venerdì 15 Febbraio 2019 ore 21:00
New Echoes | CHRISTY DORAN

Christy Doran (chitarra)

Palazzo Trevisan degli Ulivi
Venezia

Campo Sant'Agnese - Dorsoduro 810

Improvvisatore tra i più esperti e originali, instancabile metabolizzatore di idee e stili, Christy Doran è da anni una figura riconosciuta del jazz europeo. Da sempre legato a Venezia, Doran è in residenza per tutto il mese di febbraio a Palazzo Trevisan deli Ulivi, per lavorare al suo nuovo progetto solista. Un’esplorazione della chitarra acustica in cui confluiscono echi di geografie diverse, in cui la definizione dei confini sonori si sposta sempre di più verso terreni di vivida immaginazione.

ingresso libero fino a esaurimento posti

NEW ECHOES
Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia

a cura di Enrico Bettinello
con il sostegno di Consolato Generale di Svizzera a Milano, Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia
in collaborazione con Palazzo Grassi Punta della Dogana, IED Venezia, JAM – Jazz Area Metropolitana, nusica.org
media partner Il giornale della musica

Benvenuto su www.animajazz.eu/wordpress.
Il sito di AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della musica. Animajazz e Blues Fires sono ascoltabile anche via WEB in podcast da questo sito e collegandosi negli orari di programmazione a www.puntoradio.fm.

Nella puntata n° 232 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda VENERDI 19 Aprile alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- LUTHER ALLISON – CD “Reckless” - “Living In The House Of The Blues” (Alligator); 1a foto a sinistra 2- SADIA – CD “La flor del opio” - “La Calle Azul” (2018); 1a foto a destra 3- ANDY EGERT – CD “I'm A Bluesman” - “I'm A Bluesman”; 1a foto 1a fila sotto 4- THE NORMAN JACKSON BAND - CD “It's The Drummer's Fault” - “Norman's Blues” (2017); 3a foto 1a fila sotto 5- DETROIT BLUES BAND – CD “Real Life” - “Walkin Out The Door” (1990); 2a foto 1a fila sotto 6- TIFFANY POLLACK & ERIC JOHANSON – CD “Blues in My Blood” - “If I Had A Hammer”; 3a foto 2a fila sotto 7- MIKE MUNSON – CD “Rose Hill” - “Rot Gut Devil” (Blue Front Records); 1a foto 2a fila sotto 8- THE PALADINS – CD “Years Since Yesterday” - “Happy Home” (Alligator); 2a foto 2a fila sotto 9- THE MOONGANG – CD “Taxi” - “Chooser” (2017); 1a foto 3a fila sotto Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare VENERDI alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
18
Apr
animajazz::blues fires
30 letture - Share

Nella puntata n° 862 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda MARTEDI 16 Aprile alle 20,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 – JEFF GOLDBLUM & The Mildred Snitzer Orchestra – CD “The Capitol Studios Sessions” - “Nostalgia In Times Square”; 1a foto a sinistra 2 – ROSA BRUNELLO Los Fermentos” - CD “Shuffle Mode” - “White Hair” (CAM); 1a foto a destra 3 – CLAIRE RITTER & RAN BLAKE – CD “Eclipse Orange” - “Blue Monk”; 2.a foto 1a fila sotto 4 – IL TRIO DEI BENESTANTI – CD “Il Trio Dei Benestanti” - “John James Rombo”; 3a foto 1a fila sotto 5 – ARCHIPELAGOS – CD “In Your Toughts” - “Mr McFallen Waltz” (UR Records); 2a foto 1a fila sotto 6 – ALESSIO BRUNO Quintet – CD “Your Knuckless Speak Volumes” - Eduard” (Emme Records); 3a foto 2a fila sotto 7 – JUDITH LORICK – CD “The Second Time Around” - “ Wild Is The Wind”; 1a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare MARTEDI alle 20,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com
14
Apr
animajazz::animajazz
51 letture - Share

Giovedì 11 aprile 2019, la stagione del Rossini Jazz Club si conclude con l’appuntamento affidato agli Allievi dei Corsi di Jazz della Scuola Sarti di Faenza. La rassegna diretta da Michele Francesconi si presenta in questa stagione con due cambiamenti sostanziali: il Bistrò Rossini di Piazza del Popolo è il nuovo "teatro" per i concerti che si terranno di giovedì. Resta immutato l'orario di inizio alle 22. Il concerto è ad ingresso libero. Il Rossini Jazz Club rivolge ancora una volta lo sguardo alle nuove generazioni e ai musicisti che interpreteranno il jazz nel prossimo futuro. L'ultimo appuntamento della stagione del club faentino è dedicato ai giovani talenti emergenti del territorio e, in particolare, agli allievi dei corsi jazz della Scuola Sarti di Faenza. I giovani musicisti avranno, così, l'occasione di esordire all'interno di un contesto prestigioso e sotto lo sguardo attento del pubblico della nostra rassegna. Una prova importante per misurarsi con il pubblico e con gli altri interpreti su un palco come quello del Rossini Jazz Club, all'interno di una rassegna apprezzata a livello nazionale per la qualità delle scelte musicali e per l'intenzione coerente di offrire un panorama sfaccettato e vitale della scena jazzistica italiana. La rassegna musicale diretta da Michele Francesconi, dopo oltre dieci anni, ha cambiato sede per spostarsi al Bistrò Rossini che è diventato, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si è passati appunto al giovedì come giorno "assegnato" ai concerti. Lo spirito che anima l'intero progetto è rimasto invece immutato: al direttore artistico Michele Francesconi e all'organizzazione generale di Gigi Zaccarini si è unita, da quest'anno, la passione e l'accoglienza dello staff del Bistrò Rossini con l'intenzione di offrire all'appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato. Il Bistrò Rossini è a Faenza, in Piazza del Popolo, 22.
12
Apr
Fabio Ciminiera::notizie
12 letture - Share

Celano Jazz Convention torna in estate con la seconda edizione in programma dal 31 luglio al 3 agosto 2019. I concerti e le masterclass della rassegna portano anche quest’anno a Celano alcuni dei nomi più importanti del panorama jazzistico nazionale per una serie di appuntamenti imperdibili. Il direttore artistico del festival, il chitarrista Franco Finucci, ha scelto di affiancare il percorso rivolto al pubblico, costituito dai concerti serali sul palco di Piazza San Giovanni, con le Masterclass dedicate ai giovani jazzisti, compiendo, in entrambi i casi, delle scelte di indiscusso livello. Celano Jazz Convention rinnova anche quest’anno la mediapartnership con il webmagazine Jazz Convention. Ogni sera, poi, al termine dei concerti, si aprirà la jam session presso l’Osteria degli Artisti. Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito e, in caso di pioggia, si svolgeranno presso l’Auditorium Enrico Fermi. Il percorso didattico voluto da Franco Finucci presenta una squadra di docenti di alto profilo, formata da Paolo Damiani (arrangiamento, composizione e orchestra aperta), Marco Di Battista (analisi delle forme), Max Ionata (sassofono), Umberto Fiorentino (chitarra), Elisabetta Antonini (canto), Luca Mannutza (pianoforte), Luca Bulgarelli (contrabbasso), Maurizio Rolli (basso elettrico), Marcello Di Leonardo (batteria) e Marcello Malatesta (sound engineering). Marcello Malatesta e Marco Di Battista condurranno anche il corso di tastiere elettroniche. Le sessioni di lavoro sono organizzate in masterclass di strumento e seminari sull'improvvisazione, corsi singoli e collettivi. In questo modo, durante i giorni del festival, Celano diventerà una vera e propria cittadella del jazz, con la presenza di jazzisti già affermati e di giovani talenti che verranno a studiare insieme a loro. La seconda edizione rappresenta così il naturale seguito del disegno avviato lo scorso anno dal direttore artistico Franco Finucci: un percorso di lunga gittata, capace di unire qualità musicale, accoglienza e promozione del territorio.
12
Apr
Fabio Ciminiera::notizie
8 letture - Share

Nella puntata n° 231 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda VENERDI 12 Aprile alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- TYLER MORRIS BAND – CD “Next In Line” - “ Down On My Luck” (2018); 1a foto a sinistra 2- THE HOLMES BROTHERS – CD “State Of Grace” - “Standing In The Need Of Love” (Alligator); 1a foto a destra 3- THE McKEE BROTHERS – CD “Moon Over Montgomery” - “Kicks” (2017); 1a foto 1a fila sotto 4- TONY CAMPANELLA – CD “Taking It To The Street” - “One foot in the blues”; 3a foto 1a fila sotto 5- THE MOJO GLOVE - CD “No Half Steppin'” - “Blues In D Natural” (2017); 2a foto 1a fila sotto 6- THE MELTDOWN - CD “The Meltdown” - “How Funny Is Another Mans Pain” (2017); 3a foto 2a fila sotto 7- BONITA & The Blues Shacks – CD “Sweet Thing” - “Sweet Thing”; 1a foto 2a fila sotto 8- VIN MOTT – CD “Roguel Hunter” - “Car Troubles Made Me A Good Blues Singer” (2019); 2a foto 2a fila sotto 9- GLOSSARY - CD “Long Live At All Of Us” - “When We Were Wicked” (2011); 1a foto 3a fila sotto Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare VENERDI alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
12
Apr
animajazz::blues fires
32 letture - Share

Nella puntata n° 861 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda MARTEDI 9 Aprile alle 20,30, su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu saranno protagonisti della serata, in ordine: 1 – KEN WILEY – CD “Cuerno Exotica” - “Bolero”; 1a foto a sinistra 2 – RICCARDO DEL FRA – CD Moving People” - “Moving People - Epilogue” (Parco della Musica Records); 1a foto a destra 3 – PIERLUCA BUONFRATE – CD “Words” - “Ordinary Living Elementary Options” (Alfamusic); 2.a foto 1a fila sotto 4 – LARRY FRANCO – CD “Nat”(Centenario Nat King Cole) - “Straighten Up And Fly Right”; 3a foto 1a fila sotto 5 – DAVE YOUNG – CD “Lotus Blossom” - “Softly As In A Morning Sunrise (feat. Kevin Turcotte and Perry White); 2a foto 1a fila sotto 6 – VALERIO PONTRANDOLFO – CD “Out Of This World” - “Blues For George” ; 3a foto 2a fila sotto 7 – PABLO ASLAN – CD “Contrabajo” - “Tanguajira”; 1a foto 2a fila sotto 8 – QUINSIN NACHOFF FLUX – CD “Path of Totality” - “Path of Totality”; 2a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare MARTEDI alle 20,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com
8
Apr
animajazz::animajazz
63 letture - Share

Serata finale ricca di una bella qualità musicale e vitalità per il “Lucca Blues Festival”, che anche ieri sera, al “Foro Boario” di Lucca ha confermato le felici e qualificate scelte artistiche per un Festival che si và affermando sempre più come uno tra i più vibranti e stimolanti del territorio toscano. La serata è partita con la Luca Giordano Band che ormai il popolo del Blues non solo locale conosce bene e che sa rinnovare sempre le sue peculiarità musicali. Una formazione che vede nel suo leader Luca Giordano un valido vocalist e chitarrista, che si sà esprimere con compiutezza di linguaggio e capacità espressive. Un musicista contenuto e dalla presenza composta, che non carica mai le sue performance sul piano esibizionistico, proponendosi però sempre con sincera partecipazione interiore e rendendo sempre evidente l'amore e la passione che muovono i suoi interventi. Ma la Luca Giordano band non è un gruppo “qualsiasi” e sa offrire anche attraverso ogni suo membro (Jan Korinek, o/p, Walter Cerasani, b, Lorenzo Poliandri, d), non solo prestazioni corali di convincente e solida struttura , ma anche performance solistiche di alto livelo. Ed è stato prezioso lo spazio personale offerto ad ogni musicista per esprimersi con assoli che hanno messo in evidenza tutto il loro talento. Il personaggo “principe” della serata è stato il grande chitarrista e vocalist Chris Cain, artista dalla grande esperienza e dal profondo talento che ci ha conquistati non solo per la sua spettacolare esibizione tecnica, ricca di assoli brucianti e pura energia espressiva, ma anche con la sua speciale carica di “front-man” padrone del palco e vivace interprete della sua esibizione. Un timbro profondo ed un'esposizione decisa e solida hanno caratterizzato le sue esibizioni vocali, sapendo sfruttare con grande professionalità una vasta scala tonale ed offrendo performance coinvolgenti sul piano interpretativo. Un vero leader che sa però dare anche spazio ai suoi giovani compagni d'avventura, incoraggiando ed esaltando sempre le performance dei suoi accompagnatori. Una serata in definitiva molto ricca di ottime interpretazioni musicali, senza eccessi e senza sbavature, con una perfetta centratura sui veri valori musicali, che ha saputo chiudere in bellezza questo Festival per il quale non è possibile non ringraziare l'immenso ed appassionato impegno del suo direttore Giancarlo Marracci e di tutto il suo staff, che come ogni anno sa coniugare la pura passione per il buon Blues con la solidarietà sociale attraverso l'abbinamento dell'iniziativa con il finanziamento ad “Emergency”. Un Festival che merita la massima considerazione ed il massimo supporto degli Enti, che possono solo andar fieri di sostenere iniziative pure e belle come questa, che impreziosiscono non solo il nostro Territorio, ma tutta l'italia culturale. Bruno Pollacci “Blues Fires” http://animajazz.eu
8
Apr
animajazz::notizie
60 letture - Share

Nei locali del “Foro Boario” di Lucca ieri sera ha avuto luogo la seconda serata del “Lucca Blues Festival” giunto quest'anno alla sua sesta edizione e “capitanato” dall'infaticabile ed appassionato Giancarlo Marracci che anche quest'anno ha offerto al pubblico toscano un programma vario ed interessante, con artisti nazionali ed internazionali di qualità. Protagonisti della seconda serata del Festival sono stati la cantante giamaicana Dilu Miller e la band italiana Harlem Blues Band. L'apertura del concerto è affidata alla Harlem Blues Band che si è fatta subito apprezzare sia per la complicità d'ensemble che per le sue specificità solistiche. Sicuramente valido e convincente il vocalist Richard Blues, sempre molto intenso e carico nelle sue interpretazioni, con il suo piglio deciso ed il suo approggio ruvido ed espressivo, capace anche di interpretare il ruolo di “mattatore” della serata. Seppur tutti i componenti della band siano stati molto bravi, senza nessuna eccezione. Sapendo sempre vivere il proprio ruolo con professionalità, complicità d'ensemble e sentita partecipazione emotiva, non posso esimermi dall'esaltare la superlativa prova del grande chitarrista Matteo Fioretti, che dalla prima all'ultima nota non si è certo risparmiato nelle sue veloci e ricche perfomance solistiche, capaci di evidenziare un particolare e prezioso talento. Fioretti è stato anche uno straordinario performer sul puro piano spettacolare, giocando con la sua mimica facciale e la sua variegata e vivissima fisicità. Un perfetto “animale da palcoscenico” capace di fondere performance di grande livello musicale con una presenza scenica che cattura costantemente l'attenzione. La cantante Dilu Miller ha poi completato la bellezza della serata con la sua professionalità, le sue partecipate e gustose interpretazioni e la sua ricchezza espressiva, confermandosi performer esperta, gradevole all'ascolto e sensibile. La ricca varietà sonora, che ha spaziato dai grandi storici e significativi successi del Blues a quelli del Rythm'n'Blues ed oltre, le competenze e le potenzialità espresse sia dalla Harlem Blues Band che dalla Dilu Miller hanno quindi non solo saputo tenere vivo ed attento l'ascolto del pubblico, ma anche produrre vere e proprie perfornance di coinvolgimento ed intrattenimento che hanno infuocato la platea, dando vita nella seconda parte della serata anche ad una gioiosa invasione di campo nel sotto palco con spontanei balli scatenati che hanno caratterizzato la serata come una vera e propria festa della musica, del piacere dello stare insieme e della condivisione della passione per la musica. Bruno Pollacci “Blues Fires” http://animajazz.eu
7
Apr
animajazz::notizie
221 letture - Share

Il “Lucca Blues Festival”, in programma per il 5, 6 e 7 Aprile presso gli spazi del “Foro Boario” di Lucca, conferma le felici intuizioni di programma, iniziando le tre serate di concerti della sessione primaverile con il valido chitarrista, vocalist ed armonicista svizzero Andy Egert, che è riuscito a convincere per la sua esperienza e per la sua energia. I suoi solismi chitarristici sono stati caratterizzati da una piacevole varietà e ricchi di vibranti accenti vitali che hanno saputo accendere il pubblico in sala, che ha sempre risposto con calore. Non sono mancati momenti particoilari ed originali come le improvvise esclusioni elettriche degli amplificatori, per offrire preziosi momenti di arpeggi ed assoli in leggerezza acustica, dalla particolare bellezza, con l'invito ad un ascolto attento, in silenzio quasi assoluto, per la proposta di un dialogo di un'intimità che è raro poter ricordare in altri concerti. E non sono nemmeno da sottovalutare o trascurare le performances con le armoniche a bocca, in alcuni casi vissute anche con una contemporaneità d'uso veramente originale. Tutto il concerto è stato pienamente godibile anche grazie al professionale e partecipato supporto della band casalinga, formata da Marco Ramacciotti alla chitarra, Massimiliano Pisani al basso e Moreno Bambini alla batteria, che si sono rivelati attenti ad ogni istanza musicale del leader, e quindi anche appassionati “complici” di una festosa intesa artistica dalla qualità elevata. Andy Egert non si è certo risparmiato nelle sue vibranti performances ed ha offerto un concerto dalle varietà sonore e dai preziosimi tecnici che aprono al meglio questo Festival diretto con smisurata passione da Giancarlo Marracci, meritevole del massimo apprezzamento per il suo entusiasmo e la consueta totale dedizione. Bruno Pollacci “Blues Fires” http://animajazz.eu
6
Apr
animajazz::notizie
85 letture - Share

Nella puntata n° 230 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda VENERDI 5 Aprile alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm , saranno protagonisti, nell'ordine, i seguenti artisti: 1- BIG DADDY WILSON – CD “Deep In My Soul” - “Crazy World” (2019 - Ruf Records); 1a foto a sinistra 2- SUGAR QUEEN & THE STRAIGHT BLUES BAND – CD “Sugar Queen LIVE” - “Big Mama Told Me” (2019; 1a foto a destra 3- SUGARAY RAYFORD – CD “Somebody Save Me” - “Angels and Devils”; 1a foto 1a fila sotto 4- ALLY VENABLE – CD “Texas Honey” - “Texas Honey”; 3a foto 1a fila sotto 5- BRANDON SANTINI – CD “The Longshot” - “Beggin' Baby”; 2a foto 1a fila sotto 6- VERONICA and The Red Wine Serenaders – CD “The Mexican Dress” - “The Mexican Dress” (Blues Made In Italy); 3a foto 2a fila sotto 7- MARY LANE – CD “Travelin' Woman” - “Travelin' Woman”; 1a foto 2a fila sotto 8- TREVOR B: POWER Band – CD “Everyday Angel” - “SaddestThing” (2019); 2a foto 2a fila sotto Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare VENERDI alle 20,30 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
4
Apr
animajazz::blues fires
54 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, e “Blues Fires” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il martedì dalle 20:30 alle 21:25;
BLUES FIRES” il venerdi dalle 20:30 alle 21:25;
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      19/04/2019: blues fires 232
      16/04/2019: animajazz 862
      12/04/2019: blues fires 231
      09/04/2019: animajazz 861
      05/04/2019: blues fires 230
      02/04/2019: animajazz 860
      29/03/2019: blues fires 229
      26/03/2019: animajazz 859
      22/03/2019: blues fires 228
      19/03/2019: animajazz 858
      15/03/2019: blues fires 227
      12/03/2019: animajazz 857
      08/03/2019: blues fires 226
      05/03/2019: animajazz 856
      01/03/2019: blues fires 225
      20/09/2009: Speciale 1  
Prossimi eventi musicali: