recuperare un'insostituibile verità. Per azzerare e ripartire con un profondo, maggiore ascolto di se stessi, per vivere pienamente ciò che ci fa star bene sinceramente, sgombri da sovrastrutture culturali o pseudoculturali, e liberi da imbrigliamenti di “appartenenza intellettuale”, spesso manifestata in modo anche settario, nell'ottica di un recupero di quel sano, meraviglioso entusiasmo dell'essere e del fare che è specchio dell'amore per la vita. Bruno Pollacci “Animajazz” - Blues Fires”
29
Giu
animajazz::notizie
106 letture - Share

La puntata n° 768 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta in studio da BRUNO POLLACCI, in onda Giovedi 29 Giugno alle 19,30 su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con la musica dello YOKO MIWA Trio (Yoko Miwa, p, Will Slater, b, Scott Goulding, d ) che ci proporrà una composizione originale intitolata “Was It Something I Said” tratta dal CD “Pathways” (nella 1a foto a sinistra). Proseguiremo con BILLY PORTER presents THE SOUL OF RICHARD RODGERS (nella 1a foto a destra), progetto che vede impegnati molti ospiti e che stasera ci permetterà di ascoltare la bravissima vocalist PATINA MILLER nell'interpretazione di “I Have Dreamed”. Continueremo con THE GREAT HARRY HILLMAN (Nils Fischer, sax, David Koch, g, Samuel Huwyler, b, Dominik Mahnig, d) che dal CD “Tilt” (nella 2a foto a sinistra) pubblicato dalla “Cuneiform Records” ci proporranno una composizione originale intitolata “The New Fragrance”. Proseguiremo con il COLOMBO MENNITI Trio (Colombo Menniti,g, Andrea Brissa, B. Francesco Scopelliti, d) che ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Troubles” tratta dal CD “Five” (nella 2a foto a destra) pubblicato dall'”Alfamusic”. Potremo quindi ascoltarci il WASABI Quartet (Walter Pignotti, g, Emanuele Evangelista, p, Gianludovico Carmenati, b. Michele Sperandio, d) che ci farà ascoltare una bella composizione originale intitolata “Sos” tratta dal CD ”Zero Zen” (nella 3a foto a sinistra), pubblicato dalla ”Notami”. Sarà poi la volta di TIZIANO TONONI & SOUTHBOUND (Tiziano Tononi, d, Piero Bittolo Bon, as/cl,fl, Emanuele Passerini ts/ss, Emanuele Parrini, vi/viola), Joe Fonda, b; Carmelo Massimo Torre, acc, Pacho, congas/bongos/pc, Marta Raviglia, v) che ci proporrà “”I'n Not My Cross To Bear”, tratta dal CD “Trouble No More...All Men Are Brothers – A Tribute To The Spiritual Unity Of The Allman Brothers Band” (nella 3a foto a destra) pubblicato dalla “Long Song Records”. Chiuderemo la serata con il DAVIDE PELUSO Quartet (Davide Peluso, b, Alberto Parmegiani, g, Andrea Biondi, vib, Riccardo Gambatesa, d) che ci offrirà una sua interessante composizione originale intitolata “The Blue Zone”, tratta dall'omonimo CD (nella 4a foto a sinistra) pubblicato dalla “A.MA Edizioni”. Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Giovedi dalle 19,30, in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu . Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa, http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
27
Giu
animajazz::animajazz
98 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, “Blues Fires” e il “Dubidubidù” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il giovedì dalle 19:30 alle 20:25;
BLUES FIRES(da Febbraio ad Ottobre) : il lunedi dalle 20:30 alle 21:25;
DUBIDUBIDÙ: Festival Delle Voci Jazz Italiane”: (da Ottobre a Gennaio): il lunedi dalle 20:30 alle 21:25.
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      20/07/2017: animajazz 771
      17/07/2017: blues fires 141
      13/07/2017: animajazz 770
      10/07/2017: blues fires 140
      06/07/2017: animajazz 769
      03/07/2017: blues fires 139
      29/06/2017: animajazz 768
      26/06/2017: blues fires 138
      22/06/2017: animajazz 767
      19/06/2017: blues fires 137
      15/06/2017: animajazz 766
      12/06/2017: blues fires 136
      08/06/2017: animajazz 765
      05/06/2017: blues fires 135
      20/09/2009: Speciale 1