Benvenuto su .
AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale; “DUBIDUBIDU': FESTIVAL RADIOFONICO DELLE VOCI JAZZ ITALIANE”. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della MUSICA JAZZ QUALE ALTA FORMA D'ARTE E DI COMUNICAZIONE. Animajazz è ascoltabile anche via WEB collegandosi negli orari di programmazione a questo sito ed a www.puntoradio.fm.

La puntata n° 750 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Giovedi 23 Febbraio alle 19,30 su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con il valido chitarrista NICOLA DI TOMMASO che in trio con Luca Fattorini, b e Enrico Morello, d, dal CD “Standards Trio Vol.1” (nella 1a foto a sinistra) pubblicato dalla“Filibusta Records” ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “I'm Getting Sentimental Over You”. Passeremo quindi alla musica della pianista LISA HILTON che in “piano solo” ci farà ascoltare ”Day & Night” una composizione originale tratta dall'omonimo CD (nella 1a foto a destra). Eccoci poi al pianismo di GIOVANNI MIRABASSI che in “piano solo” ci proporrà una sua particolare interpretazione di “J'm'en Fous Pas Mal” (Michel Eker) tratta dal CD “Live In Germany” (nella 2a foto a sinistra) pubblicato dalla “Cam”. Passeremo all'ottimo gruppo RICCARDO FASSI TANKIO BAND che insieme al grande trombettista FABIO MORGERA (Fabio Morgera, tp, Riccardo Fassi, p, Giancarlo Ciminelli, Claudio Corvini, tp,Roberto Pecorelli, tu, Massimo Pirone, tbn, Sandro Satta, Michel Audisso, Torquato Sdrucia, sax, Pierpaolo Bisogno, vib, Steve Cantarano, Pietro Iodice, d) ci farà ascoltare una composizione originale di Fabio Morgera intitolata “Disse Re Italo In Greco”, tratta dal CD “Riccardo Fassi Tankio Band meets Fabio Morgera” (nella 2a foto a destra) pubblicato dall'”Alfamusic”. Sarà poi la volta del trombonista FILIPPO VIGNATO che in quartet (Filippo Vignato, tbn, Yannick Lestra, fe/rh, Attila Gyarfas, d/pc), dal CD “Plastic Breath” (nella 3a foto a sinistra), pubblicato dalla “Auand Records” ci farù ascoltare la composizione originale intitolata “Stop This Snooze”. Proseguiremo con la musica di JOSH GREEN & THE CYBORG ORCHESTRA che dal CD “Telepathy & Pop” (nella 3a foto a destra) ci farà ascoltare proprio la composizione originale che dà il titolo all'album. Chiuderemo quindi la serata con la musica del chitarrista MATTEO CONA che in quartet (Matteo Cona, g, Augusto Pallocca, sax, Carlo Ferro, key, Sergio Tentella,d) ci proporrà una composizione originale intitolata “Banjo” tratta dal CD “Something To Do On Sunday” (nella 4a foto a sinistra) pubblicato dalla “Workin' Label”. Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Giovedi alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com
21
Feb
animajazz::animajazz
36 letture - Share

"Occhi negli Occhi – Un Omaggio a Chico Buarque” è il nuovo CD della cantante piemontese Francesca Elena Monte, realizzato al fianco di Roberto Taufic, chitarrista e arrangiatore di fama internazionale e con la partecipazione di Riccardo Fioravanti, personalità tra le più trasversali della scena jazz nazionale. Appassionata di musica popolare brasiliana e bossa nova, già nel 2013 aveva dedicato un intero album a Vinicius De Moraes, intitolato “Saravà, Vinicius!”. L’idea di un progetto su Chico Buarque De Hollanda, esponente della cultura brasiliana, è stata una naturale tappa del percorso di ricerca che Francesca Elena Monte sta portando avanti con sensibilità ed entusiasmo. Affascinata dalla figura del musicista e poeta straordinario brasiliano, ed incuriosita dalle melodie imprevedibili e dalle armonie coinvolgenti, Francesca Elena Monte ha ritrovato in questa musica popolare, al tempo stesso colta e profonda, influenze di musica classica, di jazz, unite alle radici africane; ha riscoperto testi profondi e “interi universi di sentimenti e vita vissuta nello spazio di due strofe e un ritornello” e ha messo al servizio la sua voce in questo album che la vede interprete e studiosa esemplare. Un progetto ambizioso in cui la cantante ha selezionato alcune delle perle più belle del vasto canzoniere di Chico Buarque: da “Joana Francesa” a “Apesar de você”, da “A banda” alla splendida “Trocando em miúdos”, dal medley “O meu amor- Teresinha” a “Atràs da porta”; ha curato personalmente la traduzione di alcuni brani dal portoghese all’italiano, ottenendo l’approvazione dello stesso Chico Buarque: Tatuaggio (Tatuagem), Passerà (Vai passar) e Occhi negli occhi (Olhos nos olhos). Proprio da “Occhi negli Occhi”, title track dell’album - che vede la partecipazione speciale di Riccardo Fioravanti al contrabbasso - comincia la genesi di questo album, da una rinascita: “Un giorno ci ritroveremo a guardare negli occhi chi ci ha fatto piangere e sentiremo con un brivido di orgoglio che siamo andati oltre e che tutto quel dolore non esiste più”. Nell’album ci sono anche alcune canzoni conosciutissime in Italia, perché portate al successo già negli anni ’60 da cantanti straordinarie del calibro di Mina e Ornella Vanoni, su testi dell’indimenticato Sergio Bardotti: “Far niente” (famosa sigla della trasmissione Un “Pomeriggio con Mina” del 1968) e “Costruzione”, versioni italiane di “Bom tempo” e “Constução”. Francesca Elena Monte è un’artista dalla doppia anima, musicale e teatrale. Quest’ultima emerge prepotentemente in alcuni passaggi preziosi e pieni di pathos come “Tatuaggio”, dove alla versione originale si antepone la versione recitata in italiano, e in “Passerà” dove ci si dimentica della famosa versione originale per immergersi nel racconto e nella sua voce accompagnata dall’eccellente chitarra, a volte anche percussiva, di Roberto Taufic. Francesca Elena Monte, diplomata con lode presso il biennio superiore del conservatorio Ghedini di Cuneo in canto jazz, studiando tra gli altri coi Maestri Danila Satragno e Riccardo Zegna e frequentando seminari tenuti da Irene Aebi, Bob Stolof e Rachel Gould. Si è poi perfezionata presso i seminari di Messina Jazz con Maria Pia de Vito e Giovanni Mazzarino. Canta professionalmente dall’età di 18 anni, in particolare bossa nova e musica popolare brasiliana. Con il pianista e arrangiatore Gianluca Tagliazucchi ha proposto un omaggio a Billie Holiday e un recital dedicato a Kurt Weil. Insegna canto moderno, canto jazz e gestione del palcoscenico presso la Fondazione Fossano Musica e la Palcoscenico di Cuneo (di cui è co-fondatrice). Ha cominciato a studiare recitazione all’età di 12 anni, frequentando workshop organizzati dalle maggiori accademie italiane e dopo aver diretto per oltre 15 anni la Compagnia Teatro della Gramigna, tiene corsi di recitazione e training dell’attore presso diverse scuole sul territorio di Cuneo e provincia. “Occhi negli Occhi – Un omaggio a Chico Buarque” di Francesca Elena Monte, pubblicato dall’etichetta Ultra Sound Records è disponibile direttamente ai concerti e nei principali digital store (iTunes, Amazon, etc.). Contact https://soundcloud.com/search?q=francesca%20elena%20monte https://www.facebook.com/Francesca-Elena-Monte-276902485981480/?fref=ts Ufficio Stampa: Top1 Communication Referente: Stefania Schintu Email : segreteria@top1communication.eu Cell : +39 347 0082 416
21
Feb
Top1 Communication::notizie
9 letture - Share

Appuntamento da non perdere con il progetto sinfonico del siciliano Francesco Cafiso, condiviso fra Camerata strumentale Città di Prato e il MetJazz, il quinto concerto della stagione della Camerata e l'ultimo del cartellone della XXII edizione della rassegna jazz del Teatro Metastasio, sul palco del  Teatro Politeama Pratese, giovedì 23 febbraio  alle ore 21. Operazioni come questa sottolineano l'importanza della collaborazione fra le principali realtà culturali della città e ribadiscono il desiderio comune di aprire a pubblici sempre più eterogenei, nel nome della musica d'arte senza frontiere. Cafiso, forse il sassofonista italiano più noto negli USA, un musicista jazz che incarna il talento precoce (a 9 anni è già al fianco di Bob Mintzer e Gianni Basso e nel 2003 Wynton Marsalis lo invita a entrare nel suo entourage), guida LA BANDA, un avvolgente progetto sinfonico che affianca il suo sestetto – gli straordinari musicisti Giovanni Amato (tromba e flicorno), Humberto Amésquita (trombone), Mauro Schiavone (piano), Giuseppe Bassi (contrabbasso) e Silvio Morger (batteria) – con la Camerata Strumentale Città di Prato, sotto la direzione di Valter Sivilotti. Il progetto è prodotto da Alfredo Lo Faro, edito da Made in Sicily di Eleonora Abbruzzo. LA BANDA è un affresco compositivo che in parte guarda alle origini siciliane del sassofonista e che viene modulato in tre possibili forme (pubblicati in altrettanti cd): con il solo sestetto, con una banda o con un’orchestra sinfonica. METJAZZ presenta questa terza incarnazione, ribadendo la collaborazione tra Teatro Metastasio e Camerata Strumentale Città di Prato, già avviata due anni fa. “Prosegue con nostra grande soddisfazione la collaborazione tra Fondazione Teatro Metastasio e Camerata Strumentale Città di Prato – afferma il presidente del Metastasio Massimo Bressan -. Per il terzo anno consecutivo ancora una produzione insieme. Nel 2015 per il concerto “On the road” del quintetto di Enrico Rava e l’orchestra al Teatro Politeama. Nel 2016 con l’opera di Benjamin Britten “L’arca di Noè”, un grande evento per la città, una festa realizzata nel segno di una forte e vitale integrazione, un galà della musica, del teatro e dell’arte. Quest’anno, con il concerto di Francesco Cafiso e il suo sestetto insieme alla Camerata strumentale, un'esperienza jazz profondamente emozionante”. Il Club delle 18.45 Alle ore  18.45 al ridotto del Teatro Politeama torna  il tradizionale appuntamento con l'incontro introduttivo al concerto, sarà eccezionalmente tenuto dal direttore artistico del MetJazz Stefano Zenni e sarà come di consueto ad  ingresso libero. A seguire cocktail-buffet con prenotazione obbligatoria al numero 0574 603758 o all’indirizzo info@cameratastrumentale.org . Sempre il 23 febbraio si conclude nel foyer del Metastasio l'esposizione della mostra diSEGNIdiJAZZ di MARCO MILANESI, un viaggio non convenzionale nell'universo delle sensazioni che i brani jazz riescono a suscitare con disegni ispirati a questa musica che incarna il ritmo della terra, ispira la vita quotidiana, accompagna emozioni e malinconie.    
21
Feb
cinziaguidetti::notizie
5 letture - Share

La puntata n° 120 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 20 Febbraio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm si aprirà con la musica di DAVID BROMBERG (nella 1a foto a sinistra) che con la sua band, dal CD “The Blues, the whole Blues and nothing”, ci farà ascoltare “This Month”. Proseguiremo con il vocalist e chitarrista SON SEALS (nella 1a foto a destra) scomparso nel 2004 a 62 anni, che potremo ascoltare in “The Woman I Love” tratta dal CD “Live and Burning”, pubblicato dalla “Alligator Records”. Eccoci quindi alla vocalist e chitarrista LAURIE MORVAN (nella 2a foto a sinistra) che con la sua Band, dal CD “Fire It Up!”, ci farà ascoltare “I've Had Enough”. Sarà poi la volta del grande JAMES COTTON (nella 2a foto a destra) che potremo ascoltare in “Wasn't My Time To Go”, tratta dal CD “The Best Of James Cotton” pubblicato dalla “Alligator Records”. Passeremo poi al gruppo SATURDAY NITE FISH FRY featuring SHAKURA S'AIDA che dal CD “Volume 1” (nella 3a foto a sinistra), ci farà ascoltare “Maybelle Blues”. Continueremo quindi con il mitico JOHN MAYALL che con la sua band ci farà ascoltare “The Devil Must Be Laughing” tratta dal CD “Talk About That” (nella 3a foto a destra). Chiuderemo quindi la serata con il bluesman toscano FILIPPO “BLUESBOY” BARONTINI che con la sua ricca e qualificata band ci farà ascoltare una sua composizione originale scritta con Alessandro Solenni e Vince Vallicelli, intitolata “Back Door Blues” tratta dal suo primo CD intitolato “Blues Barrique” (nella 4a foto a sinistra). Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30, in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm. Buon ascolto. "BLUES FIRES"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
17
Feb
animajazz::blues fires
47 letture - Share

La puntata n° 749 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Giovedi 16 Febbraio alle 19,30 su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con il pianista e compositore DINO MASSA che con il suo “Kansas City Quintet” (Christopher Burnett, as, Charles Gatscher, g, Andrew W. Stinson, b, Clarence Smith, d/pc), dal CD “Echoes Of Europe” ci farà ascoltare la stessa composizione originale che dà il titolo all'album (nella 1a foto a sinistra). Passeremo quindi al JENTSCH GROUP Quartet (Chris Jentsch, g, Jim Whitney, b, John Mettam, d, Matt Renzi, multi instr.) che ci offrirà una composizione originale intitolata “Route 666” tratta dal CD “Fractured Pop” (nella 1a foto a destra). Eccoci poi al chitarrista LARRY CORBAN che con Harvie S, b, James Weidman, p, e Steve Williams, d, ci proporrà una composizione originale intitolata “The Shape Of Time” tratta dal CD “Corban Nation” (nella 2a foto a sinistra). Passeremo al valido trombettista CHRIS ROGERS che con la sua ricca band (Michael Brecker, ts,Ted Nash, Ts/as, Steve Khan, g, Xavier Davis, p, Jay Anderson, b, Steve Johns, d, Roger Rosenberg, bs, Art Baron, tbn, Barry Rogers, tbn, Mark Falchook, synth/key, Willie Martinez, cong/pc) ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Rebecca” tratta dal CD “Voyage Home” (nella 2a foto a destra). Sarà poi la volta delle atmosfere brasiliane con il gruppo ADJA' (Chiara Aurora Gagliano, v, Pino Marcogliese, g/b, Mario Marino, d/pc, Claudia Cusenza, fl/p) che dal CD “A Noite De Chico“ (nella 3a foto a sinistra) ci farà ascoltare “Meu Refrao”. Proseguiremo con l'ARKETYPOS Trio (Antonio Carboni, g, Luca Primo, el/b, Gianluca Costa, d) che dal CD “Arketypos” (nella 3a foto a destra), pubblicato dall'”Alfamusic” ci faranno ascoltare una loro composizione originale intitolata “Electric Riot”. Eccoci quindi all'omaggio al grande vocalist AL JARREAU scomparso pochissimi giorni fa e che potremo ascoltare in ”My Old Friend” tratta dal CD “My Old Friend: Celebrating George Duke” (nella 4a foto a sinistra) pubblicato nel 2014. Chiuderemo quindi la serata con la cantante HEATHER BAMBRICK che con Mark Kieswetter, p, Ross MacIntyre, b, Davide DiRenzo, d, Chase Sanborn tp, Rob Piltch, g, John Johnson, Guido Basso, flh, dal CD “You'll Never Know“ (nella 4a foto a destra) ci farà ascoltare “I Can't See For Lookin'”. Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare GIOVEDI alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata, gratuitamente, dal sito di "ANIMAJAZZ", area podcasts. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com
14
Feb
animajazz::animajazz
80 letture - Share

La puntata n° 119 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI, in onda Lunedi 13 Febbraio alle 20,30 su PUNTO RADIO, anche in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm si aprirà con la musica di COYOTE KINGS w MUSH che potremo ascoltare in “Baby's Gone”, tratta dal CD “Nasty Habits & Dirty Little Secrets” (nella 1a foto a sinistra) pubblicato nel 2012. Proseguiremo con il Blues-Rock di FRANK BANG & THE COOK COUNTY KINGS che potremo ascoltare in una composizione originale intitolata “Possum In My Tree” tratta dal CD “The Blues Don't Care” (nella 1a foto a destra). Ci ascolteremo quindi FABRIZIO POGGI & CAROLYN WONDERLAND che con il suo gruppo, dal CD “Texas Blues Voices” (nella 2a foto a sinistra) ci propoprrà l'interessante “Nobody's Fault But Mine”. Sarà poi la volta di CAROLYN GAINES (nella 2a foto a destra) che dal CD “I Want Your Money, Honey” ci offrirà una bella versione di “Hoochie Choochie Woman”. Passeremo poi all'esperto PAUL MacMANNUS che con la sua band ci farà ascoltare “I Can Lie” tratta dal CD “Boogie And Soul” (nella 3a foto a sinistra). Continueremo quindi con il conosciutissimo vocalist e chitarrista JOE BONAMASSA che con la sua band potremo ascoltare in una intensa “Another Kind Of Love” tratta dal CD “Sloe Gin” (nella 3a foto a destra) pubblicato nel 2007. Passeremo poi alla formazione HEP CAT BOO DADDIES & JOEL DA SILVA che ci farà ascoltare “You” tratta dal CD “Hotrodsexgod” (nella 4a foto a sinistra). Eccoci quindi a HOMESICK JAMES (scomparso a 96 anni nel 2006) che potremo ascoltare in una bella “Goin' Back In The Times” tratta dal CD che porta lo stesso titolo (nella 4a foto a destra). Eccoci quindi al valido CHRIS FARLOWE che con la su8a band ci proporrà Cuttin' In” tratta dal CD “Out Of Time” (nella 5a foto a sinistra). Chiuderemo infine la serata con RUSTY ZINN che con il suo gruppo ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Looking Back”, tratta dal CD “The Call” (nella 5a foto a destra). Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi alle 20,30, in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm. Buon ascolto. "BLUES FIRES"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
11
Feb
animajazz::blues fires
32 letture - Share

[caption id="attachment_4923" align="alignleft" width="300"] Hobby Horse ph Lorenzo Desiati[/caption] Dedicati al genio di Coltrane, domenica e lunedì ci saranno due nuovi appuntamenti della rassegna METJAZZ 2017, organizzata dal Teatro Metastasio Stabile di Prato con la direzione artistica di Stefano Zenni. Domenica 12 febbraio, al Museo del Tessuto, alle ore 21, tra gli eventi di MetJazz OFF, uno dei maggiori sax tenori della scena italiana, il livornese DIMITRI GRECHI ESPINOZA, dà voce alla sua urgenza religiosa e spirituale con Oreb, Angel’s Blows, una performance di solo sax tenore realizzata in collaborazione con Museo del Tessuto e pensata come una sorta di meditazione musicale, in un tempo che oscilla tra la preghiera e la riflessione, in una dimensione di semplicità complessa che discende dalla lezione di Coltrane. Dimitri Grechi Espinoza per questo progetto unico nel suo genere, ha fatto incontrare due grandi passioni: lo studio della scienza sacra nelle culture tradizionali e la ricerca sul suono portata avanti da anni con l'obbiettivo di riscoprire il respiro profondo dei luoghi sacri di tutto il mondo. Nella penombra di uno “spazio sonoro” egli avvolge l’ascoltatore con le note del sax, dal quale riesce a tirare fuori arcobaleni di armonici “liberati” dal sistema temperato. Lo fa suonando “tra le note” e “sulle note” sfruttando le antiche forme architettoniche (o il riverbero prodotto da un sofisticato apparecchio elettronico) che rispondono ai fraseggi modali con risonanze trasformate in contrappunti dal fascino ancestrale. Il duduk armeno di Djivan Gasparyan, la spiritualità free di John Coltrane, le tradizioni nomadi del Sahara e la ripetitività di John Surman sono le suggestioni di fondo di questo concerto. “Il mio più grande desiderio come musicista in quest’epoca è quello di contribuire a riportare la musica alla sua primitiva funzione di “ dialogo ” con il Sacro, nel quale superare differenze di credo, distanze culturali e incontrare così se stessi e gli altri nella conoscenza dell’Unità che lega l’intero ordine cosmico". Lunedì 13 febbraio, al Teatro Fabbricone, alle ore 21 Gesti e movimenti del sax offrono invece il tema per un doppio set che suggella l’incontro del sax di DAN KINZELMAN con la danza del ballerino torinese DANIELE NINARELLO in Kudoku, e con il contrabbasso di JOE REHMER e la batteria di STEFANO TAMBORRINO nel trio Hobby Horse. Tra i giovani musicisti, lo statunitense Kinzelman, trasferitosi nel nostro paese nel 2005, ha forse più di altri faticato a ritagliarsi uno spazio personale. Eppure ha alle spalle una notevole esperienza, maturata a fianco di Enrico Rava, Mauro Ottolini e Uri Caine, Maria Schneider, Ralph Alessi, sia come sassofonista sia come arrangiatore. Il suo solismo lucido ed articolato si esprime al meglio nei progetti da leader, in cui agisce una spinta sperimentale venata di ironia, non di rado arricchita dall'elettronica. MetJazz ha perciò imbastito un doppio set in cui Kinzelman affronta due sfide diverse e parallele. Da un lato il duo la danza di Daniele Ninarello, formatosi a Rotterdam e da anni coreografo e danzatore di propri progetti (si tratta di una produzione ideata da Enrico Bettinello per Novara Jazz, poi presentata con successo anche alla Biennale Danza di Venezia); dall'altro l'ormai consolidato trio Hobby Horse, in cui i ruoli dei tre musicisti ruotano in funzioni paritarie, amalgamati dall'elettronica e da un gusto giocoso che si apre ad inaspettate venature evocative. Resta poi aperta fino al 23 febbraio nel foyer del Metastasio la mostra diSEGNIdiJAZZ di MARCO MILANESI, un viaggio non convenzionale nell'universo delle sensazioni che i brani jazz riescono a suscitare con disegni ispirati a questa musica che incarna il ritmo della terra, ispira la vita quotidiana, accompagna emozioni e malinconie.
10
Feb
cinziaguidetti::eventi, notizie
25 letture - Share

La puntata n° 748 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta da BRUNO POLLACCI in onda Giovedi 19 Febbraio alle ore 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm si aprirà con il “crooner” e pianista LARRY FRANCO che con la vocalist Dee Dee Joy ed Attilio Troiano al sax ci farà ascoltare una particoloare interpretazione di “I Got Rhythm”, tratta dal CD “Abbassa La Tua Radio” (nella 1a foto a sinistra). Continueremo con il suonatore di tuba HOWARD JOHNSON che con la sua ricca band “Gravity” (Velvet Brown, Dave Bargeron, Earl McIntyre; Joseph Daley, Bob Stewart, tu, Carlton Holmes, p, Melissa Slocum, b, Buddy Williams, d) ci proporrà un'interpèretazione di “Natural Woman”, tratta dal CD “Testimony” (nella 1a foto a destra). Proseguiremo con il pianista FEDERICO BONIFAZI che con in quartet con Eric Alexander, ts, John Webber , b, Jimmy Cobb, d, ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Sadness For You” tratta dal CD “You'll See” (nella 2a foto a sinistra). Eccoci quindi alle decise energie del gruppo LED BIB (Mark Holub, d, Pete Grogan, as, Liran Donin, b, Chris Williams, as, Toby McLaren, key) che dal CD “Umbrella Weather” (nella 2a foto a destra) pubblicato da “Rarenoise Records” ci proporrà una esplosiva composizione originale intitolata “Lobster Terror”. Cambieremo completamente atmosfere e sarà quindi il momento di ascoltare il duo NUNUN (Cesare Discepoli, g/effetti, Massimo Discepoli, d) che ci farà ascoltare “Sham” una composizione originale tratta dal CD “Inner” (nella 3a foto a sinistra) pubblicato da “Acustronica”. Passeremo poi al trombonista NICK FINZER che con la sua band (Nick Finzer, tbn, Lucas Pino, ts/bcl, Alex Wintz, g, Glenn Zaleski, p, Dave Baron, b, Jimmy Macbride, d) ci farà ascoltare una bella composizione originale intitolata “We The People” tratta dal CD “Hear And Now” (nella 3a foto a destra). Sarà poi la volta del pianista ANTONIO VIVENZIO che in trio con Claudio Ottaviano, b e Filippo Sala, d, ci farà ascoltare una composizione originale intitolata “Her Story” tratta dal CD “Canyon” (nella 4a foto a sinistra) pubblicato dalla “Auand Records”. Chiuderemo quindi la serata con il chitarrista JEFF RICHMAN che in quartet con Vinnie Colaiuta, d, Jimmy Haslip, b, George Whitty, key, ci offrirà una composizione originale intitolata “Oracle” tratta dal CD “Sizzle” (nella 4a foto a destra). Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Giovedi alle 19,30 in immediato podcast su http://animajazz.eu ed in streaming su www.puntoradio.fm e potrà essere effettuato il "DOWNLOAD" della puntata dall'area podcasts dal sito di “Animajazz”. Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa.http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
7
Feb
animajazz::animajazz
86 letture - Share

David Murray ph Jimmy Katz Tra domenica e lunedì ci saranno due nuove appuntamenti della rassegna METJAZZ 2017, organizzata dal Teatro Metastasio Stabile di Prato con la direzione artistica di Stefano Zenni per restituire una ricognizione dell’eredità di quell’autentico “compositore istantaneo” che è stato Coltrane, ma senza spirito imitativo né di revival, e un focus particolare attorno al sassofono. Lunedì 6 febbraio, al Metastasio, alle ore 21 in una serata improntata all’arte del duo, con un concerto in esclusiva per l’Italia realizzato in collaborazione con Musicus Concentus, DAVID MURRAY, riconosciuto da ormai molti anni come il sax tenore più personale e trascinante della scena contemporanea, si confronta con la grande pianista giapponese AKI TAKASE, protagonista della scena sperimentale tedesca, con cui condivide uno spirito giocoso e eccentrico, tra rispetto della tradizione e sguardo divertito e appassionato oltre le convenzioni del jazz. [caption id="attachment_4909" align="alignleft" width="200"] AkiTakase ph Georg Tuskany[/caption] Erede di certa robusta tradizione africano americana - che va da Ben Webster a Archie Shepp, da Coleman Hawkins a Arnett Cobb - Murray ha arricchito quel suono dei contorcimenti di Albert Ayler, ne ha fatto una materia sensibilissima, plastica, di potenza e varietà travolgenti, i cui mutamenti fulminei e sussultori registrano l’ubriacante mobilità emotiva del sassofonista. Affermatosi alla fine degli anni Settanta, Murray è apparso subito un solista di grande personalità, affabulatore bulimico dalla produzione sovrabbondante, che è culminata negli anni Ottanta con la militanza nel World Saxophone Quartet e nella guida dello splendido Ottetto, formazione intrisa di echi di Mingus e Ellington, con cui ha prodotto alcuni dei dischi più belli e importanti del periodo. Tra gli eventi di MetJazz OFF, domenica 5 febbraio, al Museo di Palazzo Pretorio, in doppia replica alle ore 17.30 e alle 18.30 la suadente voce di MONICA DEMURU e il violoncello di LUCA TILLI daranno vita al concerto/spettacolo ANCHISE SULLE SPALLE DI ENEA, una coproduzione di METJAZZ e del MUSEO DI PALAZZO PRETORIO. La performance al Museo di Palazzo Pretorio, da un’idea di Andrea Coveri, nasce dall’incontro tra una scultura, la musica e la sollevazione come gesto e rivolta in osservazione dell'opera “Madre e figlio” dello scultore Jacques Lipchitz. Le parole e il canto di Monica Demuru e il violoncello di Luca Tilli, narrano l'osservazione, tra improvvisazione e scrittura, in accordo all'esperienza di entrambi sulla scena italiana ed europea. Demuru e Tilli osservano Lipchitz, nelle sale del Museo, utilizzando musiche di B.Britten, L. Berio, J.S.Bach e S. Lacy; le fotografie di Majoli; le parole di G. Didi-Huberman e l'Eneide di Virgilio. Sarà inoltre aperta fino al 23 febbraio nel foyer del Metastasio la mostra diSEGNIdiJAZZ di MARCO MILANESI, un viaggio non convenzionale nell'universo delle sensazioni che i brani jazz riescono a suscitare con disegni ispirati a questa musica che incarna il ritmo della terra, ispira la vita quotidiana, accompagna emozioni e malinconie.
4
Feb
cinziaguidetti::eventi, notizie
22 letture - Share

La puntata n° 118 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da Bruno Pollacci, in onda Lunedi 6 Febbraio alle 20,30 su PUNTO RADIO CASCINA, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con DAVE KELLER che con la sua band ci proporrà una composizione originale intitolata “Circles” tratta dal CD “Right Back Atcha” (nella 1a foto a sinistra). Passeremo quindi alla ANNEE 2CU BLUES BAND che dal CD “Wicked Girl Blues”, ci farà ascoltare proprio la composizione originale che dà il titolo all'album (nella 1a foto a destra). Eccoci poi al conosciutissimo POPA CHUBBY che potremo ascoltare in una sua straordinaria composizione originale intitolata “Blues for Charlie” tratta dal CD “The Catfish” (nella 2a foto a sinistra). Sarà poi il momento di ascoltare il vocalist e chitarrista PETER KARP che con la sua band, dal CD “Alabama Town'” (nella 2a foto a destra), ci farà ascoltare “I'm Not Giving Up”. Continueremo con il grande chitarrista e vocalist MIKE ZITO del quale potremo ascoltare una bellissima composizione originale intitolata “Redbird”, tratta dal CD “Make Blues Not War” (nella 3a foto a sinistra). Eccoci quindi alla musica del duo italiano BAYOU MOONSHINERS (Steph Ghizzoni, v, Max Lazzarin, v/p) che ci farà ascoltare l'interpretazione di “Big Time Woman” tratta dal CD “Living Live” (nella 3a foto a destra) pubblicato nel 2016. Sarà poi la volta del mitico chitarrista e vocalist ROY BUCHANAN del quale potremo ascoltare “Drowing On Dry Land” tratta dal CD “Dancing On The Edge” (nella 4a foto a sinistra) pubblicato dalla “Alligator Records”. Chiuderemo la puntata con la bravissima vocalist CC BRONSON che ci farà ascoltare “I Can't Deal” tratta dal CD “Bluesarella” (nella 4a foto a destra) pubblicato nel 2011. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
3
Feb
animajazz::blues fires
30 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, “Blues Fires” e il “Dubidubidù” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il giovedì dalle 19:30 alle 20:25;
BLUES FIRES(da Febbraio ad Ottobre) : il lunedi dalle 20:30 alle 21:25;
DUBIDUBIDÙ: Festival Delle Voci Jazz Italiane”: (da Ottobre a Gennaio): il lunedi dalle 20:30 alle 21:25.
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      20/02/2017: blues fires 120
      16/02/2017: animajazz 749
      13/02/2017: blues fires 119
      09/02/2017: animajazz 748
      06/02/2017: blues fires 118
      02/02/2017: animajazz 747
      30/01/2017: blues fires 117
      26/01/2017: animajazz 746
      23/01/2017: dubidubidu 17
      19/01/2017: animajazz 745
      16/01/2017: dubidubidu 16
      12/01/2017: animajazz 744
      09/01/2017: dubidubidu 15
      05/01/2017: animajazz 743
      02/01/2017: dubidubidu 14
      29/12/2016: animajazz 742
      26/12/2016: dubidubidu 13
      22/12/2016: animajazz 741
      19/12/2016: dubidubidu 12
      15/12/2016: animajazz 740
      12/12/2016: dubidubidu 11
      08/12/2016: animajazz 739
      01/12/2016: dubidubidu 10
      01/12/2016: animajazz 738
      28/11/2016: dubidubidu 9
      24/11/2016: animajazz 737
      21/11/2016: dubidubidu 8
      17/11/2016: animajazz 736
      14/11/2016: dubidubidu 7
      10/11/2016: animajazz 735
      07/11/2016: dubidubidu 6
      03/11/2016: animajazz 734
      31/10/2016: dubidubidu 5
      24/10/2016: dubidubidu 4
      17/10/2016: dubidubidu 3
      10/10/2016: dubidubidu 2
      03/10/2016: dubidubidu 1
      26/09/2016: blues fires 116
      19/09/2016: blues fires 115
      20/09/2009: Speciale 1