mercoledì 16 agosto 2017 ore 21:00
Federico Bonifazi All Stars - UNOJAZZ SANREMO

Federico Bonifazi piano
Emanuele Cisi sax
Francesco Cafiso sax alto
Giampaolo Casati tromba
Gabriele Evangelista contrabbasso
Alfred Kramer alla batteria

Pian di Nave
Sanremo


Mercoledì 16 agosto 2017 nell’ambito del Festival Internazionale di Musica Jazz “UNOJAZZ SANREMO”, (Pian di Nave, ore 21.00 – Sanremo), il pianista e compositore Federico Bonifazi presenta in anteprima assoluta la Suite “Colori d’Autunno”, il nuovo album la cui uscita è prevista per l’inizio del 2018.
In questa occasione il pianista umbro sarà accompagnato da una vera e propria formazione di “All Stars” che vede la partecipazione di Emanuele Cisi al Sax Tenore, Giampaolo Casati alla tromba, Gabriele Evangelista al contrabbasso, Alfred Kramer alla batteria e che vede come super ospite Francesco Cafiso al Sax Tenore.

Bonifazi con questa Suite descrive e racconta i diversi colori dell’autunno, i paesaggi umbri, tutto ciò che li circonda e che gli dà vita attraverso il ritmo, la melodia e l’armonia. La sua musica è fatta di paragoni e similitudini; un album nel quale si fondono armoniosamente musica, natura e colori.
Il nuovo album che sarà registrato in autunno, sarà composto da 8 brani i cui titoli rispecchiano, con l’andamento del loro ritmo, l’andamento dello scorrere dell’autunno.
Questo nuovo lavoro nasce dalla forte passione del pianista umbro nei confronti della musica e della sua terra ma grazie anche all’intuito e l’esperienza di Giampaolo Casati nel ricercare strumenti e musicisti adatti per questo nuovo progetto.
Federico Bonifazi considerato uno dei nuovi talenti della scena musicale italiana degli ultimi anni, ha all’attivo diverse esperienze e tour che lo hanno portato a suonare in Europa e negli Stati Uniti con grandi nomi del panorama jazz nazionale ed internazionale tra cui Philip Harper, John Webber, Jimmy Cobb, Billy Kaye, Joel Frahm, Eric Alexander, Peter Giron, Paul Jeffrey, Antoine Banville, Emanuele Cisi, Aldo Zunino, Furio di Castri e molti altri ancora. La musica di Bonifazi racchiude in sé il giusto mix tra tradizione jazzistica internazionale e creatività armonica di stampo moderno; la sua facilità compositiva gli permette il giusto equilibrio tra melodie cantabili e una fervida creatività armonica di stile moderno, a volte anche complessa.
Nella sua più recente produzione discografica troviamo “74th Street" registrato a New York in quartetto con Philip Harper (tr), John Webber (cb), Billy Kaye (dr) uscito a maggio del 2017 con la “Steeplechase Production” e “You’ll See” con Jimmy Cobb (dr), John Webber (cb) ed Eric Alexander (sax t), uscito a maggio 2016 sempre con l’etichetta danese “Steeplechase Production”.

Contacts:
Federico Bonifazi Official Website: www.bonifazifederico.com
Official Facebook Page: https://www.facebook.com/pages/Federico-Bonifazi/

Per informazioni http://www.unojazzsanremo.it/

Ufficio Stampa Federico Bonifazi
Top1 Communication Press Office
Referente Stefania Schintu Cell. +39 347 0082416
Mail: segreteria@top1communication.eu





Federico Bonifazi è considerato uno dei nuovi talenti della scena musicale italiana degli ultimi anni. Nato a Terni e trasferitosi successivamente a Parigi, si è distinto anche grazie a riconoscimenti in alcuni concorsi italiani classificandosi al secondo posto al Premio” Incroci sonori 2007” e come finalista al "Premio Nazionale Chicco Bettinardi e al "Premio Carrarese Padova Porsche Festival" sia con il suo quartetto sia come sideman.
Nel 2011 e 2012 la prestigiosa rivista Musica Jazz lo cita come uno dei pianisti emergenti più interessanti a livello nazionale. Dopo gli studi classici svolti in Umbria, si è diplomato nel 2007 a Parigi nella American School of Modern Music (Filiale della Berklee College of Music di Boston) in pianoforte Jazz, composizione ed arrangiamento. In seguito consegue la laurea di I e II livello presso il Conservatorio G. Verdi di Torino con F. Di Castri, Giampaolo Casati e Dado Moroni. Ha studiato jazz seguendo lezioni private e workshop con: Cinzia Gizzi, Steve Browman, Giovanni Mirabassi, Antoine Hervee, Dado Moroni, Riccardo Zegna. Si è esibito in jazz club, Festival e Rassegne in diversi Paesi del Mondo: al Parigi Caffè Universal, in orchestra al Sunset & Sunside Parigi, Jazz club Caffè Vivaldi New York , Jazz Club Fat Cat New York, Jazz Club Ciuciulia, Count Basie (GE), Jazz Club (TO), Mad Dog Jazz Club, Officine Bohemien, Festival di Bolzano “Lana Meets Jazz” all’Ansitz Rosengarten - Paul Jeffrey Quintet, Festival di Piossasco, Festival Jazzontheroad Castello (BS), Porsche Live (PC), Sala Estense (FE), Araba Fenice Collescipoli, Caffè Bucatti Jazz club e molti altri ancora.
Ha suonato con musicisti di fama mondiale sia come Leader sia come sideman, tra cui: Philip Harper (tr), John Webber (cb), Jimmy Cobb (dr), Billy Kaye (dr), Joel Frahm (sax a), Eric Alexander (sax t), Peter Giron (cb), Paul Jeffrey (sax t) Antoine Banville (dr), Marco Collazzoni (sax), Emanuele Cisi (sax), Furio di Castri (cb), Mauro Battisti (cb), Alessandro Majorino (cb), Giampaolo Casati (tr), Aldo Zunino (cb), Alessandro Minetto (dr), Mattia Barbieri (dr), etc.
Nel settembre 2011 le composizioni di Federico Bonifazi sono state suonate al “Festival Seminario Filicudi Jazz” (Isola Filicudi) dagli allievi di combo guidati dal maestro Giampaolo Casati. Nel luglio 2011 durante il Festival “Musica al Castello” presso Visone (AL) le composizioni di Bonifazi sono state eseguite da Giampaolo Casati (tr) e Riccardo Zegna (piano). Nella sua produzione discografica troviamo “74th Street" registrato a New York nel 2014 in quartetto con Philip Harper (tr), John Webber (cb), Billy Kaye (dr) uscito a maggio del 2017 con la “Steeplechase Production”.
Nel marzo 2015 ha registrato presso lo studio “Tedesco” di New York (New Jersey), il CD “You’ll See” con Jimmy Cobb (dr), John Webber (cb) ed Eric Alexander (sax t), uscito a maggio 2016 con l’etichetta danese “Steeplechase Production”.
Emanuele Cisi - sax tenore
Nato a Torino nel 1964, musicista autodidatta è una delle voci più rappresentative nel sax tenore nella scena jazz internazionale di oggi. La sua profonda conoscenza della tradizione jazzistica e il suo gusto personale per la composizione sono diventati un marchio di fabbrica per gli amanti del jazz. Nella sua carriera ha collaborato con molti grandi artisti e nel 2015 e 2016 è stato nominato come miglior sax tenore italiano dalla rivista Jazzit. Dal 2012 è professore al Conservatorio di Torino con una cattedra in Sassofono Jazz.
Giampaolo Casati - tromba
Trombettista e arrangiatore, nato a Genova nel 1959, svolge da diversi anni attività concertistica, didattica e d’arrangiatore per Big Band e Combo Jazz. Vanta numerose collaborazioni con musicisti di grande calibro e la partecipazione ai maggiori Festival Italiani e internazionali. Nella sua produzione si contano anche arrangiamenti per colonne sonore per cinema, teatro e pubblicità.
Francesco Cafiso - sax alto
Inizia a suonare il sax a soli sei anni ma già a nove anni è in tour con la sua band composta da musicisti adulti che lui dirige con grande maturità. Wynton Marsalis nel 2002 all’età di tredici anni lo coinvolge nel suo tour europeo e nel 2004 è ospite d’onore al Festival di Sanremo. Pur giovanissimo la sua carriera è ricca di collaborazioni di rilievo con grandi nomi del jazz e vanta la partecipazione a importanti Festivals Jazz nazionali ed internazionali.
Alfred Kramer - batteria
Svizzero di nascita ma italiano di adozione Alfred Kramer si appassiona giovanissimo alla musica e a soli 18 anni incide il suo primo disco. Fino ad oggi ha collaborato con numerosi musicisti di rilievo italiani ed esteri e ha partecipato ai festivals più importanti nazionali ed internazionali. Attualmente risiede a Genova, dove svolge l’attività didattica e lavora stabilmente con L’Orchestra jazz genovese Bansigu Big Band, sia come trombettista che come direttore.
Gabriele Evangelista - contrabbasso
Nato a Poggibonsi (SI) nel 1988 e cresciuto a Livorno, si è diplomato in contrabbasso nel 2006 con il massimo dei voti, la lode. Prima di dedicarsi esclusivamente al jazz ha suonato in orchestre e gruppi cameristici di musica classica. Successivamente ha scoperto una naturale disposizione alla creatività e all’improvvisazione ha trovato nel jazz il genere più congeniale, iniziando a coltivarlo con grande passione. Nonostante la giovane età, Gabriele Evangelista vanta, in ambito jazz, un numero di collaborazioni da musicista dalla lunga carriera.

Benvenuto su .
AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale; “DUBIDUBIDU': FESTIVAL RADIOFONICO DELLE VOCI JAZZ ITALIANE”. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della MUSICA JAZZ QUALE ALTA FORMA D'ARTE E DI COMUNICAZIONE. Animajazz è ascoltabile anche via WEB collegandosi negli orari di programmazione a questo sito ed a www.puntoradio.fm.

Nella puntata n° 792 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda GIOVEDI 14 dicembre alle 19,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 – JULIAN GERSTIN SEXTET – CD “The One Who Makes You Happy” - “Child Left Behind”; 1a foto a sinistra 2 – CARN DAVIDSON 9 – CD “Murphy” - “Try Again”; 1a foto a destra 3 – GHOST TRAIN ORCHESTRA – CD “Book of Rhapsodies” - “The House Detective Registers"; 1a foto 1a fila sotto 4 - DARIO DEIDDA – CD “My Favourite Strings Vol.1”; 3a foto 1a fila sotto 5 – REGGIE YOUNG - CD “Young Street” - “Young Street” (Kari-On); 2a foto 1a fila sotto 6 – RAOUL BJORKENHEIM – CD “eCsTaSy - Doors of Perception” - “Ecstasy Dance” - (Cuneiform); 3a foto 2a fila sotto 7 – BILL CHARLAP – CD “Uptown, Downtown” - “Uptown, Downtown”; 1a foto 2a fila sotto 8 – GABRIELE TRANCHINA – CD “Of sailing ships and the stars on your eyes” - “Vera Cruz”; 2a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare GIOVEDI alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare DOMENICA in diretta web su www.puntoradio.fm e da LUNEDÌ potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ". Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com
11
Dic
animajazz::animajazz
19 letture - Share

Nella puntata n° 162 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 11 alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i sdeguenti artisti: 1- JEFF MICHAELS – CD “My Wicked Ways” - “Sweetest Victory”; 1a foto a sinistra 2- BILL WYMAN's Rhythm Kings – CD “Rocking The Roots” (2017) - “Flatfoot Sam”; 1a foto a destra 3- KSENIYA FEDULOVA GROUP – cd “Live in Concert The Tennis Club Gallery” - “Do me blues, dad” (2017) ; 1a foto 1a fila sotto 4- JOHNNY RAY JONES - “Feet Back In The Door” - “Hard Times Won” (2017) ; 3a foto 1a fila sotto 5- KALO – CD “Wild Change” - “Fix”; 2a foto 1a fila sotto 6- BIG HEAD TODD And The Monsters – CD “New World Arisin’” - “Long Coal Train” (2017); 3a foto 2a fila sotto 7- BIG PAPA And The TCB – CD “Let Your Hair Down” - “In The Dawg House” (2017); 1a foto 2a fila sotto 8– GABRIELE DUSI – CD “Startin' Point” - “I'll See You In My Dreams” (AZ Blues – Blues Made in Italy); 2a foto 2a fila sotto 9- COREY DENNISON BAND – CD “Night After Night” - “I Get The Shivers”; foto a sinistra 3a fila 10- MARE EDSTROM – CD “Inside The Blues” - “That's Alright” (Rogers) (2004); foto a destra terza fila Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
11
Dic
animajazz::blues fires
27 letture - Share

Mercoledì 13 dicembre 2017, la prima parte della stagione dello Zingarò Jazz Club si completa con il concerto del Massimo Valentini Jumble Music: sul palco del club faentino si esibirà il quintetto formato da Massimo Valentini al sax soprano, sax baritono e voce, Andres Eduardo Langer al pianoforte, Paolo Sorci alle chitarre, Filippo Macchiarelli al basso fretless e Gianluca Nanni alla batteria. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Jumble Music nasce dalle ispirazioni raccolte da Massimo Valentini nei luoghi in cui ha vissuto o suonato. Jumble, in inglese, significa guazzabuglio, mescolanza e, per traslato, fusione: nella musica del sassofonista si fondono, ad esempio, suoni e ritmi del Sud America e dell'Europa orientale. Con questo progetto, Massimo Valentini presenta in modo coerente le sue intenzioni musicali, esce dagli steccati dei singoli generi - jazz, musica sudamericana, musica balcanica o world music - per mettere a confronto atmosfere e attitudini lontane tra loro, tanto per distanza geografica che per inclinazione culturale. Jumble diventa perciò la sintesi di tanti aspetti anche contraddittori, presi singolarmente: eleganza e rozzezza, precisione e confusione, pazzia e razionalità, dolcezza e sfrenata passione. Una musica che rappresenta a pieno l'essenza espressiva di Massimo Valentini, la sua visione del mondo ed il suo modo di vivere. L'interplay tra i musicisti consente una visione di insieme utile a dare spessore e coerenza all'incontro sonoro evocato da Valentini e svelato immediatamente nel titolo del progetto. Come scrive Javier Girotto nelle note di copertina di Jumble, il disco pubblicato per Abeat Records nel 2016, Valentini presenta «una ricerca di scrittura e interpretazione di stili provenienti da diverse parti del mondo» e questo ne fa «un disco rivolto a tutti, per intenditori e non, dove il comune denominatore è la melodia che ci accompagna, senza accorgerci, all’ascolto completo di tutto il disco.» Massimo Valentini è da sempre attento alle possibilità di incontro tra musiche di provenienza diversa. Jumble Music è il suo nuovo progetto formato nel 2016, con cui ha registrato il primo disco a suo nome, Jumble appunto. Il suo percorso è testimoniato inoltre dalle sue molteplici collaborazioni come quella con l'Atem Saxophone Quartet con cui ha registrato insieme a Javier Girotto i dischi "Suix", pubblicato dall'etichetta "Parco della Musica Records", e "Araucanos" pubblicato per l’etichetta "JG Records" o la sua presenza nell'Italian Saxophone Orchestra, fondata nel 1985 e diretta dal Maestro Federico Mondelci. La sua attività artistica lo vede presente anche sul fronte della composizione e dell'arrangiamento. Lo Zingarò Jazz Club da appuntamento al nuovo anno: mercoledì 10 gennaio 2018, infatti, la seconda parte della stagione del club faentino si aprirà con il concerto dei New Magazine, la formazione composta da Basilio Dalmonte alle tastiere, Daniele Corraro ai sassofoni, Mirko Guerra alla chitarra, Niko Rivola al basso elettrico e Fabio Sartoni alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
8
Dic
Fabio Ciminiera::notizie
23 letture - Share

Nella puntata n° 791 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda GIOVEDI 7 Dicembre alle 19,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 – LAUREEN KINHAN – CD “A Sleepin Bee” - “A Sleepin Bee”; 1a foto a sinistra 2 - SYLVAIN NEAULT- FRANÇOIS COUTURE – CD “De-ci, de-là - Vol.1 Les Colours” - “Blue Moon” - (Boghei Records); 1a foto a destra 3 – MARILENA PARADISI e KIRK LIGHTSEY - CD “Some Place Called Where” - “Autumn Nocturne”; 1a foto 1a fila sotto 4 – QUARTETTO 19 - CD “Narrafantasmi” - “Suite Canaria - Calima” - (Splasch); 3a foto 1a fila sotto 5 - DOMENICO AMMENDOLA, ANDREA BRISSA, GIANCARLO SCOPELLITI, guest ACHILLE SUCCI- CD “Play” - “Portrait of You” - (Alfamusic); 2a foto 1a fila sotto 6 – FRANCESCO VENERUCCI feat. DAVE LIEBMAN – CD “Early Afternoon” - “Music For Lilith” (Dodicilune); 3a foto 2a fila sotto 7 – LUCIA IANNIELLO – CD “Live at Acuto Jazz” - “Other” - (Slam); 1a foto 2a fila sotto 8 – UBIK Trio – CD “Dirthy Hands” - “Burning Chrome” (Abeat); 2a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare GIOVEDI alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare DOMENICA in diretta web su www.puntoradio.fm e da LUNEDÌ potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ". Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com
5
Dic
animajazz::animajazz
65 letture - Share

Marco Di Battista al piano e Franco Finucci alla chitarra con il progetto Sonic Latitudes proseguono in una ricerca musicale a quattro mani avviata da diversi anni, un'esplorazione che unisce alla freschezza della melodia l'attitudine verso la ricerca, la predisposizione verso le nuove tendenze del jazz contemporaneo. Di Battista e Finucci si esibiscono frequentemente in duo, una formazione che favorisce un flusso musicale ispirato, in perenne divenire, libero da condizionamenti stilistici. Le composizioni originali dei due musicisti esprimono una scrittura concreta, dagli slanci improvvisativi sorprendenti e coinvolgenti. I brani nascono da un dialogo intenso, permeato da un linguaggio jazzistico esemplare per coerenza e per concreta direzione musicale. Marco Di Battista e Franco Finucci collaborano in modo stabile da molto tempo e in diverse formazioni. Il nome del gruppo scelto, Sonic Latitudes, proviene dal titolo del disco che i due musicisti hanno registrato nel 2013. Nell'estate del 2016, Di Battista e Finucci hanno dato vita a Sonic Latitudes Nordic Experience, insieme alla ritmica formata da Arild Andersen e Paolo Vinaccia. Inoltre è in uscita un nuovo disco in formazione di quintetto a nome di Franco Finucci, che vede la presenza del noto sassofonista Stefano Di Battista con il quale il gruppo si è esibito nel 2017.
5
Dic
Fabio Ciminiera::notizie
13 letture - Share

Con due appuntamenti in programma nel fine settimana, Aldo Franceschini e Fabio Ciminiera presentano il libro In prima persona - Aldo Franceschini a Le Caltapie di Lanciano, sabato 9 dicembre 2017 alle ore 18, nell'ambito de La Prima Stagione, e a Foggia, domenica 10 dicembre 2017 alle ore 11, nell'ambito dei matinée del Giordano in Jazz Winter, nella Sala Fedora del Teatro Giordano. Entrambi gli incontri sono ad ingresso libero. L'appuntamento foggiano, inoltre, sarà seguito dal concerto di Sonic Latitudes, il duo costituito to da Marco Di Battista al pianoforte e Franco Finucci alla chitarra. Il libro è un racconto dedicato alle avventure musicali di Aldo Franceschini, protagonista appunto degli episodi narrati nel volume. Ascoltatore appassionato, contrabbassista dei Nassa, promoter per case discografiche, uomo di palco e di diplomazia per Pescara Jazz. Aldo Franceschini vive ed ha vissuto sempre in mezzo alla musica. Nelle maniere più disparate e sorprendenti, in situazioni eroiche e del tutto diverse da quelle di oggi. In prima persona raccoglie perciò una vicenda caratterizzata da una serie di incontri con musicisti di altissimo livello, incontri dal taglio molto particolare: vissuti in prima persona, appunto, e secondo modalità mai scontate o prevedibili. Una storia irripetibile per l'incrocio di combinazioni e, soprattutto, per l'atteggiamento scanzonato del protagonista. Un racconto in equilibrio sul filo del gioco e della memoria. Trattenere gli episodi vissuti da Aldo Franceschini consente di non disperdere un patrimonio davvero prezioso di ricordi. La vitalità e lo spirito con cui sono stati vissuti e raccontati, inoltre, spogliano la narrazione della patina normalmente associata ad ogni lavoro basato sulla memoria. Il volume rappresenta una riflessione possibile, condotta attraverso le esperienze affrontate da Aldo Franceschini nel suo viaggio a fianco degli eventi musicali. Il risultato è un breve e partecipato racconto sul filo degli aneddoti, delle esperienze e delle riflessioni, uno sguardo tra passato, presente e futuro per cogliere differenze e similitudini nel modo di vivere la musica - ma anche la letteratura o l'arte - con passione, un invito divertente e divertito a non accontentarsi di quello che passa il convento. In prima persona completa il percorso avviato da Il tempo di un altro disco e proseguito con La musica non è scontata. Tre prospettive differenti per raccontare i cambiamenti nell'approccio alla musica e per ragionare sulle conseguenze - positive e negative - di ogni evoluzione tecnologica o umana sulla curiosità e sullo sviluppo dei nostri gusti.
5
Dic
Fabio Ciminiera::notizie
13 letture - Share

Nella puntata n° 161 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 4 Dicembre alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- BASEMENT SAINTS – CD “Bohemian Boogie” (2017) - “Bohemian Boogie” ; 1a foto a sinistra 2- GOSPEL BOOK REVISITED – CD “Won't You Keep Me Wild?” (2017)- “I Just Want To Make To You” – (AZ Blues - Blues Made In Italy); 1a foto a destra 3- SAMANTHA FISH – CD “Belle Of The West” (2017) - “Cowtown” - (RUF Records); 1a foto 1a fila sotto 4- THE PETTING BLUES BAND – CD “Ridin'” (2016) - “Ridin'” ; 3a foto 1a fila sotto 5- JONATHAN ELLISON – CD “Guitar Cry For Me” (2017) - “Outside Love Affair”; 2a foto 1a fila sotto 6- INDIGENOUS – CD “Gray Skies” (2017) – “Both to Blame”; 3a foto 2a fila sotto 7- KOKO TAYLOR – CD “Queen Of The Blues” - “Evil” - (Alligator); 1a foto 2a fila sotto 8- JOSEPH VELOZ – CD “Offerings” (2017) - “Kiss”; 2a foto 2a fila sotto 9- BLUES COMPANY – CD “With A Little Help...” - "Cry For Me" (2017); foto 3a fila Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
3
Dic
animajazz::blues fires
55 letture - Share

Mercoledì 6 dicembre 2017, lo Zingarò Jazz Club presenta un doppio appuntamento. Nella prima parte della serata Enrico Bettinello presenta il suo nuovo libro Storie di Jazz. A seguire il concerto dello Schtop-In Trio, formato da Alessandro Fabbri alla batteria, Franco Nesti al contrabbasso e Jacopo Martini alla chitarra. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Sin dal suo apparire in libreria, Storie di jazz si è rivelato un volume ideale per aprire le porte di questa straordinaria musica a appassionati vecchi e nuovi. Enrico Bettinello presenta il libro allo Zingarò Jazz Club e conduce gli spettattori in un intrigante viaggio attraverso la vita e la musica di decine di jazzisti famosi e meno famosi, spaziando attraverso i decenni e gli stili. Il filo narrativo si tiene lontano dalle mitologie un po’ nostalgiche, per offrire una lettura originale e immediata delle figure prese in considerazione: nasce così una guida che unisce il calore della narrazione biografica all’accuratezza della analisi musicale, una sorta di educazione sentimentale costruita grazie agli artisti che hanno contribuito a costruire un secolo di grandi e piccole meraviglie sonore. Lo Schtop-In Trio si proietta nell'arte dell'interplay e dell'improvvisazione. Anche se Alessandro Fabbri, Franco Nesti e Jacopo Martini si conoscono da molti anni ed hanno collaborato in numerose formazioni, non si sono però mai misurati nel formato sobrio del trio. Invenzioni originali e arrangiamenti su composizioni di autori apparentemente lontani tra loro coabitano in un repertorio pensato per emozionare e sorprendere. La prima parte della stagione dello Zingarò Jazz Club presenta si completa, mercoledì 13 dicembre 2017, con Massimo Valentini Jumble Music: sul palco del club faentino si esibirà il quintetto formato da Massimo Valentini al sax soprano, sax baritono e voce, Andres Eduardo Langer al pianoforte, Paolo Sorci alle chitarre, Filippo Macchiarelli al basso fretless e Gianluca Nanni alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
3
Dic
Fabio Ciminiera::notizie
15 letture - Share

Nella puntata n° 790 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda GIOVEDI 30 Novembre alle 19,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 - FRANCESCO ALEMANNO 5TET - CD “The Nearness of You” - “Dizzy's” - (Dodicilune); 1a foto a sinistra 2 - OTTIMO MASSIMO (5et) – CD “Tella Tingia Te” - “La Scoperta del Panachè”(Alfamusic) ; 1a foto a destra 3 - KATIE THIROUX – CD “Off Beat” - “Off Beat”; 1a foto 1a fila sotto 4 - BOB MUNDY - CD “Love To Me” - “Getting Beyond Goodbye” - (Kari-On); 3a foto 1a fila sotto 5 - ALESSANDRA MIRABELLA Quintet – CD “Remember” - “The Best Thing For You Is Me” - (Jazzy Records); 2a foto 1a fila sotto 6 – JOONA TOIVANEN Trio – CD “XX” - “Robots” (CAM Jazz); 3a foto 2a fila sotto 7 – DICK FREGULIA Trio – CD “What Now” - “Falling Grace”; 1a foto 2a fila sotto 8 – PAUL McCANDLESS with the Paul Winter Consort – CD “Morning Sun . Adventures With Oboe” - “Um Abraço”; 2a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare GIOVEDI alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare DOMENICA in diretta web su www.puntoradio.fm e da LUNEDÌ potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ". Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com
29
Nov
animajazz::animajazz
66 letture - Share

Nella puntata n° 160 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 27 alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i sdeguenti artisti: 1- KATIE WEBSTER – CD “Two-Fisted Mama” - “Pussycat_Moan” - (Alligator Records); 1a foto a sinistra 2- DOWNCHILD – CD “Something I've Done” - “Something I've Done” (2017) - Rick Lusher; 1a foto a destra 3- ROBERT RANDOLPH & The Famili Band - “Got Soul” (2017) - “Lovesick” ; 1a foto 1a fila sotto 4- THE BIG JAMBOREE - “A Night Of Jump Blues” (2017) - “They Call Me The Fat Man” ; 3a foto 1a fila sotto 5- AL COFFEE McDANIEL - “Blues In My Shoes” (2017) - “Thrill Is Gone” ; 2a foto 1a fila sotto 6- AURELIEN MORRO & The Checkers - “French Quarter” (2017) - “For What It's Worth”; 3a foto 2a fila sotto 7- KING KING - Exile & Grace (2017) - “Long Time Running”; 1a foto 2a fila sotto 8– ROB TOGNONI Power Blues Rock- Brave (2016) - “Don't Be Too Hard On Me”; 2a foto 2a fila sotto 9- LARRY GRIFFITH Band - “Shake It Loose” (2017) - “Shake It Loose” ; foto 3a fila Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
25
Nov
animajazz::blues fires
26 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, “Blues Fires” e il “Dubidubidù” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il giovedì dalle 19:30 alle 20:25;
BLUES FIRES(da Febbraio ad Ottobre) : il lunedi dalle 20:30 alle 21:25;
DUBIDUBIDÙ: Festival Delle Voci Jazz Italiane”: (da Ottobre a Gennaio): il lunedi dalle 20:30 alle 21:25.
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      11/12/2017: blues fires 162
      07/12/2017: animajazz 791
      04/12/2017: blues fires 161
      30/11/2017: animajazz 790
      27/11/2017: blues fires 160
      23/11/2017: animajazz 789
      20/11/2017: blues fires 159
      16/11/2017: animajazz 788
      13/11/2017: blues fires 158
      09/11/2017: animajazz 787
      06/11/2017: blues fires 157
      02/11/2017: animajazz 786
      26/10/2017: animajazz 785
      20/09/2009: Speciale 1