mercoledì 28 marzo 2018 ore 10:00
Masterclass con Andrea Pozza

Andrea Pozza. pianoforte

Conservatorio Antonio Buzzolla
Adria


Mercoledì 28 Marzo 2018, il pianista Andrea Pozza terrà una masterclass presso il Conservatorio Antonio Buzzolla di Adria

Nel corso della mattina (dalle 10 alle 13) ascolterà i pianisti; mentre nel pomeriggio (dalle 14 alle 17) si concentrerà sui cantanti e sugli altri strumentisti

Per gli allievi del Conservatorio, la partecipazione alla Masterclass è gratuita, per gli esterni invece, il costo è di 30 euro

L'iscrizione va comunicata all'ufficio produzione del Conservatorio entro una settimana prima. Le istruzioni per fare il versamento sull'iban sono al seguente link (dove viene spiegata anche la procedura per avere l'attestato): https://www.conservatorioadria.it/wp-content/uploads/2016/02/Regolamento-Masterclass-e-Seminari-1.pdf

Benvenuto su .
AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale; “DUBIDUBIDU': FESTIVAL RADIOFONICO DELLE VOCI JAZZ ITALIANE”. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della MUSICA JAZZ QUALE ALTA FORMA D'ARTE E DI COMUNICAZIONE. Animajazz è ascoltabile anche via WEB collegandosi negli orari di programmazione a questo sito ed a www.puntoradio.fm.

Nella puntata n° 172 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 19 Febbraio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- JACKS RIVER Band – CD “Woodland Creatures” - “One Way... Or Another” (2017); 1a foto a sinistra 2- JEFF WYATT – CD “Privy To The Blues” - “Roll And Tumble” (2017); 1a foto a destra 3- ILANA KATZ KATZ – CD “Subway Stories” - “Subway Blues” (2017); 1a foto 1a fila sotto 4- OTIS SPANN – CD “The Biggest Thing Since Colossus” - “I Need Some Air”; 3a foto 1a fila sotto 5- BIRNAM WOOD Band – CD “Birnam Wood” - “20's Ladies” (2017); 2a foto 1a fila sotto 6- DIRTY SWEET – CD “Once More Unto The Breach” - “ Walk Alone” (2017); 3a foto 2a fila sotto 7- THE NICK MOSS Band – CD “The High Cost Of Low Living” - “Get_Your_Hands_Out_Of_My_Pockets” (Alligator); 1a foto 2a fila sotto 8- ERIC BELL – CD “Standing At A Bus Stop” - “One Day Too Early” (2017); 2a foto 2a fila sotto 9- ; foto 3a fila 10- ; Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
16
Feb
animajazz::blues fires
14 letture - Share

Mercoledì 21 febbraio 2018, sul palco dello Zingarò Jazz Club si esibirà Jazz Inc., quintetto formato da Alessandro Fariselli al sax tenore, Giacomo Uncini alla tromba, Massimiliano Rocchetta al pianoforte, Mauro Mussoni al contrabbasso e Fabio Nobile alla batteria. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Jazz Inc. è un vero e proprio contenitore musicale che, negli anni ha collaborato, con alcuni degli interpreti più celebri del panorama jazz italiano ed internazionale. Una formazione versatile e capace di un linguaggio moderno: l'eclettico ensemble romagnolo spazia dall'hard-bop al soul-jazz e si colloca tra le band più in vista del panorama jazzistico grazie alla presenza nei più prestigiosi club e festival internazionali insieme ad artisti quali Mario Biondi, Gegé Telesforo, Joyce E. Yuille, Rosalia De Souza, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Marco Tamburini e Nicola Conte. Nell'album pubblicato nel 2016, Jazz Inc. riprende con energia e vitalità tutto il senso del blues e la forza espressiva che contraddistingue le atmosfere e i brani del genere. Nel disco, tutto questo passa attraverso l'omaggio reso ai musicisti che hanno dato lustro all'hard bop negli anni Sessanta, con l'esecuzione dei loro brani più celebri, e si consolida con i brani originali, del tutto coerenti nello stile e nell'approccio, composti dai membri della formazione. Il prossimo appuntamento con la stagione dello Zingarò Jazz Club è in programma mercoledì 28 febbraio 2018 con il concerto del quintetto vocale Il Quinto Elemento composto da Irene Giuliani, Mya Fracassini, Elisa Mini, Paola Rovai e Stefania Scarinzi. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
16
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
13 letture - Share

Due appuntamenti chiudono la  rassegna Metjazz 2018:  Unica data in Italia, Venerdì 16 febbraio alle ore 21.15, nella del Sala Vanni Musicus Concentus a Firenze  dalla Svezia arriva FIRE!, il supergruppo eccitante e distorto del jazz contemporaneo,composto da Mats Gustafsson (sassofoni, elettronica), Johan Berthling (basso elettrico)e Andreas Werliin(batteria e percussioni). Un trio carico di energia, che smonta le tradizioni classiche, inserendo nuove sfumature di suoni e soprattutto freschi approcci nella musica improvvisata – approcci provenienti in egual muisura dal garage punk, dai suoni della heavy indusrty e dall’elettronica. Lunedì 19 febbraio alle ore 21.00 al Teatro Metastasio chiude la rassegna il concerto Una festa cubana della violinista cubana YILIAN CAÑIZARES con il suo quintetto “INVÓCACION”, formato dal pianoforte di Daniel Stawinski, il contrabbasso di David Brito, la batteria di Frank Durand, le percussioni di Inor Sotolongo. La vicenda personale e artistica di Yilian Cañizares è esemplare dei percorsi musicali nell’era della globalizzazione. Ha iniziato a studiare violino all’Avana, la sua città natale, e si è formata alla grande scuola didattica russa, che domina la scena cubana classica. Nel 1997 studia in Venezuela ma tre anni dopo emigra in Svizzera per studiare al Conservatorio di Friburgo. Ed è qui, in Svizzera, che la violinista, il cui obbiettivo è diventare una musicista classica, scopre il jazz e comincia anche a cantare. Il suo idolo è Stéphane Grappelli, sul cui virtuosismo agile e cantabile modella il suo stile. Presa la cittadinanza svizzera, la Cañizares inizia una carriera da solista jazz, con gruppi che mescolano le tradizioni afrocubane con la musica statunitense: prima il trio Ochumare (“arcobaleno” in yoruba), e poi l’attuale quintetto. Dunque la mescolanza di lingue è la cifra della sua musica: non solo perché canta in spagnolo, yoruba e francese, ma perché nella sua musica con grande senso dello spettacolo e impeccabile rigore della forma si mescolano stili diversi senza scadere in soluzioni più facili. Al contrario, il senso dello spettacolo, la brillantezza inventiva e il gioco d’assieme dei suoi gruppi producono un jazz di ispirazione cubana in chiave contemporanea. E il fatto che quell’allieva della scuola russa all’Avana oggi sia un’insegnante di violino e improvvisazione all’Ecole de jazz et des musiques actuelles di Losanna dimostra ancora una volta che i percorsi delle migrazioni e dei meticciati musicali possono raggiungere esiti tanto felici quanto imprevedibili.
15
Feb
cinziaguidetti::eventi, notizie
12 letture - Share

Nella puntata n° 801 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda GIOVEDI 15 Febbraio alle 19,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 – ACUTE INFLECTIONS – CD “The Brave” - “Kiss”; 1a foto a sinistra 2 – REZ ABBASI – CD “Unfiltered Universe” - “Thin-King”; 1a foto a destra 3 – GHIGLIONI - POTTS – LENOCI – CD “NO BABY” – “Let Us Live” (Dodicilune); 1a foto 1a fila sotto 4 – GIACOMO GRASSI – CD “In Forma Di Rosa Vol 1” - “Rosa damascena” (an-gaap); 3a foto 1a fila sotto 5 - GIANNI VANCINI – CD “Get Your Groove On” - “Top Down” (Alfamusic); 2a foto 1a fila sotto 6 – ELLIOT GALVIN – CD “The Influencing Machine” - “Planet Ping Pong” (Edition Records); 3a foto 2a fila sotto 7 – HARLEY CARD – CD “The Greatest Invention” - “April Song”; 1a foto 2a fila sotto 8 – LISA HILTON – CD “Escapism” - “Another Everyday Adventure” (2018); 2a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare GIOVEDI alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare DOMENICA in diretta web su www.puntoradio.fm e da LUNEDÌ potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ". Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com
13
Feb
animajazz::animajazz
69 letture - Share

All’interno di Metjazz 2018, giovedì 15 febbraio ore 21.00 al Teatro Politeama Pratese il jazz incontra la musica classica nel concerto in PRIMA ASSOLUTA Blues on Bach. John Lewis e il Modern jazz Quartet. Coprodotto da Metjazz e Camerata Strumentale “Città di Prato”, questo concerto nasce dall’idea del compositore e arrangiatore Michele Corcella di omaggiare uno dei più importanti esponenti della musica afro-americana: John Lewis, leader e fondatore del celebre Modern Jazz Quartet, il primo a tentare di conciliare il jazz con la musica classica europea. Protagonista di questa produzione originale è il grande pianista Enrico Pieranunzi, accompagnato dal contrabbasso di Luca Bulgarelli e dalla batteria di Mauro Beggio e affiancato dall’Orchestra della Camerata Strumentale Città di Prato. Il rapporto tra jazz e musica classica europea è uno dei temi più dibattuti tra storici, critici e appassionati, ed è ancora oggi oggetto di incomprensioni, visioni storiche distorte e terreno di scontro ideologico. In verità si tratta di una relazione complessa, a tratti contraddittoria, una sorta di incontro-scontro tra culture che si nutre tanto di diffidenze quanto di scambi autentici e fecondi. Di certo esistono delle difficoltà a conciliare linguaggi di provenienza storica così diversa, ma esistono anche molti elementi compatibili che consentono una feconda mescolanza di idee. Nel mondo del jazz è stato il compositore e pianista John Lewis a produrre le opere più belle e importanti. In particolare con il suo Modern Jazz Quartet, tra la metà degli anni Cinquanta e gli anni Settanta, Lewis ha risolto problemi musicali impervi, come la creazione di fughe jazz (anche triple, come Three Windows), strutture a sviluppo con improvvisazione, apertura della forma, strutture tonali ispirate al nome “Bach” e così via, salvaguardando lo swing e un intenso blues feeling, con risultati di eccezionale valore. Essendo fuori dalle categorie compositive tradizionali, la musica di Lewis e del MJQ ha subìto le accuse più assurde, compresa quella di tradire la spontaneità del jazz. Per introdurre il concerto con una preziosa guida all’ascolto, alle ore 19.00 presso il Ridotto del Politeama Pratese, Michele Corcella, affiancato da Stefano Zenni, spiega il suo lavoro di studio e arrangiamento della musica di John Lewis ripensata per Enrico Pieranunzi e orchestra da camera, con ascolti, confronti e riflessioni su come adattare una musica già di per sé sfaccettata e ricca di influenze.
13
Feb
cinziaguidetti::eventi, notizie
31 letture - Share

Nella puntata n° 171 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 12 Febbraio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- BLACK CAT BONE – CD “Get Your Kicks Sessions” - “Get Your Kicks” (2017) ; 1a foto a sinistra 2- RICK ESTRIN & The Nightcats – CD “Groovin' In Greaseland” - “I Aint All That”(2017) (Alligator); 1a foto a destra 3- MORGAN DAVIS – CD “Home Away From Home” - “Last Night I Gave Up Smoking” (2017); 1a foto 1a fila sotto 4- JEFF LIBERMAN – CD “Reflections On Geneva Lake” - “ You're The Woman”; 3a foto 1a fila sotto 5- JACK PALLA – CD “Pistoia Blues Compilation 3 Next Generation” - “Queen of the Dance Floor” (2017). Jack Palla - Queen of the Dance Floor; 2a foto 1a fila sotto 6- COREY DENNISON Band – CD “Corey Dennison Band” - “Tugboat Blues” (2016); 3a foto 2a fila sotto 7- BLUESPAM – CD “What Is Mojo” - “Let's Talk About It” (2017); 1a foto 2a fila sotto 8- TED HAWKINS – CD “Watch Your Step” - “Stop Your Crying” (1982); 2a foto 2a fila sotto 9- KENNY WAYNE SHEPHERD – CD “Lay It On Down-Limited_Edition” – “Down For Love” (2017); foto 3a fila 10- HIP LINKCHAIN – CD “I Am On My Way” – “Same Old Blues” Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
11
Feb
animajazz::blues fires
53 letture - Share

Mercoledì 14 febbraio 2018, la stagione dello Zingarò Jazz Club prosegue con "Schubert In Love" il nuovo progetto di Plankton, il sestetto guidato da Helga Plankensteiner e composto da Helga Plankensteiner al sax baritono e alla voce, Matthias Schriefl alla tromba, Gerhard Gschlössl al trombone, Michael Lösch all'organo Hammond e al pianoforte, Enrico Terragnoli alla chitarra e al banjo e Nelide Bandello alla batteria. Il progetto è sovvenzionato dalla Provincia Autonoma di Bolzano. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Plankton è il sestetto internazionale guidato dalla sassofonista e cantante altoatesina Helga Plankensteiner e si muove sul crinale tra tradizione e modernità. Il nuovo progetto della formazione si misura con arrangiamenti nuovi e sorprendenti di alcuni Lieder di Schubert. Un nome a metà strada tra il gioco di parole - il nome del gruppo fonde assieme il cognome della sassofonista animatrice di questo sestetto con "ton", che in tedesco sta per "suono" - e la metafora di una musica che fluttua tra vari stili come il plancton si lascia trasportare dalle onde. Plankton dimostra, ancora una volta, il talento sfaccettato di Helga Plankensteiner, sassofonista, cantante, bandleader e compositrice. Soprattutto dal vivo, la musica di Plankton si libera con energia deflagrante, merito anche dei due fiati tedeschi: Matthias Schriefl e Gerhard Gschlössl, solisti visionari e pronti a mandare in frantumi ogni prevedibilità musicale. La musica del sestetto conferma i gusti eclettici della Plankensteiner: nella sua musica, ritroviamo sia la tradizione jazzistica che la canzone d'arte mitteleuropea, gli arrangiamenti fanno lo slalom tra il retrò e l'avveniristico, la scrittura rimanda al sound delle big band ed è sempre pronta all'esplosione dinamica. Prima di Plankton, Helga Plankensteiner aveva dato vita a numerose formazioni tutte assai peculiari, dal gruppo El Porcino Organic all'orchestra Sweet Alps. A dimostrazione della sua enorme caratura musicale, nel 2009 è stata chiamata da Carla Bley per fare parte della sua big band. Il primo disco, omonimo, del sestetto Plankton è stato pubblicato nel 2013 per l'etichetta berlinese Jazzwerkstatt. Il prossimo appuntamento con la stagione dello Zingarò Jazz Club è in programma mercoledì 21 febbraio 2018: sul palco del club faentino si esibirà Jazz Inc., quintetto formato da Alessandro Fariselli al sax tenore, Giacomo Uncini alla tromba, Massimiliano Rocchetta al pianoforte, Mauro Mussoni al contrabbasso e Fabio Nobile alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
11
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
34 letture - Share

Nella puntata n° 800 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda GIOVEDI 8 Febbraio alle 19,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 – MARIANO DI NUNZIO “Walking Quartet” - CD "Day By Day” - “Tammurriata in 7/8”; 1a foto a sinistra 2 – JURI DAL DAN & FRANCESCO BEARZATTI – CD “Immaginario Blues” - “Hallelucination Blues” (Artesuono) . ; 1a foto a destra 3 – DUMBO STATION- CD “Tirana Cafè” - “Dumbo Station”- (Alfamusic); 1a foto 1a fila sotto 4 – CINO MAGNAGHI – CD “Lunar” - “Lunar”- (Dodicilune); 3a foto 1a fila sotto 5 - JUSTIN GRAY & Synthesis – CD “New Horizons” - “Rise”; 2a foto 1a fila sotto 6 – ALBERTO LA NEVE e FABIANA DOTA – CD “Lindebrock - Concert for Sax and Voice” - “Depart”; 3a foto 2a fila sotto 7 – JIM GELCER – CD “Melodies Pure and True” – “Fields of Gold” (2017) ; 1a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare GIOVEDI alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com
6
Feb
animajazz::animajazz
186 letture - Share

Jazz. Un disco al giorno un programma di Fabio Ciminiera su RadiostART Il titolo rivela già tutto. Ogni giorno, su RadiostART, Fabio Ciminiera presenta una novità discografica legata al mondo del jazz. Ogni puntata dura venti minuti e saranno tre i brani proposti dal disco scelto. Nella maggior parte dei casi, si tratterà di lavori pubblicati di recente, in modo da esplorare insieme agli ascoltatori il panorama del jazz dei nostri giorni. Di tanto in tanto, però, ci concederemo degli excursus nel passato o in territori musicali altri: se per i grandi capolavori della storia del jazz non c'è bisogno di troppe spiegazioni, gli "sconfinamenti" verso linguaggi diversi ci condurranno verso dischi che possono essere, a ragione o a torto, secondo prospettive dirette o trasversali, annoverati tra le ispirazioni dei jazzisti che troviamo oggi sui palchi dei festival e negli scaffali dei negozi di dischi. Il programma va in onda ogni giorno, alle 18, dal lunedì al venerdì. Per ascoltare RadiostART, ci sono diverse modalità: - collegarsi al sito radiostart.it - andare sulla pagina facebook.com/radiostart.it/app/337680106275807/ e avviare il player - scaricare la App gratuita Tunein (Android / iOS) Naturalmente, sul sito di RadiostART, saranno disponibili tutte le puntate in podcast. La pagina di riferimento del programma è facebook.com/iltempodiunaltrodisco e l'hashtag è #jazzundiscoalgiorno
6
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
27 letture - Share

Nella puntata n° 170 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 5 Febbraio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- BERNARD ALLISON – CD “Let It Go” - “Blues Party” (Ruf Records) (2018); 1a foto a sinistra 2- LIZ MANDVILLE GREESON – CD “Back In Love Again” - “Back In Love Again” (2018); 1a foto a destra 3- ERIC JOHANSON - CD “Burn It Down” - “Til We Bleed” (2017); 1a foto 1a fila sotto 4- BETH GARNER – CD “Snake Farm” - “Ramblin Man” (2017); 3a foto 1a fila sotto 5- REX PEOPLES & X Factr – CD “Fried Food - Hard Liquor” - “All Day Blues” (2018); 2a foto 1a fila sotto 6- LITTLE WILLIE FARMER – CD “I'm Coming Back Home” - “Hurt Me When You Cry” (2017); 3a foto 2a fila sotto 7- MARCIO ROCHA – CD “No Blues Ate Os Ossos” - “Blues Rock And Roll” (2017); 1a foto 2a fila sotto 8- LARRY GRIFFITH Band – CD “Shake It Loose” - “Shake It Loose” (2017); 2a foto 2a fila sotto 9- MIGHTY BLUES BAND – CD “Standing by a Mountain” - “Last Train Around”(2017); 1a foto 3a fila 10- GUY DAVIS & FABRIZIO POGGI – CD “Sonny & Brownie’s Last Train” – “Walk On” (2107); 2a foto, 3a fila Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
4
Feb
animajazz::blues fires
25 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, “Blues Fires” e il “Dubidubidù” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il giovedì dalle 19:30 alle 20:25;
BLUES FIRES(da Febbraio ad Ottobre) : il lunedi dalle 20:30 alle 21:25;
DUBIDUBIDÙ: Festival Delle Voci Jazz Italiane”: (da Ottobre a Gennaio): il lunedi dalle 20:30 alle 21:25.
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      15/02/2018: animajazz 801
      12/02/2018: blues fires 171
      08/02/2018: animajazz 800
      05/02/2018: blues fires 170
      01/02/2018: animajazz 799
      29/01/2018: blues fires 169
      25/01/2018: animajazz 798
      22/01/2018: blues fires 168
      18/01/2018: animajazz 797
      15/01/2018: blues fires 167
      11/01/2018: animajazz 796
      08/01/2018: blues fires 166
      04/01/2018: animajazz 795
      01/01/2018: blues fires 165
      28/12/2017: animajazz 794
      20/09/2009: Speciale 1