Benvenuto su www.animajazz.eu/wordpress.
Il sito di AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della musica. Animajazz e Blues Fires sono ascoltabile anche via WEB in podcast da questo sito e collegandosi negli orari di programmazione a www.puntoradio.fm.

Giovedì 11 aprile 2019, la stagione del Rossini Jazz Club si conclude con l’appuntamento affidato agli Allievi dei Corsi di Jazz della Scuola Sarti di Faenza. La rassegna diretta da Michele Francesconi si presenta in questa stagione con due cambiamenti sostanziali: il Bistrò Rossini di Piazza del Popolo è il nuovo "teatro" per i concerti che si terranno di giovedì. Resta immutato l'orario di inizio alle 22. Il concerto è ad ingresso libero. Il Rossini Jazz Club rivolge ancora una volta lo sguardo alle nuove generazioni e ai musicisti che interpreteranno il jazz nel prossimo futuro. L'ultimo appuntamento della stagione del club faentino è dedicato ai giovani talenti emergenti del territorio e, in particolare, agli allievi dei corsi jazz della Scuola Sarti di Faenza. I giovani musicisti avranno, così, l'occasione di esordire all'interno di un contesto prestigioso e sotto lo sguardo attento del pubblico della nostra rassegna. Una prova importante per misurarsi con il pubblico e con gli altri interpreti su un palco come quello del Rossini Jazz Club, all'interno di una rassegna apprezzata a livello nazionale per la qualità delle scelte musicali e per l'intenzione coerente di offrire un panorama sfaccettato e vitale della scena jazzistica italiana. La rassegna musicale diretta da Michele Francesconi, dopo oltre dieci anni, ha cambiato sede per spostarsi al Bistrò Rossini che è diventato, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si è passati appunto al giovedì come giorno "assegnato" ai concerti. Lo spirito che anima l'intero progetto è rimasto invece immutato: al direttore artistico Michele Francesconi e all'organizzazione generale di Gigi Zaccarini si è unita, da quest'anno, la passione e l'accoglienza dello staff del Bistrò Rossini con l'intenzione di offrire all'appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato. Il Bistrò Rossini è a Faenza, in Piazza del Popolo, 22.
12
Apr
Fabio Ciminiera::notizie
12 letture - Share

Celano Jazz Convention torna in estate con la seconda edizione in programma dal 31 luglio al 3 agosto 2019. I concerti e le masterclass della rassegna portano anche quest’anno a Celano alcuni dei nomi più importanti del panorama jazzistico nazionale per una serie di appuntamenti imperdibili. Il direttore artistico del festival, il chitarrista Franco Finucci, ha scelto di affiancare il percorso rivolto al pubblico, costituito dai concerti serali sul palco di Piazza San Giovanni, con le Masterclass dedicate ai giovani jazzisti, compiendo, in entrambi i casi, delle scelte di indiscusso livello. Celano Jazz Convention rinnova anche quest’anno la mediapartnership con il webmagazine Jazz Convention. Ogni sera, poi, al termine dei concerti, si aprirà la jam session presso l’Osteria degli Artisti. Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito e, in caso di pioggia, si svolgeranno presso l’Auditorium Enrico Fermi. Il percorso didattico voluto da Franco Finucci presenta una squadra di docenti di alto profilo, formata da Paolo Damiani (arrangiamento, composizione e orchestra aperta), Marco Di Battista (analisi delle forme), Max Ionata (sassofono), Umberto Fiorentino (chitarra), Elisabetta Antonini (canto), Luca Mannutza (pianoforte), Luca Bulgarelli (contrabbasso), Maurizio Rolli (basso elettrico), Marcello Di Leonardo (batteria) e Marcello Malatesta (sound engineering). Marcello Malatesta e Marco Di Battista condurranno anche il corso di tastiere elettroniche. Le sessioni di lavoro sono organizzate in masterclass di strumento e seminari sull'improvvisazione, corsi singoli e collettivi. In questo modo, durante i giorni del festival, Celano diventerà una vera e propria cittadella del jazz, con la presenza di jazzisti già affermati e di giovani talenti che verranno a studiare insieme a loro. La seconda edizione rappresenta così il naturale seguito del disegno avviato lo scorso anno dal direttore artistico Franco Finucci: un percorso di lunga gittata, capace di unire qualità musicale, accoglienza e promozione del territorio.
12
Apr
Fabio Ciminiera::notizie
8 letture - Share

Serata finale ricca di una bella qualità musicale e vitalità per il “Lucca Blues Festival”, che anche ieri sera, al “Foro Boario” di Lucca ha confermato le felici e qualificate scelte artistiche per un Festival che si và affermando sempre più come uno tra i più vibranti e stimolanti del territorio toscano. La serata è partita con la Luca Giordano Band che ormai il popolo del Blues non solo locale conosce bene e che sa rinnovare sempre le sue peculiarità musicali. Una formazione che vede nel suo leader Luca Giordano un valido vocalist e chitarrista, che si sà esprimere con compiutezza di linguaggio e capacità espressive. Un musicista contenuto e dalla presenza composta, che non carica mai le sue performance sul piano esibizionistico, proponendosi però sempre con sincera partecipazione interiore e rendendo sempre evidente l'amore e la passione che muovono i suoi interventi. Ma la Luca Giordano band non è un gruppo “qualsiasi” e sa offrire anche attraverso ogni suo membro (Jan Korinek, o/p, Walter Cerasani, b, Lorenzo Poliandri, d), non solo prestazioni corali di convincente e solida struttura , ma anche performance solistiche di alto livelo. Ed è stato prezioso lo spazio personale offerto ad ogni musicista per esprimersi con assoli che hanno messo in evidenza tutto il loro talento. Il personaggo “principe” della serata è stato il grande chitarrista e vocalist Chris Cain, artista dalla grande esperienza e dal profondo talento che ci ha conquistati non solo per la sua spettacolare esibizione tecnica, ricca di assoli brucianti e pura energia espressiva, ma anche con la sua speciale carica di “front-man” padrone del palco e vivace interprete della sua esibizione. Un timbro profondo ed un'esposizione decisa e solida hanno caratterizzato le sue esibizioni vocali, sapendo sfruttare con grande professionalità una vasta scala tonale ed offrendo performance coinvolgenti sul piano interpretativo. Un vero leader che sa però dare anche spazio ai suoi giovani compagni d'avventura, incoraggiando ed esaltando sempre le performance dei suoi accompagnatori. Una serata in definitiva molto ricca di ottime interpretazioni musicali, senza eccessi e senza sbavature, con una perfetta centratura sui veri valori musicali, che ha saputo chiudere in bellezza questo Festival per il quale non è possibile non ringraziare l'immenso ed appassionato impegno del suo direttore Giancarlo Marracci e di tutto il suo staff, che come ogni anno sa coniugare la pura passione per il buon Blues con la solidarietà sociale attraverso l'abbinamento dell'iniziativa con il finanziamento ad “Emergency”. Un Festival che merita la massima considerazione ed il massimo supporto degli Enti, che possono solo andar fieri di sostenere iniziative pure e belle come questa, che impreziosiscono non solo il nostro Territorio, ma tutta l'italia culturale. Bruno Pollacci “Blues Fires” http://animajazz.eu
8
Apr
animajazz::notizie
60 letture - Share

Nei locali del “Foro Boario” di Lucca ieri sera ha avuto luogo la seconda serata del “Lucca Blues Festival” giunto quest'anno alla sua sesta edizione e “capitanato” dall'infaticabile ed appassionato Giancarlo Marracci che anche quest'anno ha offerto al pubblico toscano un programma vario ed interessante, con artisti nazionali ed internazionali di qualità. Protagonisti della seconda serata del Festival sono stati la cantante giamaicana Dilu Miller e la band italiana Harlem Blues Band. L'apertura del concerto è affidata alla Harlem Blues Band che si è fatta subito apprezzare sia per la complicità d'ensemble che per le sue specificità solistiche. Sicuramente valido e convincente il vocalist Richard Blues, sempre molto intenso e carico nelle sue interpretazioni, con il suo piglio deciso ed il suo approggio ruvido ed espressivo, capace anche di interpretare il ruolo di “mattatore” della serata. Seppur tutti i componenti della band siano stati molto bravi, senza nessuna eccezione. Sapendo sempre vivere il proprio ruolo con professionalità, complicità d'ensemble e sentita partecipazione emotiva, non posso esimermi dall'esaltare la superlativa prova del grande chitarrista Matteo Fioretti, che dalla prima all'ultima nota non si è certo risparmiato nelle sue veloci e ricche perfomance solistiche, capaci di evidenziare un particolare e prezioso talento. Fioretti è stato anche uno straordinario performer sul puro piano spettacolare, giocando con la sua mimica facciale e la sua variegata e vivissima fisicità. Un perfetto “animale da palcoscenico” capace di fondere performance di grande livello musicale con una presenza scenica che cattura costantemente l'attenzione. La cantante Dilu Miller ha poi completato la bellezza della serata con la sua professionalità, le sue partecipate e gustose interpretazioni e la sua ricchezza espressiva, confermandosi performer esperta, gradevole all'ascolto e sensibile. La ricca varietà sonora, che ha spaziato dai grandi storici e significativi successi del Blues a quelli del Rythm'n'Blues ed oltre, le competenze e le potenzialità espresse sia dalla Harlem Blues Band che dalla Dilu Miller hanno quindi non solo saputo tenere vivo ed attento l'ascolto del pubblico, ma anche produrre vere e proprie perfornance di coinvolgimento ed intrattenimento che hanno infuocato la platea, dando vita nella seconda parte della serata anche ad una gioiosa invasione di campo nel sotto palco con spontanei balli scatenati che hanno caratterizzato la serata come una vera e propria festa della musica, del piacere dello stare insieme e della condivisione della passione per la musica. Bruno Pollacci “Blues Fires” http://animajazz.eu
7
Apr
animajazz::notizie
221 letture - Share

Il “Lucca Blues Festival”, in programma per il 5, 6 e 7 Aprile presso gli spazi del “Foro Boario” di Lucca, conferma le felici intuizioni di programma, iniziando le tre serate di concerti della sessione primaverile con il valido chitarrista, vocalist ed armonicista svizzero Andy Egert, che è riuscito a convincere per la sua esperienza e per la sua energia. I suoi solismi chitarristici sono stati caratterizzati da una piacevole varietà e ricchi di vibranti accenti vitali che hanno saputo accendere il pubblico in sala, che ha sempre risposto con calore. Non sono mancati momenti particoilari ed originali come le improvvise esclusioni elettriche degli amplificatori, per offrire preziosi momenti di arpeggi ed assoli in leggerezza acustica, dalla particolare bellezza, con l'invito ad un ascolto attento, in silenzio quasi assoluto, per la proposta di un dialogo di un'intimità che è raro poter ricordare in altri concerti. E non sono nemmeno da sottovalutare o trascurare le performances con le armoniche a bocca, in alcuni casi vissute anche con una contemporaneità d'uso veramente originale. Tutto il concerto è stato pienamente godibile anche grazie al professionale e partecipato supporto della band casalinga, formata da Marco Ramacciotti alla chitarra, Massimiliano Pisani al basso e Moreno Bambini alla batteria, che si sono rivelati attenti ad ogni istanza musicale del leader, e quindi anche appassionati “complici” di una festosa intesa artistica dalla qualità elevata. Andy Egert non si è certo risparmiato nelle sue vibranti performances ed ha offerto un concerto dalle varietà sonore e dai preziosimi tecnici che aprono al meglio questo Festival diretto con smisurata passione da Giancarlo Marracci, meritevole del massimo apprezzamento per il suo entusiasmo e la consueta totale dedizione. Bruno Pollacci “Blues Fires” http://animajazz.eu
6
Apr
animajazz::notizie
85 letture - Share

Giovedì 4 aprile 2019, il Rossini Jazz Club di Faenza ospita il concerto di The Latin Quarters, formazione composta da Luca Gardini al sax contralto, Mario Accardo al pianoforte, Filippo Lucchi al basso elettrico e Gianluca Berardi alla batteria. La rassegna diretta da Michele Francesconi si presenta in questa stagione con due cambiamenti sostanziali: il Bistrò Rossini di Piazza del Popolo è il nuovo "teatro" per i concerti che si terranno di giovedì. Resta immutato l'orario di inizio alle 22. Il concerto è ad ingresso libero. The Latin Quarters è un progetto avviato nel 2008 come laboratorio di musiche folkloriche dell'America Latina e isole caraibiche diretto da Filippo Lucchi, insegnante di chitarra e tres cubano, all'interno delle attività didattiche della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli. In seguito, il progetto si è sviluppato come formazione stabile che utilizza l'incontro delle armonie e del linguaggio del jazz con il folklore latinoamericano, come tratto caratteristico. Filippo Lucchi, in veste di bassista elettrico, si è avvalso della collaborazione di musicisti come il pianista Mario Accardo, il batterista Gianluca Berardi e il sassofonista Luca Gardini per proporre alcune rivisitazioni dei brani più celebri presenti nel repertorio di artisti del panorama attuale del latin jazz, come Paquito D' Rivera, Claudio Roditi, Ray Barretto o Michel Camilo, e di temi classici di compositori come Ernesto Lecuona o Chano Pozo. I ritmi provenienti da Cuba, Brasile, Puerto Rico e isole caraibiche sono perciò gli ingredienti delle esibizioni di The Latin Quarters e permettono al quartetto di condurre gli ascoltatori in un viaggio attraverso un mondo sonoro vasto e ricco di sfumature. La rassegna musicale diretta da Michele Francesconi, dopo oltre dieci anni, cambia sede e si sposta al Bistrò Rossini che diventerà, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si passa appunto al giovedì come giorno "assegnato" ai concerti. Resta invece immutato lo spirito che anima l'intero progetto: al direttore artistico Michele Francesconi e all'organizzazione generale di Gigi Zaccarini si unisce, da quest'anno, la passione e l'accoglienza dello staff del Bistrò Rossini e l'intenzione di offrire all'appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato. Giovedì 11 aprile 2019, la stagione del Rossini Jazz Club si conclude con l’appuntamento affidato agli Allievi dei Corsi di Jazz della Scuola Sarti di Faenza. Il Bistrò Rossini è a Faenza, in Piazza del Popolo, 22.
2
Apr
Fabio Ciminiera::notizie
50 letture - Share

Umano troppo umano: l’altro volto di Keith Jarreth per Alessandro Balossino E' uscito per Chinaski Edizioni il libro di Alessandro Balossino Keith Jarrett- improvvisazioni dell’anima: un omaggio ad uno dei pianisti più geniali della recente storia della musica, Keith Jarrett, raccontato attraverso la sua opera, ma anche attraverso quegli aspetti, decisamente più umani, che hanno travagliato la sua vita materiale e spirituale: dai momenti terribili della malattia all'interesse per le illuminanti teorie filosofiche di Georges Ivanovic Gurdjieff, dalle intuizioni sul palco alla turbolenza nei rapporti con gli altri. E poi la musica e la sua ricerca dell’improvvisazione pura. Keith sale sul palco non sapendo ancora cosa suonare. Si concentra mentre in sala non vola una mosca, rendendo a volte l’attesa persino imbarazzante. Poi, come per miracolo, si china sulla tastiera, le mani si avvicinano ai tasti, li sfiorano e finalmente arriva la prima nota. A volte l’attacco è faticoso, Jarrett non riesce a trovare il seme giusto e gli riesce difficile uscire dalla situazione in cui si è cacciato. Poi accade quello che nessuno pensa sia possibile, arriva un’altra nota; quella giusta. Keith compone all’istante, senza partitura, senza rete, suona quello che la mente gli suggerisce. Lo sforzo è sovraumano, si contorce, ondeggia, si alza dallo sgabello, batte i piedi sul legno del palco, si agita, cerca di accompagnare le note con il corpo, canticchia la melodia un attimo prima di eseguirla con le mani, ansima. Il più delle volte la musica è meravigliosa, si sentono Chopin, il blues, il jazz, la poesia, un ritmo ostinato, una melodia indiana, così come accadde durante il suo famoso concerto di Colonia: The Koln Concert, il disco più venduto nella storia del jazz. Alessandro Balossino nasce a Genova nel 1952, figlio di un trombettista che nei primi anni del dopoguerra aveva suonato con Natalino Otto, quando il jazz italiano era ancora ai suoi esordi. Anche Alessandro fin da giovanissimo studia pianoforte classico ma poi svolge attività di musicista con vari gruppi dell’epoca Beat. Negli anni ’80 entra in “Casa Ricordi” diventandone poi direttore a Genova e negli stessi anni entra a far parte del Consiglio del Louisiana Jazz Club, il più longevo club jazzistico italiano nato nel 1964 e ancora in attività. Negli anni ’90 dopo l’accordo di vendita della G. Ricordi & C. al Gruppo tedesco Bertelsmann, Alessandro lascia la “Casa” e, pur lavorando come dirigente presso una multinazionale della chimica, approfondisce lo studio del piano jazz e si dedica alla scrittura di romanzi, tre dei quali usciti proprio con la Chinaski Edizioni. Recentemente andato in pensione, si dedica all’insegnamento di Storia della Musica Jazz e Guida all’ascolto, presso il Centro Universitario del Ponente di Genova.
28
Mar
studioalfaufficiostampa@gmail.com::notizie
27 letture - Share

Giovedì 28 marzo 2019, il Rossini Jazz Club di Faenza rivolge il suo sguardo alle nuove generazioni di musicisti: sul palco del club, infatti, i partecipanti al Laboratorio Piano Trio, coordinato da Michele Francesconi, suoneranno con una sezione ritmica esperta e di assoluto livello come quella formata da Walter Paoli alla batteria e Stefano Senni al contrabbasso. La rassegna diretta da Michele Francesconi si presenta in questa stagione con due cambiamenti sostanziali: il Bistrò Rossini di Piazza del Popolo è il nuovo "teatro" per i concerti che si terranno di giovedì. Resta immutato l'orario di inizio alle 22. Il concerto è ad ingresso libero. Al termine del percorso didattico condotto da Michele Francesconi, i musicisti che hanno partecipato al Laboratorio Piano Trio si esibiscono dal vivo sul palco del Rossini Jazz Club di Faenza: si tratta di dodici pianisti già avviati nel proprio percorso musicale che si sono confrontati, sotto la guida di Francesconi, con le tematiche intrinseche in questo particolare format, così importante per il jazz. I musicisti sono: Carlo Belli, Andrea Bolognesi, Ezio Catelli, Enrico Cristofani, Enrico Evangelisti, Francesco Faggi, Alberto Fattori, Andrea Garreffa, Rossella Giannini, Piergiorgio Maccapani, Filippo Morini, Luigia Nigro e Mario Palushi. Sul palco con loro, una sezione ritmica esperta e di assoluto livello come quella formata da Walter Paoli alla batteria e Stefano Senni al contrabbasso: due jazzisti affermati a livello nazionale già presenti a fianco dei più importanti protagonisti della scena jazzistica italiana, dagli Area ad Enrico Rava, da Mauro Ottolini a Greg Burk. La rassegna musicale diretta da Michele Francesconi, dopo oltre dieci anni, cambia sede e si sposta al Bistrò Rossini che diventerà, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si passa appunto al giovedì come giorno "assegnato" ai concerti. Resta invece immutato lo spirito che anima l'intero progetto: al direttore artistico Michele Francesconi e all'organizzazione generale di Gigi Zaccarini si unisce, da quest'anno, la passione e l'accoglienza dello staff del Bistrò Rossini e l'intenzione di offrire all'appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato. Giovedì 4 aprile 2019, il Rossini Jazz Club di Faenza ospita il concerto di The Latin Quarters, formazione composta da Luca Gardini al sax contralto, Mario Accardo al pianoforte, Filippo Lucchi al basso elettrico e Gianluca Berardi alla batteria. Il Bistrò Rossini è a Faenza, in Piazza del Popolo, 22.
28
Mar
Fabio Ciminiera::notizie
20 letture - Share

Venerdì 22 marzo 2019, la stagione musicale della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” prosegue con Moderato Cantabile, il concerto di Anja Lechner, violoncello, e François Couturier, pianoforte. Il concerto pescarese è realizzato in esclusiva nazionale. Moderato Cantabile è un viaggio musicale sorprendente, insolito e sempre affascinante, condotto con elegante misura da due musicisti di grandissimo spessore artistico e di riconosciuto livello internazionale come la violoncellista tedesca Anja Lechner e il pianista francese François Couturier, un percorso tracciato attraverso composizioni originali, senso per l'improvvisazione e le pagine di musicisti come Komitas Vardapet, Georges Ivanovic Gurdjieff e Federico Mompou. Il concerto si terrà al Teatro Massimo di Pescara e avrà inizio alle 21. Il biglietto di ingresso costa 20€ (ridotto a 15€ per i soci della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara") e si può acquistare sui circuiti online e a Pescara, presso la sede di Via Liguria. Dopo un decennio di lavoro condiviso nel Tarkovsky Quartet e il recente lavoro su Pergolesi (con la cantante Maria Pia de Vito e il percussionista Michele Rabbia), la violoncellista tedesca Anja Lechner e il pianista francese François Couturier presentano "Moderato cantabile", il loro progetto in duo. I percorsi che hanno avvicinato i due musicisti a questo progetto sono differenti. La Lechner è una musicista classica con un forte interesse per l'improvvisazione e Couturier è un musicista jazz che viaggia sempre più al di fuori di questi confini. Su "Moderato cantabile" presentano i loro arrangiamenti di tre affascinanti compositori tenuti forse un pò al margine della “grande” storia della musica: Georges Ivanovic Gurdjieff, Komitas Vardapet e Federico Mompou. Per molti versi la loro musica rivela le influenze dell'Europa Orientale, sia in termini di relazione con il folk tradizionale e la musica religiosa, sia da un punto di vista filosofico. Un'aria contemplativa pervade la musica. Il programma ha dei punti in comune con il lavoro che Anja Lechner aveva svolto sulla musica di Gurdjieff nel precedente Chants, Hymns and Dances (con Vassilis Tsabropoulos), ma questo duo ha una sua identità propria. Il tempo trascorso in Armenia dalla Lechner le ha fatto interiorizzare il contesto dal quale la musica emerge, facendo assumere al violoncello il ruolo di voce solista. Le composizioni di Couturier, che tra l'altro ha una lunga esperienza sulla musica di Mompou, donano al contempo contrasto e complementarietà. Il pianista è stato inoltre influenzato dalle sonorità del Medio Oriente per via della sua collaborazione con Anouar Brahem. "Moderato cantabile" è anche il titolo di un album sorprendente e insolito, registrato nello studio di Lugano nel 2013 e prodotto da Manfred Eicher per la ECM Records. La Stagione Musicale della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" si conclude venerdì 29 marzo 2019 con il concerto di Francesca Dego, violino, Martin Owen, corno, e Maria Perrotta, pianoforte.
19
Mar
Fabio Ciminiera::notizie
31 letture - Share

Giovedì 21 marzo 2019, l’appuntamento con il Rossini Jazz Club di Faenza si rinnova con il concerto del Paolo Ghetti Melody Quartet, formazione composta da Paolo Ghetti al contrabbasso, Alessandra Abbondanza alla voce, Massimiliano Rocchetta al pianoforte e Andrea Elisei alla batteria. La rassegna diretta da Michele Francesconi si presenta in questa stagione con due cambiamenti sostanziali: il Bistrò Rossini di Piazza del Popolo è il nuovo "teatro" per i concerti che si terranno di giovedì. Resta immutato l'orario di inizio alle 22. Il concerto è ad ingresso libero. Il contrabbassista Paolo Ghetti ha scelto una serie di brani provenienti dai musical di Broadway come repertorio musicale da affidare alla giovane e interessante voce di Alessandra Abbondanza e al trio formato insieme a Massimiliano Rocchetta e Andrea Elisei. Le composizioni scelte da Ghetti per questa formazione - chiamata, non a caso, Melody Quartet - provengono da quella perfetta integrazione tra musica, recitazione e danza che troviamo nelle pagine di autori come Jerome Kern, George Gerswhin, Irving Berlin, Cole Porter, Lorenz Hart. Il lirismo e la capacità narrative di questi autori e dei loro parolieri, l'abilità nel trattare il tema dell'amore secondo angolazioni diverse, la felicità della scrittura di questi artisti, sono tutti elementi che hanno contribuito a rendere indimenticabili i passaggi delle trame e, al tempo stesso, hanno reso immortali queste canzoni, passate dai teatri di New York alle pellicole di Hollywood e, infine, entrate nel repertorio degli standard del jazz. Gli arrangiamenti di Paolo Ghetti hanno portato in ogni brano scelto un colore nuovo: uno sguardo più vicino al gusto moderno e diverse chiavi armoniche e ritmiche hanno permesso al contrabbassista di costruire un programma vario e più vicino alla sensibilità dei nostri tempi. Spunti e riferimenti che si ritrovano poi anche nelle composizioni originali proposte da Paolo Ghetti, in una sintesi efficace tra semplicità melodica e tematiche più attuali. Dotato di un fisico gracile e minuto, Paolo Ghetti rischia di rimanere nascosto dietro alla sagoma ingombrante del suo contrabbasso, se non fosse per la sua potente cavata e la grande padronanza tecnica che lo rivelano come uno dei più interessanti strumentisti del panorama nazionale. Durante il suo lungo percorso come sideman, ha sempre espresso grande versatilità, solidità ritmica, interplay, senza cadere mai nell'esibizionismo fine a sé stesso, per mettere le sue doti al servizio della musica con buon gusto e sensibilità. Un arricchimento musicale e umano che passa attraverso l'approfondimento del linguaggio jazz nel solco della tradizione aperto dai grandi maestri del passato e la ricerca di formule per tradurre quel linguaggio in espressioni assolutamente contemporanee: tutte qualità emerse negli incontri avuti sul palco con musicisti del calibro, tra gli altri, di Pat Metheny, Peter Erskine, Dee Dee Bridgewater, John Taylor, Dave Liebman, Enrico Rava, Stefano Bollani, Fabrizio Bosso e Flavio Boltro. Dopo aver portato le sue "linee basse" in una notevole quantità di dischi come sideman e dopo alcuni lavori come co-leader al fianco di musicisti come Michele Francesconi e Carlo Alberto Canevali, Paolo Ghetti ha inciso il suo primo disco come leader nel 2009, "Profumo d'Africa", lavoro in equilibrio fra ritmi jazz e suggestioni africane, latin e funky. Nell'ultimo decennio dedica parte della sua attività musicale alla didattica, nei corsi di jazz al Conservatorio di Bologna e a quello di Adria, formando strumentisti di alto livello professionale. La rassegna musicale diretta da Michele Francesconi, dopo oltre dieci anni, cambia sede e si sposta al Bistrò Rossini che diventerà, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si passa appunto al giovedì come giorno "assegnato" ai concerti. Resta invece immutato lo spirito che anima l'intero progetto: al direttore artistico Michele Francesconi e all'organizzazione generale di Gigi Zaccarini si unisce, da quest'anno, la passione e l'accoglienza dello staff del Bistrò Rossini e l'intenzione di offrire all'appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato. Giovedì 28 marzo 2019, il Rossini Jazz Club di Faenza rivolge il suo sguardo alle nuove generazioni di musicisti: sul palco del club, infatti, i partecipanti al Laboratorio Piano Trio suoneranno con una sezione ritmica esperta e di assoluto livello come quella formata da Walter Paoli alla batteria e Stefano Senni al contrabbasso. Il Bistrò Rossini è a Faenza, in Piazza del Popolo, 22.
19
Mar
Fabio Ciminiera::notizie
32 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, e “Blues Fires” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il martedì dalle 20:30 alle 21:25;
BLUES FIRES” il venerdi dalle 20:30 alle 21:25;
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      19/04/2019: blues fires 232
      16/04/2019: animajazz 862
      12/04/2019: blues fires 231
      09/04/2019: animajazz 861
      05/04/2019: blues fires 230
      02/04/2019: animajazz 860
      29/03/2019: blues fires 229
      26/03/2019: animajazz 859
      22/03/2019: blues fires 228
      19/03/2019: animajazz 858
      15/03/2019: blues fires 227
      12/03/2019: animajazz 857
      08/03/2019: blues fires 226
      05/03/2019: animajazz 856
      01/03/2019: blues fires 225
      20/09/2009: Speciale 1  
Prossimi eventi musicali: