Benvenuto su .
AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale; “DUBIDUBIDU': FESTIVAL RADIOFONICO DELLE VOCI JAZZ ITALIANE”. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della MUSICA JAZZ QUALE ALTA FORMA D'ARTE E DI COMUNICAZIONE. Animajazz è ascoltabile anche via WEB collegandosi negli orari di programmazione a questo sito ed a www.puntoradio.fm.

Mercoledì 21 febbraio 2018, sul palco dello Zingarò Jazz Club si esibirà Jazz Inc., quintetto formato da Alessandro Fariselli al sax tenore, Giacomo Uncini alla tromba, Massimiliano Rocchetta al pianoforte, Mauro Mussoni al contrabbasso e Fabio Nobile alla batteria. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Jazz Inc. è un vero e proprio contenitore musicale che, negli anni ha collaborato, con alcuni degli interpreti più celebri del panorama jazz italiano ed internazionale. Una formazione versatile e capace di un linguaggio moderno: l'eclettico ensemble romagnolo spazia dall'hard-bop al soul-jazz e si colloca tra le band più in vista del panorama jazzistico grazie alla presenza nei più prestigiosi club e festival internazionali insieme ad artisti quali Mario Biondi, Gegé Telesforo, Joyce E. Yuille, Rosalia De Souza, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Marco Tamburini e Nicola Conte. Nell'album pubblicato nel 2016, Jazz Inc. riprende con energia e vitalità tutto il senso del blues e la forza espressiva che contraddistingue le atmosfere e i brani del genere. Nel disco, tutto questo passa attraverso l'omaggio reso ai musicisti che hanno dato lustro all'hard bop negli anni Sessanta, con l'esecuzione dei loro brani più celebri, e si consolida con i brani originali, del tutto coerenti nello stile e nell'approccio, composti dai membri della formazione. Il prossimo appuntamento con la stagione dello Zingarò Jazz Club è in programma mercoledì 28 febbraio 2018 con il concerto del quintetto vocale Il Quinto Elemento composto da Irene Giuliani, Mya Fracassini, Elisa Mini, Paola Rovai e Stefania Scarinzi. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
16
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
10 letture - Share

Mercoledì 14 febbraio 2018, la stagione dello Zingarò Jazz Club prosegue con "Schubert In Love" il nuovo progetto di Plankton, il sestetto guidato da Helga Plankensteiner e composto da Helga Plankensteiner al sax baritono e alla voce, Matthias Schriefl alla tromba, Gerhard Gschlössl al trombone, Michael Lösch all'organo Hammond e al pianoforte, Enrico Terragnoli alla chitarra e al banjo e Nelide Bandello alla batteria. Il progetto è sovvenzionato dalla Provincia Autonoma di Bolzano. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Plankton è il sestetto internazionale guidato dalla sassofonista e cantante altoatesina Helga Plankensteiner e si muove sul crinale tra tradizione e modernità. Il nuovo progetto della formazione si misura con arrangiamenti nuovi e sorprendenti di alcuni Lieder di Schubert. Un nome a metà strada tra il gioco di parole - il nome del gruppo fonde assieme il cognome della sassofonista animatrice di questo sestetto con "ton", che in tedesco sta per "suono" - e la metafora di una musica che fluttua tra vari stili come il plancton si lascia trasportare dalle onde. Plankton dimostra, ancora una volta, il talento sfaccettato di Helga Plankensteiner, sassofonista, cantante, bandleader e compositrice. Soprattutto dal vivo, la musica di Plankton si libera con energia deflagrante, merito anche dei due fiati tedeschi: Matthias Schriefl e Gerhard Gschlössl, solisti visionari e pronti a mandare in frantumi ogni prevedibilità musicale. La musica del sestetto conferma i gusti eclettici della Plankensteiner: nella sua musica, ritroviamo sia la tradizione jazzistica che la canzone d'arte mitteleuropea, gli arrangiamenti fanno lo slalom tra il retrò e l'avveniristico, la scrittura rimanda al sound delle big band ed è sempre pronta all'esplosione dinamica. Prima di Plankton, Helga Plankensteiner aveva dato vita a numerose formazioni tutte assai peculiari, dal gruppo El Porcino Organic all'orchestra Sweet Alps. A dimostrazione della sua enorme caratura musicale, nel 2009 è stata chiamata da Carla Bley per fare parte della sua big band. Il primo disco, omonimo, del sestetto Plankton è stato pubblicato nel 2013 per l'etichetta berlinese Jazzwerkstatt. Il prossimo appuntamento con la stagione dello Zingarò Jazz Club è in programma mercoledì 21 febbraio 2018: sul palco del club faentino si esibirà Jazz Inc., quintetto formato da Alessandro Fariselli al sax tenore, Giacomo Uncini alla tromba, Massimiliano Rocchetta al pianoforte, Mauro Mussoni al contrabbasso e Fabio Nobile alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
11
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
30 letture - Share

Jazz. Un disco al giorno un programma di Fabio Ciminiera su RadiostART Il titolo rivela già tutto. Ogni giorno, su RadiostART, Fabio Ciminiera presenta una novità discografica legata al mondo del jazz. Ogni puntata dura venti minuti e saranno tre i brani proposti dal disco scelto. Nella maggior parte dei casi, si tratterà di lavori pubblicati di recente, in modo da esplorare insieme agli ascoltatori il panorama del jazz dei nostri giorni. Di tanto in tanto, però, ci concederemo degli excursus nel passato o in territori musicali altri: se per i grandi capolavori della storia del jazz non c'è bisogno di troppe spiegazioni, gli "sconfinamenti" verso linguaggi diversi ci condurranno verso dischi che possono essere, a ragione o a torto, secondo prospettive dirette o trasversali, annoverati tra le ispirazioni dei jazzisti che troviamo oggi sui palchi dei festival e negli scaffali dei negozi di dischi. Il programma va in onda ogni giorno, alle 18, dal lunedì al venerdì. Per ascoltare RadiostART, ci sono diverse modalità: - collegarsi al sito radiostart.it - andare sulla pagina facebook.com/radiostart.it/app/337680106275807/ e avviare il player - scaricare la App gratuita Tunein (Android / iOS) Naturalmente, sul sito di RadiostART, saranno disponibili tutte le puntate in podcast. La pagina di riferimento del programma è facebook.com/iltempodiunaltrodisco e l'hashtag è #jazzundiscoalgiorno
6
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
24 letture - Share

Mercoledì 28 Marzo 2018, il pianista Andrea Pozza terrà una masterclass presso il Conservatorio Antonio Buzzolla di Adria Nel corso della mattina (dalle 10 alle 13) ascolterà i pianisti; mentre nel pomeriggio (dalle 14 alle 17) si concentrerà sui cantanti e sugli altri strumentisti Per gli allievi del Conservatorio, la partecipazione alla Masterclass è gratuita, per gli esterni invece, il costo è di 30 euro L'iscrizione va comunicata all'ufficio produzione del Conservatorio entro una settimana prima. Le istruzioni per fare il versamento sull'iban sono al seguente link (dove viene spiegata anche la procedura per avere l'attestato): http://www.conservatorioadria.it/wp-content/uploads/2016/02/Regolamento-Masterclass-e-Seminari-1.pdf
1
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
25 letture - Share

Sara Jane Ghiotti Group @ Zingarò Jazz Club, Faenza Sara Jane Ghiotti Group (apertura Fiato al Brasile 2018) Sara Jane Ghiotti. voce Andrea Taravelli. basso Simone Migani. pianoforte Pasquale Montuori. batteria Mercoledì 7 febbraio 2018. ore 22 ingresso libero Zingarò Jazz Club Faenza. Via Campidori, 11 social: www.twitter.com/zingarojazzclub ; www.facebook.com/zingaro.jazzclub La stagione dello Zingarò Jazz Club di Faenza prosegue, mercoledì 7 febbraio 2018, con il Sara Jane Ghiotti Group, composto da Sara Jane Ghiotti alla voce, Andrea Taravelli al basso, Simone Migani al pianoforte e Pasquale Montuori alla batteria. Il concerto fa parte anche del cartellone di Fiato al Brasile 2018. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Sara Jane Ghiotti affronta in questo sua nuova formazione la musica di tre grandi compositori - Edu Lobo, Milton Nascimento e Guinga - per un vero viaggio nella Musica Popolare Brasiliana, dallo Choro, alla Bossa Nova e al Samba. Ne risulta un suono jazzistico che non snatura l'anima popolare del progetto e ne rivela la chiave della contaminazione, vero cuore vibrante di questa musica. La cultura musicale del Brasile è il risultato di un melting pot stratificato nel corso dei secoli: una terra che ospita un popolo variegato trova altrettante sfumature nella sua musica. Gli arrangiamenti dei brani, interamente curati da Sara Jane Ghiotti, riflettono in modo naturale questa varietà di stili e accenti espressivi. Il concerto del Sara Jane Ghiotti Group fa parte anche del cartellone di Fiato al Brasile 2018, il festival dedicato alla musica e alla cultura del Brasile, fortemente voluto dalla Scuola di Musica Sarti di Faenza. Anche quest'anno, inoltre, la rassegna si concluderà allo Zingarò Jazz Club con il Concerto Finale in programma lunedì 12 febbraio 2018. Mercoledì 14 febbraio 2018, la stagione dello Zingarò Jazz Club prosegue con "Schubert In Love" il nuovo progetto di Plankton, la formazione guidata dalla sassofonista Helga Plankensteiner. Il progetto è sovvenzionato dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Plankton è un sestetto composto da Helga Plankensteiner al sax baritono e alla voce, Matthias Schriefl alla tromba, Gerhard Gschlössl al trombone, Michael Lösch all'organo Hammond e al pianoforte, Enrico Terragnoli alla chitarra e al banjo e Nelide Bandello alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
1
Feb
Fabio Ciminiera::notizie
19 letture - Share

Mercoledì 31 gennaio 2018, La stagione dello Zingarò Jazz Club di Faenza prosegue con il concerto dei Double Tower Stompers, formazione composta da Debora Bettoli alla voce, Andrea Ferrario al sax tenore e soprano, Salvatore Vaccaro al trombone, Daniele Dall'Omo alla chitarra, Luca Dalpozzo al contrabbasso e Dario Mazzucco alla batteria. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. La Double Tower Stompers è la swing band di Bologna, nata in collaborazione con la Bologna Swing Dance Society, per ricreare le atmosfere del Cotton Club e dei locali da ballo della prima metà del Novecento. La formazione riprende i classici delle grandi orchestre storiche con sonorità che spaziano dallo stile New Orleans ai grandi classici delle big band della Swing Era e ripercorrono brani di autori come Benny Goodman, Duke Ellington e Count Basie e gli evergreen cantati da Ella Fitzgerald, Billie Holiday e Nina Simone. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
25
Gen
Fabio Ciminiera::notizie
43 letture - Share

Mercoledì 24 gennaio 2018, lo Stefano Coppari New Quartet sarà protagonista del nuovo appuntamento con il cartellone musicale dello Zingarò Jazz Club di Faenza. Sul nostro palcoscenisco, si esibiranno Stefano Coppari alla chitarra, Nico Tangherlini al pianoforte, Lorenzo Scipioni al contrabbasso e Jacopo Ausili alla batteria. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. Stefano Coppari New Quartet è il nuovo progetto del chitarrista: le sue composizioni originali si innervano di sonorità moderne e sperimentali, senza mai tralasciare la melodia e la "semplicità" delle progressioni armoniche. Una sintesi di stili - dal rock al jazz alle avanguardie - che costruisce un clima trasversale, particolare ed affascinante. Stefano Coppari si avvicina alla chitarra elettrica all'età di 11 anni: studia prima in una scuola privata di Jesi, nelle Marche e, sin dall'età di 15 anni, si esibisce nei locali della zona. Le Marche sono da anni un bacino ricco e vitale di musicisti jazz affermati e che hanno contribuito a dare vivacità e qualità agli eventi musicali di questo territorio. Forse anche per questo, con la maturità cresce in lui la passione per la musica jazz, a cui decide di dedicarsi anima e corpo. Dopo aver studiato con Fabio Zeppetella e Ramberto Ciammarughi, si laurea in Jazz al Conservatorio Rossini di Pesaro sotto la guida di Bruno Tommaso. Prosegue gli studi laureandosi anche al biennio specialistico di "Direzione e arrangiamento per orchestra jazz". Durante questi anni, sviluppa una spiccata ricerca per la composizione e comincia a scrivere musiche che negli anni verranno suonate, rielaborate e che saranno pubblicate qualche anno dopo. Il primo album, "Escape", è in collaborazione con il sassofonista lucano Antonangelo Giudice ed è prodotto da Rai Trade. Nello stesso tempo, stabilisce un forte legame con lo storico chitarrista Franco Cerri che si concretizza nel disco "Franco Cerri in One, Two, Three Quartet!" La nuova direzione musicale di Coppari si rivolge alla formula del quartetto: scrive nuovi brani per una formazione in cui la sonorità della chitarra elettrica possa fondersi ed essere esaltata dalla presenza del pianoforte, un'accoppiata di strumenti spesso difficili da coniugare. Da questo percorso scaturisce "Eureka", il disco pubblicato nel maggio del 2016 per la Auand Records. La stagione dello Zingarò Jazz Club di Faenza prosegue, mercoledì 31 gennaio 2018, con il concerto dei Double Tower Stompers, formazione composta da Debora Bettoli alla voce, Andrea Ferrario al sax tenore e soprano, Salvatore Vaccaro al trombone, Daniele Dall'Omo alla chitarra, Luca Dalpozzo al contrabbasso e Dario Mazzucco alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
22
Gen
Fabio Ciminiera::notizie
38 letture - Share

Mercoledì 17 gennaio 2018, la stagione dello Zingarò Jazz Club di Faenza prosegue con il concerto di Jano, il quintetto formato da Emiliano D'Auria al pianoforte e al live electronics, Alessia Martegiani alla voce, Gianluca Caporale ai sassofoni, Maurizio Rolli al basso elettrico e Alex Paolini alla batteria presenterà il suo nuovo disco, The Space Between Things, pubblicato per Via Veneto Jazz. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. The Space Between Things, terzo album del gruppo Jano, riprende le sonorità elettroacustiche, rarefatte e visionarie, già incontrate per espanderle in melodie intense ed eleganti, affidate principalmente alla voce di Alessia Martegiani. Il nuovo disco esce cinque anni dopo Distante, il precedente disco della formazione, e prosegue il percorso avviato da Emiliano D'Auria verso l'apertura di spazi tra gli stili del jazz e verso la ricerca di una visione sonora contemporanea. The Space Between Things è costruito come un vero e proprio concept-album: in questo modo, ogni brano rappresenta una tappa nella ricerca di spazi inesplorati tra le cose, ma sfugge al rischio di limitare rigidamente la capacità evocativa dei suoni. Gli arrangiamenti mettono bene in evidenza la trama collettiva, si innervano di soul, si espandono in richiami ad atmosfere noir, si dilettano in tessiture spigolose e ben congegnate, interagiscono efficacemente con inserti di parole recitate. Mercoledì 24 gennaio 2018, lo Stefano Coppari New Quartet sarà protagonista del nuovo appuntamento con il cartellone musicale dello Zingarò Jazz Club di Faenza. Sul nostro palcoscenisco, si esibiranno Stefano Coppari alla chitarra, Nico Tangherlini al pianoforte, Lorenzo Scipioni al contrabbasso e Jacopo Ausili alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11.
14
Gen
Fabio Ciminiera::notizie
42 letture - Share

Mercoledì 10 gennaio 2018, la stagione dello Zingarò Jazz Club riparte con il concerto dei New Magazine, la formazione composta da Basilio Dalmonte alle tastiere, Daniele Corraro ai sassofoni, Mirko Guerra alla chitarra, Niko Rivola al basso elettrico e Fabio Sartoni alla batteria. La serata è ad ingresso libero con inizio alle 22. I New Magazine nascono dalla decennale collaborazione di Basilio Dalmonte e Niko Rivola ed esplorano con passione e intensità la fusion e il jazz elettrico. La formazione unisce una spiccata propensione melodica all'estro dei suoi componenti, senza rinnegare l'ispirazione a gruppi come Weather Report, Pat Metheny o Yellowjackets nella scrittura dei propri brani originali. La stagione dello Zingarò Jazz Club di Faenza prosegue, mercoledì 17 gennaio 2018, con il concerto di Jano: il quintetto formato da Emiliano D'Auria (piano, elettronica), Alessia Martegiani alla voce, Gianluca Caporale ai sassofoni, Maurizio Rolli al basso elettrico e Alex Paolini alla batteria presenterà il suo nuovo disco, The Space Between Things, pubblicato per Via Veneto Jazz. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11
6
Gen
Fabio Ciminiera::notizie
37 letture - Share

Domenica 17 dicembre, il Cantiere Musicale di Porto San Giorgio, in collaborazione con Round Music, propone una giornata con Michele Francesconi e Laura Avanzolini. Nel corso del pomeriggio presenteremo il nuovo metodo del pianista Michele Francesconi, Pianoforte complementare in stile pop jazz, e il corso di canto jazz che Laura Avanzolini terrà in primavera con una masterclass. La sera, presso il ristorante Robin di Montegranaro, Michele Francesconi e Laura Avanzolini si esibiranno per la rassegna Sunday in jazz e presenteranno il disco Songs, appena uscito per Alfa Music. Pianoforte Complementare in stile Pop Jazz è il frutto di vent'anni di attività didattica. Nel lavoro sono contenuti due brevetti: il più importante è la nota-perno, una tecnica molto semplice per disporre gli accordi in modo coerente con la melodia del brano; un metodo di scrittura per appuntarsi un voicing. Nella prima parte il metodo presenta un'impostazione pianistica in cui la tastiera è complementare alla linea melodica e risulta funzionale all'accompagnamento di brani pop del repertorio internazionale. Nella seconda mostra come suonare linea melodica e accordi, distribuendoli su entrambe le mani. Il tutto ispirandosi a due criteri: la praticità, innanzitutto, e la sintesi. Songs nasce da una lezione-concerto - “Vi racconto una song” - con cui Laura Avanzolini e Micele Francesconi hanno attraversato le storie di una decina di canzoni per mezzo di aneddoti, ascolti e filmati. Il confronto con le canzoni costringe l'interprete ad un lavoro importante: trovare un nuovo contesto al brano e utilizzare l’approccio allo strumento, senza scadere in un mainstream di maniera e, soprattutto, rispettando il senso della canzone e facendola propria con una forte e convinta “honesty of expression”. Ogni canzone è stata curata prestando attenzione ai dettagli, alle possibilità timbriche del pianoforte e agli slanci della voce, al senso di ogni tema e all'interplay tra i due musicisti.
15
Dic
Fabio Ciminiera::notizie
44 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, “Blues Fires” e il “Dubidubidù” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il giovedì dalle 19:30 alle 20:25;
BLUES FIRES(da Febbraio ad Ottobre) : il lunedi dalle 20:30 alle 21:25;
DUBIDUBIDÙ: Festival Delle Voci Jazz Italiane”: (da Ottobre a Gennaio): il lunedi dalle 20:30 alle 21:25.
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      15/02/2018: animajazz 801
      12/02/2018: blues fires 171
      08/02/2018: animajazz 800
      05/02/2018: blues fires 170
      01/02/2018: animajazz 799
      29/01/2018: blues fires 169
      25/01/2018: animajazz 798
      22/01/2018: blues fires 168
      18/01/2018: animajazz 797
      15/01/2018: blues fires 167
      11/01/2018: animajazz 796
      08/01/2018: blues fires 166
      04/01/2018: animajazz 795
      01/01/2018: blues fires 165
      28/12/2017: animajazz 794
      20/09/2009: Speciale 1