Benvenuto su www.animajazz.eu/wordpress.
Il sito di AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della musica. Animajazz e Blues Fires sono ascoltabile anche via WEB in podcast da questo sito e collegandosi negli orari di programmazione a www.puntoradio.fm.

Marco Di Battista presenta in rete la musica del Modular Art Collective Sono online i primi due video dell'innovativo progetto voluto dal pianista e compositore jazz Marco Di Battista Il Modular Art Collective si presenta al pubblico con i primi due video prodotti durante la registrazione dei brani del disco in uscita nei prossimi mesi. Il Modular Art Collective è l'organico voluto dal pianista jazz, compositore e didatta Marco Di Battista. Un’idea innovativa, un laboratorio democratico di idee musicali condivise con la finalità di produrre musica d'arte e d'improvvisazione senza steccati di genere. Si tratta di Adamantio, brano firmato da Andrea Di Marcoberardino, e Due, composto da Francesco Spinazza: i video sono stati prodotti dal team di Jazz Convention e riprendono il Modular Art Collective all'opera nelle sale di registrazione degli Skunk Studios. I link per vedere i due video sono i seguenti: Adamantio. www.youtube.com/watch?v=iL2zk1pwwaA Due. www.youtube.com/watch?v=w0E15I84mRQ Un’idea innovativa e democratica, come si diceva sopra. L'organico strumentale del Modular Art Collective è composto da giovani musicisti di estrazione diversa ma inclini alla sperimentazione e alla ricerca di nuove possibilità espressive: nel collettivo, convergono musicisti che si sono distinti tanto per le qualità esecutive quanto, e soprattutto, per una visione artistica in grado di dare vita a soluzioni non scontate. Come rivela il suo stesso nome, l'organico del Modular Art Collective è aperto e modulabile: di volta in volta, l'autore adegua l’ensemble alle esigenze della sua composizione. Ai giovani componenti dell’organico si affianca un team di supervisione composto da musicisti esperti, guidati da Marco Di Battista, coordinato da Marcello Malatesta per la registrazione in studio e per l'organizzazione logistica. Al loro fianco, sono presenti anche il chitarrista Franco Finucci e il critico musicale Fabio Ciminiera, in qualità di supporto alle attività dell'organico. Le finalità musicali del Modular Art Collective sono la composizione, l’arrangiamento e la direzione di brani originali: brani che possono essere elaborati da uno più o membri dell’organico con la sola “regola” che l'autore del brano svolga solamente il ruolo di arrangiatore e direttore senza eseguire la propria opera come strumentista. Nel corso della costruzione del repertorio, possono essere inclusi brani di compositori esterni al Modular Art Collective che chiedano di prestare la propria opera alla formazione, purché si tratti di musica originale. Nel corso del 2020, il Modular Art Collective sarà impegnato nel completamento dei brani che costituiranno il disco dell'organico e in una intensa attività di promozione con concerti e showcase nei contesti più significativi della scena musicale italiana.
10
Gen
Fabio Ciminiera::notizie
24 letture - Share

E’ stato un 2019 molto impegnato per Luciano, regolarmente in tour per promuovere il nuovo disco e le sue composizioni incluso Prime Mondiali presentate all’Università di Cambridge ed a Londra, festival internazionali, interviste, presentazioni ad alcune delle rassegne concertistiche più rinomate del Regno Unito ed all’Università di Edimburgo, eventi didattici e date anche in Italia. Anche il 2020 si prospetta molto interessante con impegni in giro per la Gran Bretagna a gennaio (Westminster ed alla Chiesa di San Pancrazio a Londra, a Brighton), a febbraio (alla Brunel University di Londra), a marzo (in teatro a Southend-on-sea) ed altre rassegne cameristiche a marzo, aprile e maggio. Luciano sara’ anche in Italia a Napoli a febbraio ed in Puglia a maggio prima di andare a Bruxelles lo stesso mese. “Fragments”, il suo nuovo album, continua a ricevere apprezzamenti dalla critica in Europa ed in America. La musica eseguita durante i tour includerà in maniera amplia brani tratti dai suoi ultimi dischi, disponibili anche su iTunes e Amazon (fisico e digitale). Informazioni aggiornate su Luca Luciano, il suo nuovo album ed il tour sono disponibili su www.lucaluciano.com.
8
Gen
partenopeproductions::notizie
97 letture - Share

Per la prima volta a Roma, il concerto con i suoni catturati dalla terra e tramutati in suoni che diventano musica. Con Federico Bonifazi (pianoforte), Gabriele Evangelista (contrabbasso), Alfred Kramer (batteria) e Francesco Cafiso (sax). Martedì 17 dicembre 2019, al Marmo di Roma (Piazzale del Verano 71 – ore 19.00 ingresso libero con tessera fino ad esaurimento posti), EMusic presenta “ I suoni della Caffarella”, uno straordinario concerto, unico nel suo genere, nel quale, sulla base di dati elettromagnetici acquisiti in siti geologici, alcuni tra i migliori jazzisti italiani, suoneranno e improvviseranno dando luogo ad una vera e propria performance estemporanea basata sui suoni estratti della terra. Ad esibirsi nella serata romana il trio del pianista Federico Bonifazi formato da noti artisti del panorama jazz nazionale ed internazionale e che vede alla ritmica Gabriele Evangelista al contrabbasso e Alfred Kramer alla batteria. Guest star della serata il sassofonista siciliano Francesco Cafiso. Un concerto inedito e di grande atmosfera quello di Roma per il quale, i geologi dell’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia INGV hanno trasformato in una sequenza di note, la voce della Caffarella - una delle aree verdi più grandi di Roma (132 ettari di verde pubblico) e fra le maggiori aree verdi urbane d'Europa - successivamente le tracce sono state affidate al pianista e compositore umbro Federico Bonifazi, uno dei nuovi talenti della scena musicale italiana degli ultimi anni, che sulla base delle note rilevate dai geologi, ha composto e arrangiato tre brani inediti in chiave jazz. Altri 3 brani elettronici sono stati arrangiati da Stefano Pontani, ideatore del progetto assieme ad Antonio Menghini. Inoltre, Bonifazi e i componenti del quartetto durante il concerto saranno chiamati ad interagire anche improvvisando, con i suoni estratti dal sottosuolo del sito geologico romano, per dare vita ad una esibizione unica e suggestiva. Il concerto rappresenta un vero e proprio viaggio nel tempo, con intermezzi di carattere scientifico divulgativo, tramite i quali verranno spiegati i processi evolutivi del territorio (ovvero come si sono formate le rocce costituenti il sottosuolo, come si è modificato il clima ed il paesaggio nel corso delle ere geologiche, l’attività vulcanica e sismica, etc.) e che avrà lo scopo di introdurre i brani eseguiti dai musicisti, suggerendo anche una chiave di lettura, oltre che una vera e propria guida all’ascolto. A rendere possibile l’esibizione è la Musica Elettromagnetica (EM) che nasce dalla trasformazione in note musicali, cosiddetta sonificazione, della risposta del sottosuolo ad un particolare impulso elettromagnetico. Ideatori del progetto sono il geofisico Antonio Menghini e Stefano Pontani, musicista (chitarra elettrica e loops) e responsabile artistico. Il progetto scientifico musicale è stato realizzato in collaborazione con i geologi dell’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia INGV. Il concerto del 17 Dicembre a Roma fa parte de I Suoni della Geologia d’Italia, tour di concerti prodotto da Kate Creative Studio con il contributo della Regione Lazio e Fondazione Italia Sostenibile, con lo scopo di valorizzare l’immenso patrimonio paesaggistico-culturale del nostro Paese, sfruttando le capacità della EMusic, coniugando gli aspetti scientifici, apparentemente meno “facili” da fruire da parte dello spettatore comune, con quelli artistici, di più immediato impatto. Sarà quindi un’occasione per viaggiare in Italia, soffermando l’attenzione su 4 siti caratteristici, ognuno dei quali è legato ad un particolare momento evolutivo della penisola. Per 3 dei concerti poi verrà anche proposta una composizione inedita, basata sulla sonificazione di un sondaggio TEM realizzato in loco.
13
Dic
Top1 Communication::notizie
51 letture - Share

Dopo la prima presentazione nazionale a Lucca, con il sold - out da 150 persone, il professor Renzo Cresti prosegue il tour delle presentazioni del suo libro “Musica presente, tendenze e compositori di oggi”  (edizioni LIM), che lo porterà in moltissime città italiane fino al 2021. Dopo le città di Napoli e Roma  il professor Cresti sarà a  Milano , martedì  10  dicembre ore 17 al  Museo del Novecento, piazza Duomo, 8 per la segnalazione del suo libro nell'ambito del concerto "Omaggio a Guido Farina" che si terrà nella sala Fontana e che sarà introdotto da Marina Vaccarini e Maria Cecilia Farina. La presentazione ufficiale del libro, invece, si terrà a giugno 2020. Il tour toccherà prevalentemente i conservatori, ma anche altre istituzioni e circoli jazzistici poiché il volume, che raccoglie ben 2000 compositori, è prevalentemente legato al mondo della musica contemporanea colta, ma affronta, senza barriere, il jazz, la musica cinematografica, l'elettronica, il rock progressive, analizzando quell'intreccio affascinante che è la musica del tempo attuale. Il lavoro è unico nel suo genere e tocca molte tematiche importanti della cultura odierna, analizzando musicisti nati dagli anni '50 in poi, fino a mettere in evidenza anche molti giovani. Il volume tratta anche musicisti napoletani e, per come è strutturato, può essere usato anche come un'utile enciclopedia. Ulteriori info su www.lim.it lim@lim.it www.renzocresti.com
10
Dic
cinziaguidetti::notizie
52 letture - Share

Oltre agli orari di normale programmazione dei due programmi: "ANIMAJAZZ" e "BLUES FIRES" ("Animajazz" il Martedi alle 20,30 e "Blues Fires" il Venerdi alle 20,30) ora sono attivi anche gli orari delle repliche: "Animajazz" andrà in replica la Domenica mattina alle 8 e "Blues Fires" andrà in replica il Lunedi alle 23. Su www.puntoradio.fm .
7
Dic
animajazz::notizie
46 letture - Share

Asolapo Italia ha attribuito il  Premio Asolapo Italia 2019-2020  al professor  Renzo Cresti  per  meriti accademici e divulgativi in favore della musica, delle tendenze e dei compositori contemporanei. Il riconoscimento sarà consegnato  sabato 7 dicembre   nel corso della giornata di studio sulle tecnologie avanzate per la composizione e l’analisi della musica "Musica Domani"  a Fontego dei Turchi nella Sala Congressi del museo di storia naturale “Giancarlo Ligabue” a Venezia. Al convegno parteciperà il presidente della SIMC e il presidente della Adriaticum, oltre a Achim Bornhoeft, Stéphane Boussuge, Pierre Albert Castanet, Matteo Giommoni, Rossana Dalmonte e lo stesso Cresti. Ulteriori info su www.lim.it lim@lim.it www.renzocresti.com
5
Dic
cinziaguidetti::notizie
58 letture - Share

Dopo la prima presentazione nazionale a Lucca, con il sold - out da 150 persone, il professor Renzo Cresti prosegue il tour delle presentazioni del suo libro “Musica presente, tendenze e compositori di oggi” (edizioni LIM), che lo porterà in moltissime città italiane fino al 2021. Dopo Napoli due gli appuntamenti a Roma: martedì 3 dicembre alle ore 19:00 al Mattatoio, La Pelanda in piazza Orazio Giustiniani, 4; evento organizzato da Nuova Consonanza (http://bit.ly/2Osen0m). Giovedì 5 dicembre alle ore 18:00 al Conservatorio Santa Cecilia via dei Greci, 18 nella sala Medaglioni per l'appuntamento "Alziamo il volume" di Carla Conti e Roberto Giuliani. L'intervento sarà presentato, inoltre, da Luigi Verdi e l'intermezzo musicale sarà a cura di Daniele Buccio. Il tour toccherà prevalentemente i conservatori, ma anche altre istituzioni e circoli jazzistici poiché il volume, che raccoglie ben 2000 compositori, è prevalentemente legato al mondo della musica contemporanea colta, ma affronta, senza barriere, il jazz, la musica cinematografica, l'elettronica, il rock progressive, analizzando quell'intreccio affascinante che è la musica del tempo attuale. Il lavoro è unico nel suo genere e tocca molte tematiche importanti della cultura odierna, analizzando musicisti nati dagli anni '50 in poi, fino a mettere in evidenza anche molti giovani. Il volume tratta anche musicisti napoletani e, per come è strutturato, può essere usato anche come un'utile enciclopedia. Inoltre è proprio di questi giorni la notizia che Asolapo Italia ha attribuito il Premio Asolapo Italia 2019-2020 a Renzo Cresti per meriti accademici e divulgativi in favore della musica, delle tendenze e dei compositori contemporanei. Il riconoscimento sarà consegnato sabato 7 dicembre nel corso di un evento di musica contemporanea a Venezia con Andrea Talmelli, con Andrea Mannucci, con Marco Giommoni, con Maria Novella Dei Carraresi, con Biagio Putignano, Antonio Anichini, Gabiella Cecchi, Giovanna Dissera Bragadin e altri. Le presentazioni del libro, invece, proseguiranno in tutta Italia con il seguente calendario in via di definizione: Milano, martedì 10 dicembre ore 17 al Museo del Novecento, piazza Duomo, 8; Trento, 11 gennaio 2020 ore 16, Conservatorio; Genova, 25 gennaio ore 17.30, Circolo Jazz Il Luisiana; Treviso, 8 febbraio ore 18, Chez Donella; Bergamo, 15 febbraio ore 16, Rassegna Musicale in Sala Piatti; L’Aquila, 28 febbraio ore 17, Conservatorio; Piacenza, 12 marzo ore 17, Conservatorio; Avellino, 19 marzo ore 16, Conservatorio; Milano, 9 giugno ore 17, Conservatorio. Inoltre, con date ancora da  definire, sarà presentato a Venezia e Torino  e al Conservatorio di La Spezia, Livorno e Fermo. Ulteriori info su www.lim.it lim@lim.it www.renzocresti.com    
1
Dic
cinziaguidetti::notizie
61 letture - Share

Il corso è rivolto a tutti coloro che si avvicinano per la prima volta al canto e che vogliono realizzare il sogno di imparare a cantare come un "Professionista"; è inoltre rivolto a chi ha già studiato canto e vuole perfezionare la propria tecnica vocale, sviluppare la propria creatività e migliorare, potenziare ed accrescere e il proprio repertorio jazz e pop; è inoltre rivolto a coloro che vogliono sviluppare un corretto uso del diaframma e della voce, quindi anche ad attori ed attrici, ad insegnanti, ed in genere a tutti quelli che sono desiderosi di apprendere la tecnica vocale. Verranno approfondite la postura nel canto, la respirazione diaframmatica, alla base di una buona emissione vocale, il sostegno ed i suoni in "maschera". Verrà dedicata particolare attenzione al repertorio jazz e pop, all'interpretazione del testo, all'espressione corporea ed emozionale attraverso la voce, veicolo delle nostre più intime emozioni, all’improvvisazione (spostamenti ritmici, improvvisazione tematica e variazioni melodiche), allo scat, verranno eseguite esercitazioni pratiche e guide all’ascolto. Programmi personalizzati, preparazione audizioni, esami di ammissione, esami e lauree di primo e secondo livello in Conservatorio, uso del microfono, lezioni "long distance" per chi vive fuori Roma, vocal coach in studio. Maestro in Canto Jazz laureato presso il Conservatorio "Santa Cecilia" di Roma con 110 e lode infoline 3392437614
29
Nov
Jazz Singer::notizie
59 letture - Share

Dopo la prima presentazione nazionale a Lucca, con il sold - out da 150 persone, il professor Renzo Cresti inizia il tour delle presentazioni del suo libro  “Musica presente, tendenze e compositori di oggi” (edizioni LIM), che lo porterà in moltissime città italiane fino al 2021. Primo appuntamento lunedì 2 dicembre alle ore 17:30 Progetto Piano, via San Pietro a Majella, 3 Napoli. Il tour toccherà prevalentemente i conservatori, ma anche altre istituzioni e circoli jazzistici poiché il volume, che raccoglie ben 2000 compositori, è prevalentemente legato al mondo della musica contemporanea colta, ma affronta, senza barriere, il jazz, la musica cinematografica, l'elettronica, il rock progressive, analizzando quell'intreccio affascinante che è la musica del tempo attuale. Il lavoro è unico nel suo genere e tocca molte tematiche importanti della cultura odierna, analizzando musicisti nati dagli anni '50 in poi, fino a mettere in evidenza anche molti giovani. Il volume tratta anche musicisti napoletani e, per come è strutturato, può essere usato anche come un'utile enciclopedia. Inoltre è proprio di questi giorni la notizia che Asolapo Italia ha attribuito veneil Premio Asolapo Italia 2019-2020 a Renzo Cresti per meriti accademici e divulgativi in favore della musica, delle tendenze e dei compositori contemporanei. Il riconoscimento sarà consegnato sabato 7 dicembre nel corso di un evento di musica contemporanea a Venezia con Andrea Talmelli, con Andrea Mannucci, con Marco Giommoni, con Maria Novella Dei Carraresi, con Biagio Putignano, Antonio Anichini, Gabiella Cecchi, Giovanna Dissera Bragadin e altri. Le presentazioni del libro, invece, proseguiranno in tutta Italia con il seguente calendario in via di definizione: Roma, martedì 3 dicembre ore 19, Mattatoio Piazza Orazio Giustiniani, 4 a cura di Nuova Consonanza e giovedì 5 dicembre ore 18, Conservatorio Santa Cecilia; Milano, martedì 10 dicembre ore 17 al Museo del Novecento, piazza Duomo, 8; Trento, 11 gennaio 2020 ore 16, Conservatorio; Genova, 25 gennaio ore 17.30, Circolo Jazz Il Luisiana; Treviso, 8 febbraio ore 18, Chez Donella; Bergamo, 15 febbraio ore 16, Rassegna Musicale in Sala Piatti; L’Aquila, 28 febbraio ore 17, Conservatorio; Piacenza, 12 marzo ore 17, Conservatorio; Avellino, 19 marzo ore 16, Conservatorio; Milano, 9 giugno ore 17, Conservatorio. Inoltre, con date ancora da  definire, sarà presentato a Venezia e Torino  e al Conservatorio di La Spezia, Livorno e Fermo. Ulteriori info su www.lim.it lim@lim.it www.renzocresti.com
27
Nov
cinziaguidetti::notizie
71 letture - Share

Sold - out  all'auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca per la presentazione ufficiale del nuovo libro di  Renzo Cresti, “Musica presente, tendenze e compositori di oggi” (edizioni LIM) , che si è tenuta  sabato 9 novembre  per l'apertura della rassegna di Cluster davanti a un pubblico attentissimo. Grande successo anche per il firmacopie che ha visto il professore Cresti impegnato per oltre un'ora. Il libro, che risponde alla domanda chi sono e cosa fanno i compositori di oggi, prendendo in esame oltre 2000 compositori, è stato spiegato dallo stesso Cresti che ha magnetizzato la platea raccontando la nuova metodologia utilizzata e le scelta strutturale del libro. Infatti il libro, di 1000 pagine, è formato da una premessa, suddivisa in 15 paragrafi, che contiene le riflessioni su una nuova metodologia e dal racconto di una storia ancora in atto. Seguono tre capitoli che analizzano altrettante generazioni di musicisti: quella nata negli anni Cinquanta (224 compositori analizzati, 112 citati e autori in nota); la successiva che prevede compositori di area classica (260 compositori analizzati, 200 citati) e jazz (291 analizzati e 262 citati), e l'ultima che esamina i musicisti delle ultime generazioni, compresi alcuni gruppi di rock progressive (72 compositori analizzati, 180 citati e 38 musicisti ed ensemble di rock progressive). La presentazione è stata inoltre arricchita dalla performance del giovane sassofonista Lorenzo Simoni, che sta attualmente studiando jazz al conservatorio Cherubini di Livorno. Le presentazioni proseguiranno in tutta Italia con il seguente calendario: Napoli, 2 dicembre ore 17.30, Progetto Piano; Roma, 3 dicembre ore 19, Mattatoio, a cura di Nuova Consonanza e 5 dicembre ore 18, Conservatorio; Trento, 11 gennaio 2020 ore 16, Conservatorio; Genova, 25 gennaio ore 17.30, Circolo Jazz Il Luisiana; Treviso, 8 febbraio ore 18, Chez Donella;  Bergamo , 15 febbraio ore 16, Rassegna Musicale in Sala Piatti;  L’Aquila , 28 febbraio ore 17, Conservatorio;  Piacenza , 12 marzo ore 17, Conservatorio;  Avellino , 19 marzo ore 16, Conservatorio;  Milano , 9 giugno ore 17, Conservatorio. Inoltre, con date ancora da  definire, sarà presentato a  Venezia  e Torino  e al Conservatorio di  La Spezia,  Livorno  e Fermo. Nel libro vengono analizzate prevalentemente le tendenze e i compositori della musica contemporanea classica, con un grosso contributo anche al jazz e al rock progressive, ed è proprio per questo che le presentazioni si terranno sia in conservatori che in jazz club. Ulteriori info su www.lim.it lim@lim.it www.renzocresti.com  
12
Nov
cinziaguidetti::notizie
151 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, e “Blues Fires” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il martedì dalle 20:30 alle 21:25;
BLUES FIRES” il venerdi dalle 20:30 alle 21:25;
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      21/01/2020: animajazz 902
      17/01/2020: blues fires 271
      14/01/2020: animajazz 901
      10/01/2020: blues fires 270
      07/01/2020: animajazz 900
      03/01/2020: blues fires 269
      31/12/2019: animajazz 899
      27/12/2019: blues fires 268
      24/12/2019: animajazz 898
      20/12/2019: blues fires 267
      17/12/2019: animajazz 897
      13/12/2019: blues fires 266
      10/12/2019: animajazz 896
      06/12/2019: blues fires 265
      03/12/2019: animajazz 895
      29/11/2019: blues fires 264
      20/09/2009: Speciale 1