Benvenuto su .
AnimaJazz è un “contenitore di programmi radiofonici” specifici di musica Jazz & Blues, ideati e curati da Bruno Pollacci.: “ANIMAJAZZ”: dedicato al Jazz strumentale e vocale italiano ed internazionale; “BLUES FIRES”: dedicato al Blues italiano ed internazionale; “DUBIDUBIDU': FESTIVAL RADIOFONICO DELLE VOCI JAZZ ITALIANE”. All'interno dei programmi trovano spazio tutte le poliedriche “anime“ del Jazz e del Blues, da quella tradizionale a quelle contemporane, d'avanguardia e di ricerca, non trascurando le cosiddette “contaminazioni“, siano esse provenienti dal “Rock“, dall'“Etnica“, dal “Pop” o dalla “Classica“. Pur proponendo la musica degli artisti nazionali ed internazionali più prestigiosi, acclamati e storicizzati, gli intenti dei programmi sono inoltre quelli di porsi come punto di riferimento per la promozione dei nuovi talenti emergenti, indipendentemente dalla loro età, fornendo loro opportunità per la proposta radiofonica e web della loro musica e favorendo supporto logistico per la proposta “live“. Il sito di AnimaJazz, si affianca alle trasmissioni come ulteriore “cassa di risonanza“, per avvalersi della potenzialità informativa della rete ai fini culturali di diffusione e valorizzazione della MUSICA JAZZ QUALE ALTA FORMA D'ARTE E DI COMUNICAZIONE. Animajazz è ascoltabile anche via WEB collegandosi negli orari di programmazione a questo sito ed a www.puntoradio.fm.

IL JAZZ ITALIANO PER AMATRICE e per gli altri territori colpiti dal sisma Domenica 4 settembre L’Aquila, Piazzale di Collemaggio Roma, Casa del Jazz e altri 20 eventi in diverse città italiane A seguito dei tragici avvenimenti di questi giorni, “Il Jazz Italiano per l’Aquila”, iniziativa sostenuta e promossa per il secondo anno consecutivo dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e realizzato da Associazione I-Jazz, unitamente a MIDJ Musicisti italiani di Jazz e Casa del Jazz, diventa per questa edizione ,“Il Jazz Italiano per Amatrice e per e per gli altri territori colpiti dal sisma”. Domenica 4 settembre, due grandi eventi con numerosi concerti caratterizzeranno la giornata: a Roma, dalla mattina al tardo pomeriggio alla Casa del Jazz, e in serata a L’Aquila nel piazzale adiacente la Basilica di Santa Maria di Collemaggio. Inoltre, buona parte dei 20 palchi originariamente previsti a L’Aquila, troveranno ospitalità in altre città italiane. Oltre a L’Aquila e Roma, sono previsti concerti a Milano, Torino, Napoli, Novara, Parma, Catania, Courmayeur, Pisa, Cantalupo in Sabina (RI), Barga, Empoli, Fano, Lecce, Nuoro e S. Anna Arresi, Lampedusa e molte altre città che si stanno aggiungendo in queste ore. La grande maratona del jazz, con oltre 700 artisti impegnati in circa 110 concerti, distribuiti nel centro storico del capoluogo abruzzese, che si è tenuta per la prima volta lo scorso anno con la presenza di circa 60.000 persone, si sposta, quindi, a Roma e in altre città italiane, per concludersi con un grande concerto serale a L’Aquila, di fronte la Basilica di Collemaggio per problemi di sicurezza e logistica (si attendevano per questa edizione circa 100.000 persone), e per rispetto delle popolazioni colpite dal tragico terremoto della scorsa settimana. Una grande giornata di solidarietà musicale, con la presenza di alcuni tra i più rappresentativi musicisti italiani che si esibiranno a titolo gratuito e dove per il pubblico è previsto un contributo spontaneo di solidarietà. Inoltre, è prevista l’attivazione di una campagna di crowdfunding nazionale e di un sms solidale per raccogliere fondi destinati al restauro ed alla riapertura del Cinema Teatro Comunale “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice, luogo simbolo della cultura e della ricostruzione del tessuto sociale di uno dei centri storici distrutti dal sisma. “Dopo i musei è adesso il mondo del jazz a mobilitarsi per la ricostruzione. Anche domenica prossima la solidarietà passa per la cultura”, così il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini commenta l’iniziativa #jazz4italy. La comunità aquilana - ha dichiarato il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente - è letteralmente distrutta dal dolore per la tragedia che ha colpito i fratelli del reatino e dei territori dell’Umbria e delle Marche. In segno non di lutto, ma di vera e propria disperazione, abbiamo annullato tutte le manifestazioni legate alla grande festa per la 722esima Perdonanza Celestiniana, decidendo altresì di annullare la grande maratona jazz, “Il Jazz italiano per L’Aquila”, che, già nella prima edizione, era stata uno dei rari momenti di vera gioia e ritrovata aspettativa e voglia di farcela per tutte le aquilane e tutti gli aquilani. Per questo motivo, pur rinunciando, per testimoniare il nostro cordoglio, a tenere la manifestazione all’Aquila, avevamo chiesto alla generosità dei jazzisti italiani che essa avesse comunque luogo, non più per L’Aquila ma per Amatrice e gli altri Comuni colpiti dal sisma. Il tutto anche al fine di avviare una raccolta fondi che potrà aiutare a ricostruire un luogo simbolo della vita di una comunità, quale il cinema teatro di Amatrice. Riflettendo insieme, tuttavia, ed ascoltando anche il Comitato Perdonanza e soprattutto il sindaco di Amatrice, abbiamo ritenuto che, nel coinvolgere 20 piazze italiane, fosse importante che proprio L’Aquila ospitasse il concerto principale, come segnale di una solidarietà che, d’ora in poi, vedrà i nostri territori, uniti dall’appartenenza al Parco Gran Sasso Monti della Laga, superare il nostro dolore e intraprendere il percorso di ricostruzione della comunità, e rinnovato sviluppo, per il futuro dei nostri figli. “La maratona del Jazz Italiano per L’Aquila dello scorso anno – dichiara Paolo Fresu - è stato un inaspettato successo di musica ed emozione, talmente forte e pregnante che, forse, la storia del jazz italiano si può ora dividere tra un prima e un dopo L’Aquila. Questo ci ha spinto a ripeterla senza sapere che la ferita del sisma si sarebbe riaperta improvvisamente, lacerando ancora una volta le comunità del centro Italia. Per questo oggi diviene “Il Jazz Italiano per Amatrice” e si trasferisce per un intero giorno nella Capitale e in molte città italiane, per approdare la sera, davanti la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, luogo simbolo della comunità aquilana. Se lo scorso anno siamo stati nel capoluogo abruzzese per porre l’attenzione sulla ricostruzione e animarne il centro storico (vi ritorneremo nel 2017 e 2018), questa volta saremo in tutta Italia, affinché la nostra solidarietà vada a ricostruire e ripristinare i territori colpiti dal sisma. Sempre più convinti che questa debba passare attraverso le nuove generazioni e nella speranza che le stesse non debbano vivere altre catastrofi come queste”. “La Società Italiana degli Autori ed Editori si è fatta parte attiva nell’organizzazione, avendo già dato un contributo di 50 mila euro e si farà altresì carico di pagare il diritto d’autore per gli eventi in programma in modo che tutto il ricavato possa essere devoluto in aiuto delle popolazioni colpite dal sisma – aggiunge Filippo Sugar, Presidente di SIAE. - L’impegno di SIAE nei confronti della creatività non si limita infatti solo all’intermediazione del diritto d’autore ma si spinge, come in questo caso, fino all’utilizzo dei mezzi e dei repertori creativi e autorali per aiutare in momenti di grande emergenza come questo. Anche in questo caso, SIAE ha voluto dare il proprio contributo concreto nella convinzione che la cultura è la base attraverso la quale passa ogni ricostruzione”. L’intera giornata de Il Jazz Italiano per Amatrice sarà seguita dalla Rai Tv, dai canali Radio Rai e raccontato anche con uno speciale di Rai Cultura. Nella giornata di venerdì 2 settembre, il comitato organizzatore (Midj, I-Jazz e Casa del Jazz con la direzione artistica di Paolo Fresu) conferma nella città dell’Aquila i convegni già previsti: “Jazz, Turismo, Sostenibilità. I festival di jazz: una risorsa per la valorizzazione di ambiente e territorio e per un turismo sostenibile” (Palazzo Fibbioni, ore 15); e “Arte, Cultura, Pensiero sociale e politico” (Auditorium del Parco, ore 17.30). Due incontri che prevedono la partecipazione di esponenti del mondo politico, culturale, economico e della ricerca e il coinvolgimento di importanti realtà che si occupano di difesa e valorizzazione del territorio come Federparchi, FAI e Unesco Giovani. In sinergia con il pensiero del Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e del Ministro Dario Franceschini, si è ritenuto, infatti, che questi incontri fossero particolarmente attuali, anche alla luce dei tragici fatti degli ultimi giorni. In occasione di questi convegni, sarà donato un pianoforte a coda al Conservatorio Alfredo Casella dell’Aquila, acquistato grazie alle generose donazioni della campagna di crowdfunding "Un pianoforte per l'Aquila" che ha raccolto e diffuso il progetto dei tre pianoforti ideato da Claudio Filippini Giovanni Guidi e Mirko Signorile. Un secondo pianoforte sarà donato da SIAE, main sponsor della manifestazione e si stanno pianificando ulteriori forme di solidarietà, con un’attenzione particolare per le nuove generazioni attraverso laboratori di musica destinati ai bambini di età prescolare. Il comitato organizzatore promette di essere a l’Aquila ancora, con il progetto originale, nel 2017 e 2018 sottolineando la caratura del jazz italiano e la necessità di essere vicini, attraverso la musica, a chi ha bisogno. Sempre più convinti che la solidarietà debba passare anche attraverso la cultura e le nuove generazioni e nella speranza che le stesse non debbano vivere altre catastrofi come queste. Per restituire ad Amatrice, all’Aquila e agli altri centri, le scuole, le case, le piazze e la memoria. “Il jazz italiano per Amatrice” è realizzato da Associazione I-Jazz, unitamente a MIDJ Musicisti italiani di Jazz e Casa del Jazz. L’edizione 2015, chiamata “Il jazz italiano per L'Aquila”, fortemente voluta dal Ministro Franceschini, dal Sindaco Cialente e da Paolo Fresu, grazie al decisivo sostegno della Siae, ha rappresentato l’evento jazzistico più importante che abbia mai avuto il nostro Paese, non solo per l’ampia partecipazione di artisti e il grande successo di pubblico, ma per l’intensità emotiva che ha accompagnato l’iniziativa. promosso da: Mibact - Ministero per i beni e le attività Culturali e del Turismo Comune dell’Aquila – in occasione di Perdonanza Celestiniana 2016 main sponsor: SIAE realizzato da: Associazione I-Jazz, unitamente a MIDJ Musicisti italiani di Jazz, Casa del Jazz partners: Disma Musica, Poste Italiane, Nuovo Imaie 
con il contributo di: Fondo Etico Ricostruzione
vettori ufficiali: Trenitalia e Busitalia con la collaborazione di: Corsica Ferries media partners: Rai 5, Rai Cultura, Rai Radio 3, Rai Radio 7 live, Rai Isoradio con il supporto di: Zero, Left, Musica Jazz, Jazzit business development partner: Capitale Cultura
29
Ago
animajazz::notizie
21 letture - Share

La puntata n° 113 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da Bruno Pollacci, in onda Lunedi 29 Agosto alle 19,30 su PUNTO RADIO CASCINA, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con il valido gruppo di THE PALADINS che ci proporrà una bella interpretazione di “Years Since Yesterday” tratta dall'omonimo CD (nella 1a foto a sinistra. Passeremo quindi all'indimenticato grande chitarrista e vocalist MICHAEL BURKS che dal CD “Make It Rain” (nella 1a foto a destra), pubblicato dalla “Aligator Records”, potremo ascoltare in una particolare interpretazione di “Beggin' Business”. Potremo poi passare al buon Blues del gruppo italiano MARTIN'S GUMBO BLUES BAND che dal bel CD “Tip The Band” (nella 2a foto a sinistra) ci proporrà “Big Black Mama”. Eccoci poi ala conosciutissima e brava cantante EDEN BRENT che ci farà ascoltare una sua sentita interpretazione di “Tendin' To A Broken Heart” tratta dal CD “Jigsaw Heart” (nella 2a foto a destra). Sarà poi il momento di ascoltare l'interessante vocalist e chitarrista JOANNA CONNOR che dal CD “Six String Stories” (nella 3a foto a sinistra) ci proporrà “Love Coming On Strong”. Continueremo con il valido JW JONES che con la sua band ci proporrà “You Got Caught”, tratta dal CD “Seventh Hour” (nella 3a foto a destra). Eccoci quindi alla musica di MIGHTY MIKE SCHERMER che ci potremo ascoltare in una interpretazione di “Stop Crying” tratta dal CD “Blues In Good Hands” (nella 4a foto a sinistra). Sarà poi la volta dell'interessante vocalist ANGELA LEWIS BROWN che ci ascolteremo in un'intensa interpretazione di “Hopeless” tratta dal CD “Set Me Free” (nella 4a foto a destra). Passeremo quindi al “Blues-Rock” di DEBORAH MAGONE che con la sua band ci farà ascoltare “Queen Bee” tratta dal CD “Alternate Realities” (nella 5a foto a sinistra). Continueremo con il gruppo “CHANGE IT UP CHARLIE che ci proporranno un'interpretazione di “High Hopes” tratta dal CD “Bold! Sensational! Startling!” (nella 5a foto a destra). Chiuderemo quindi la puntata con il valido gruppo capeggiato dal grande chitarrista LELLO PANICO che dal CD “Fifty Years Ago” (nella 6a foto a sinistra) ci proporrà una sua particolare composizione originale intitolata “Louisiana”. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
29
Ago
animajazz::blues fires
6 letture - Share

Il pianista Franco D'Andrea sarà l'ospite d'onore per i 30 anni di BargaJazz. Nato a Merano nel 1941, D’Andrea incomincia a suonare il piano a 17 anni. La sua attività professionale ha inizio nel 1963, con Nunzio Rotondo alla Rai di Roma. Nel 1964 incide il suo primo disco con Gato Barbieri. Nel 1968 forma, con Franco Tonani e Bruno Tommaso, il Modern Art Trio. Dal 1972 al 1977 suona con il gruppo jazz/rock Perigeo. Nel 1978 forma un quartetto con Tino Tracanna, Attilio Zanchi e Gianni Cazzola. Al gruppo si uniscono nel 1986 il percussionista Luis Agudo, nel 1989 il percussionista Naco e il trombonista Glenn Ferris, e nel 1991 il vibrafonista Saverio Tasca. All'inizio del 1993 dà vita ad un nuovo trio, Current Changes, col trombettista David Boato e Naco. Attualmente suona in diverse formazioni: il sestetto, con Andrea Ayassot, Daniele D'Agaro, Mauro Ottolini, Aldo Mella e Zeno De Rossi; il quartetto che comprende il sassofonista Andrea Ayassot, il bassista Aldo Mella e il batterista Zeno de Rossi; una formazione allargata a 11 elementi, Franco D’Andrea Eleven Nel corso della sua carriera ha suonato con musicisti quali Pepper Adams, Barry Altschul, Gato Barbieri, Don Byas, Conte Candoli, Jon Christensen, Palle Danielsson, Joe Farrell, Dexter Gordon, Johnny Griffin, Slide Hampton, Mark Helias, Daniel Humair, Jimmy Knepper, Lee Konitz, Steve Lacy, Dave Liebman, Albert Mangelsdorff, Hank Mobley, Jean Luc Ponty, Enrico Rava, Frank Rosolino, Max Roach, Aldo Romano, Martial Solal, John Surman, Toots Thielemans, Charles Tolliver, Miroslav Vitous, Kenny Wheeler e molti altri. Ha effettuato tour in Francia, Svizzera, Austria, Germania Est e Ovest, Danimarca, Gran Bretagna, Spagna, Olanda, Belgio, Norvegia, Svezia, Finlandia, Polonia, Jugoslavia, Ungheria, Cecoslovacchia, Urss, Canada, Usa, Tunisia, Cameroun, Israele, Giappone e Australia. Ha al suo attivo moltissimi premi, tra i quali: premio della critica discografica italiana nel 1979 e nel 1981; premio RadioUno Jazz nel 1982; premio Top Jazz, indetto dalla rivista Musica Jazz, quale migliore musicista italiano negli anni 1982, 1984, 1985, 1986, 1987, 2005, 2008, 2015; "Prix du Musicien Européen 2010" de l'Academie du Jazz de France; Top Jazz 2012 per il miglior disco; Top Jazz 2013, 2014 per il miglior musicista. A Barga D'Andrea suonerà in piano solo il 25 agosto al Teatro dei Differenti mentre sabato 27 agosto sarà ospite della BargaJazz Orchestra diretta da Mario Raja nell'ambito del concorso internazionale di arrangiamento e composizione per orchestra jazz. Zoccolo duro del festival, il concorso prevede quest'anno l'esecuzione di 12 brani finalisti. Per la sezione A (arrangiamento) i concorrenti si sono dovuti confrontare con brani di Franco D'Andrea ed hanno dovuto presentare arrangiamenti originali basati sulla sua musica. Sei i brani scelti per questa sezione: “A2+m2” di Eduardo Rojo Gonzalez; “Slow Five” di Francesco Ganassin; “Dancing March” di Maximiliano Ravanello; “Six Bars” di Federico Benedetti; “Old Jazz” di Giampiero Spina; e “Two Colors” di Sara Montagni. Per la sezione B (composizioni originali) sono stati selezionati: “Far Away” di Luca Poletti; “Sta in France” di Antonello Sorrentino; “Rosso Marte” di Oscar Del Barba; “Cecilia” di Salvatore Cirillo; “Secret” di Peter Scholz e “Waiting For” di Ettore Martin. Vera protagonista delle due serate finali sarà la BargaJazz Orchestra 2016 che affianca giovani musicisti all’esperienza di nomi di primo piano sulla scena nazionale: ai sax Nico Gori, Rossano Emili, Renzo Telloli, Dimitri Grechi Espinoza, Alessandro Rizzardi; alle trombe Andrea Tofanelli, Alessio Bianchi, Federico Trufelli, Nazzareno Brischetto; ai tromboni: Nicolao Valiensi, Marcello Angeli, Silvio Bernardi, Sergio Bertellotti; alla chitarra Angelo Lazzeri; al contrabbasso Paolo Ghetti; al pianoforte Stefano Onorati; al vibrafono Luca Gusella; alla batteria Stefano Paolini. Le serate del concorso saranno presentate delle cantanti Michela Lombardi e Manuela Bollani. Franco D'Andrea terrà anche una masterclass il 26 di agosto presso la Civica Scuola di Musica di Barga mentre nei pomeriggi del 25 e 27 agosto si svolgeranno alla biblioteca comunale due seminari sul jazz. Il primo a cura di Francesco Martinelli dal titolo “Ottantotto tamburi intonati” sulla storia del pianoforte nel jazz, il secondo a cura di Luca Bragalini dal titolo “I blues di Giuseppe Verdi e le arie del buon vecchio Satchmo” sarà incentrato sulla nascita stessa del jazz: Continua fino al 03 settembre presso la Galleria Comunale la mostra “30 anni di jazz a Barga”. Previste anche le consuete jam session “Enojazz” presso Shamrock pub nelle serate del 25, 26 e 27 agosto. Per informazioni e prenotazioni: www.bargajazz.it – info@bargajazz.it – Tel. 0583 723860
24
Ago
animajazz::notizie
8 letture - Share

La puntata n° 724 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta in studio da BRUNO POLLACCI, in onda Mercoledi 24 alle 21 su “PUNTORADIO”, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu, si aprirà con la musica del ROBERTO MAGRIS Septet (Roberto Magris, p, Jim Mair, ts, Peter Schlamb, vib, Hermon Mehari, tp, Elisa Pruett, b, Brian Steever, d, Pablo Sanhueza, pc) , che ci proporrà una bella interpretazione di “Speedball” (Lee Morgan) tratta dal CD “Morgan Rewind: A Tribute To Lee Morgan, Vol.2” (nella 1a foto a sinistra). Passeremo quindi al batterista e compositore MAX TRABUCCO che con Giulio Scaramella, p, Zoran Majstorovic, g, e Simone Serafini, b, dal CD “Racconti Di Una Notte” (nella 1a foto a destra) pubblicato dall' “Abeat skyline” ci proporrà una bella composizione originale intitolata “Rosa Dei Venti”. Proseguiremo con LINCOLN MAYORGA & HARMONIE ENSEMBLE che dal CD “Gershwin – An American In Paris – Concerto in F” (nella 2a foto a sinistra) ci proporranno “Concerto in F III. Allegro agitato”. Eccoci quindi al compositore e pianista GIOVANNI GUACCERO (sax, voce, chitarra, contrabbasso e batteria) che ci farà ascoltare una intensa composizione originale intitolata “Choro De Casamento”, interpretata da Barbara Piperno , fl, Marco Ruviaro, 7-string guitar, tratta dal CD “A Roda Dos Planetas Errantes” (nella 2a foto a destra) pubblicato dall'"Alfamusic". Potremo quindi ascoltarci lo straordinario PAT METHENY UNITY GROUP ( Pat Metheny , electric and acoustic guitars, guitar synth, electronics, orchestrionics, synths; Chris Potter, tenor saxophone, bass clarinet, soprano saxophone, clarinet, alto flute, bass flute; Giulio Carmassi , piano, trumpet, trombone, french horn, cello, vibraphone, clarinet, flute, recorder, alto saxophone, wurlitzer, whistling, vocals; Ben Williams, acoustic bass, electric bass; Antonio Sánchez, drums and cajon) che dal CD “Kin” (nella 3a foto a sinistra) pubblicato nel 2014, ci farà proprio ascoltare “Kin” una bella composizione originale di Pat Metheny. Eccoci quindi al MIKE JONES Trio (Mike Jones, p, Katie Thiroux, b, Matt Witek, d) che ci farà ascoltare una sua interpretazione di “I Found A New Baby”, tratta dal CD “Roaring” (nella 3a foto a destra). Passeremo al sassofonista KRIS ALLEN che con Frank Kozyra, ts, Luques Curtis, b, e Jonathan Barber, d, ci proporrà una fresca interpretazione di “Hate The Game”, tratta dal CD “Beloved” (nella 4a foto a sinistra). Chiuderemo la serata con la particolare voce di BRENDA BOYKIN che con il suo gruppo ci farà ascoltare una morbida interpretazione di “Don't Take My Love Away” tratta dal CD “All The Time In The World” (nella 4a foto a destra), pubblicato nel 2012. Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Mercoledi, alle 21, in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu . Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa, http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
22
Ago
animajazz::animajazz
24 letture - Share

Martedì 23 agosto al Teatro dei Differenti il maestro Bruno Tommaso presenterà il suo progetto “The Warrior From Capestrano” con un ensemble inedito composto da Fabrizio Desideri al clarinetto, Moraldo Marcheschi al sax tenore, Rossano Emili al sax baritono, Alessio Bianchi alla tromba, Nicolao Valiensi al trombone, Luca Giovacchini alla chitarra, Mirco Capecchi al contrabbasso, Daniele Paoletti alla batteria e lo stesso Tommaso al pianoforte. Bruno Tommaso è uno dei più importanti compositori e direttori d'orchestra in ambito jazzistico. Dopo varie esperienze nella musica medioevale, rinascimentale, barocca, lirico-sinfonica e contemporanea, concentra la sua attenzione sul jazz, sull'improvvisazione e sulle musiche di confine. Ha fatto parte del Modern Art Trio con Franco D'Andrea, del trio di Martin Joseph, del trio e quartetto di Enrico Pieranunzi e del quartetto di Giorgio Gaslini. Ha collaborato con musicisti italiani e stranieri realizzando oltre cento registrazioni discografiche e radiotelevisive e partecipando a festival nazionali e internazionali. È stato l'ideatore e uno dei fondatori della Scuola Popolare di Musica di Testaccio, il primo presidente dell'AMJ (Associazione Nazionale Musicisti di Jazz), nonchè il primo presidente dell'Associazione Italiana Instabile Orchestra. Ha ideato e condotto varie produzioni interdisciplinari tra cui "Nux erat", "Ulisse e l'ombra", "Steamboat Bill jr", "La conquista del Monte dei cocci", "Tributo a Leo Ferrè", "Il diritto e il rovescio". Ha tenuto corsi e seminari in Italia e all'estero ed ha insegnato presso i Conservatori di Sassari, Parma, Pesaro, Napoli. Ha svolto intensa attività didattica presso l'Associazione Siena Jazz e L'Ente Musicale di Nuoro. Dirige la "Marche Jazz Orchestra" ed è insieme a Giancarlo Rizzardi l'ideatore del concorso internazionale di arrangiamento e composizione per orchestra jazz “BargaJazz” la cui orchestra ha diretto dall' 1986 al 2012. Mercoledì 24 agosto nel suggestivo chiostro di S. Elisabetta si esibirà il quartetto di saxofoni Arundo Donax con Pietro Tonolo, Mario Raja, Rossano Emili e Pasquale Laino. Il gruppo deve il suo nome al nome scientifico della canna da cui si fanno le ance. Dopo un lungo periodo impiegato a studiare della letteratura classica per quartetto di sax, il gruppo si è impegnato nella ricerca di una strada personale, lavorando su materiali originali e su progetti specifici. Pasquale Laino, compositore e polistrumentista ma specialista del sax soprano, è un musicista di estrazione classica che vanta collaborazioni che spaziano dal pop al jazz; compositore e interprete di numerosi brani in ambito teatrale, cinematografico e televisivo. Pietro Tonolo, Uno dei più importanti saxofonisti jazz a livello europeo in questa formazione suona il sax alto e il sopranino. Insegnante di conservatorio di Vicenza, ha collaborato e collabora con i più prestigiosi nomi del jazz internazionale. Rossano Emili, docente al conservatorio di Adria è riconosciuto come uno dei massimi specialisti di sax baritono a livello internazionale, suona con alcune importanti orchestre come la Perugia Big Band, e dal 1996 con la BargaJazz Orchestra. Mario Raja, sax tenore del gruppo, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra. Insegna al conservatorio di Perugia e dirige da molti anni l’Orchestra Napoletana di Jazz e dal 2013 la BargaJazz Orchestra. Al loro attivo tre dischi: “C’era Una Volta” (Splasc(h)), dedicato al mondo dell’infanzia, “Arundo Donax” (BMG), con musiche contemporanee dedicate al gruppo, tra gli altri, da Carlo Boccadoro e Carla Bley, e “Dancers In Love” (Splasc(h)), con arrangiamenti di brani di Ellington e Strayhorn. Il 25 di agosto al Teatro dei Differenti Franco D'Andrea terrà un concerto per piano solo mentre le serate del 26 e 27 saranno dedicate al Concorso Internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz con la BargaJazz Orchestra diretta da Mario Raja. Nei pomeriggi del 25 e 27 agosto si svolgeranno alla biblioteca comunale due seminari sulla storia della musica jazz. Il primo a cura di Francesco Martinelli dal titolo “Ottantotto tamburi intonati” sulla storia del pianoforte nel jazz, il secondo a cura di Luca Bragalini sarà incentrato sulla nascita stessa del jazz: “I blues di Giuseppe Verdi e le arie del buon vecchio Satchmo” Dal 20 al 27 agosto sarà allestita presso la Galleria Comunale la mostra “30 anni di jazz a Barga”. Previste anche le consuete jam session “Enojazz” presso Shamrock pub nelle serate del 25, 26 e 27 agosto. Per informazioni e prenotazioni: www.bargajazz.it – www.barganews.com – info@bargajazz.it – Tel. 0583 723860 – 0583 724418
22
Ago
animajazz::notizie
12 letture - Share

La puntata n° 112 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da Bruno Pollacci, in onda Lunedi 22 Agosto alle 19,30 su PUNTO RADIO CASCINA, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con JT COLDFIRE (nella 1a foto a sinistra) che ci proporrà una composizione originale intitolata “Crazy Sun” tratta dal CD “Always & Never” pubblicato nel 2012. Passeremo quindi alla THE R.D. OLSON BLUES BAND (nella 1a foto a destra) che dal CD “Keep Walking Woman” pubblicato nel 2016, ci farà ascoltare una sua interpretazione di “Johnnie Walker”. Eccoci poi a VICTOR WAINWRIGHT AND THE WILDROOTS (nella 2a foto a sinistra) che potremo ascoltare in una sua interpretazione di “Genuine Southern Hospitality” tratta dal CD “Boom Town”. Sarà poi il momento di ascoltare la band HEP CAT BOO DADDIES che dal CD “Long Time Comin'” (nella 2a foto a destra) pubblicato nel 2002, ci faranno ascoltare “Hold On”. Continueremo con la grande cantante SHAUN MURPHY della quale potremo ascoltare una straordinaria interpretazione di “Mighty Long Road”, tratta dal CD “Ask For The Moon” pubblicato nel 2012. Eccoci quindi alla musica del canadese SEAN POLUK che ci farà ascoltare “Hell Yeah” tratta dal CD “Never” (nella 3a foto a destra) pubblicato nel 2012. Sarà poi la volta del gruppo canadese SUMMER AND THE SINNERS (nella 4a foto a sinistra) che ci faranno ascoltare “Strangers Blues” tratta dal CD “Live At The Yale” pubblicato nel 2013. Passeremo poi al gruppo italiano dei BETTA BLUES SOCIETY (jnella 4a foto a destra) che attraverso la voce della leader ELISABETTA MAULO ci proporrà una sentìta interpretazione di “Ma Rainey's Black Bottom”, tratta dal CD “Roots”. Chiuderemo la puntata con il gruppo britannico THE IDLE HANDS che ci farà ascoltare “Ready For Business” tratta dall'omonimo CD (nella 5a foto a sinistra) pubblicato nel 2012. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
20
Ago
animajazz::blues fires
30 letture - Share

Ritorna l'appuntamento più atteso e più partecipato del BargaJazz Festival quest'anno con alcune novità. Il 21 agosto dalle ore 18 le vie e le piazze del castello saranno letteralmente invase dai musicisti per la manifestazione Barga inJazz. Un vero e proprio invito a scoprire gli angoli più suggestivi della cittadina con un percorso a ritmo di jazz. Ad esibirsi la Large Street Band itinerante per il centro storico; i chitarristi Matteo Landucci e Luca Giovacchini che accoglieranno il pubblico a Porta Reale; il Piero Orsi trio suonerà in Piazza S.S. Annunziata mentre il Vicolo del Sole sarà presidiato dal saxofonista Luca Bellotti e da Marco Del Papa alla chitarra. In Piazza Angelio il quartetto di Daniele Orselli presenterà il suo nuovo lavoro discografico con Ugo Bongianni al piano, Luca Franchini al contrabbasso e Alessandro Del Bianco alla Batteria mentre in Piazza Salvo Salvi il pianista Francesco Massagli sarà accompagnato da Renato Marcianò al contrabbasso e Tommaso Iacoviello alla Tromba. Piazza Garibaldi sarà invece riservata ai più piccoli con l'animazione musicale a cura di Associazione Manidoro. Due gli appuntamenti particolarmente suggestivi nella parte alta del centro storico, alle ore 18:30 nel Duomo di S. Cristoforo si terrà il concerto di Nicolao Valiensi per Eufonio e saxhorn mentre nel chiostro del conservatorio S. Elisabetta si esibiranno i due saxofonisti Guy-Frank Pellerin e Bruno Romani. Novità di quest'anno la manifestazione si protrarrà fino a mezzanotte nella Piazza del Teatro con una open jam session a cura del BargaJazz Club con la partecipazione di Simone Venturi al piano, Leonardo Gnesi al Contrabbasso, Federico JJ Carde alla batteria Alessandro Rizzardi al sax a cui si uniranno tutti i protagonisti della giornata. Il Barga Jazz festival continua fino al 27 di agosto con concerti, seminari e masterclass. Il 23 di agosto al Teatro dei Differenti Bruno Tommaso presenterà il suo inedito progetto “The Warrior From Capestrano” con un ensemble composto da Fabrizio Desideri al clarinetto, Moraldo Marcheschi al sax tenore, Rossano Emili al sax baritono, Alessio Bianchi alla tromba, Nicolao Valiensi al trombone, Luca Giovacchini alla chitarra, Mirco Capecchi al contrabbasso, Daniele Paoletti alla batteria e lo stesso Tommaso al pianoforte. Mercoledì 24 agosto nel suggestivo chiostro di S. Elisabetta si esibirà il quartetto di saxofoni Arundo Donax con Pietro Tonolo, Mario Raja, Rossano Emili e Pasquale Laino. Il 25 di agosto al Teatro dei Differenti Franco D'Andrea terrà un concerto per piano solo mentre le serate del 26 e 27 saranno dedicate al Concorso Internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz con la BargaJazz Orchestra diretta da Mario Raja. Nei pomeriggi del 25 e 27 agosto si svolgeranno alla biblioteca comunale due seminari sulla storia della musica jazz. Il primo a cura di Francesco Martinelli dal titolo “Ottantotto tamburi intonati” sulla storia del pianoforte nel jazz, il secondo a cura di Luca Bragalini sarà incentrato sulla nascita stessa del jazz: “I blues di Giuseppe Verdi e le arie del buon vecchio Satchmo” Dal 20 al 27 agosto sarà allestita presso la Galleria Comunale la mostra “30 anni di jazz a Barga”. Previste anche le consuete jam session “Enojazz” presso Shamrock pub nelle serate del 25, 26 e 27 agosto. Per informazioni e prenotazioni: www.bargajazz.it – www.barganews.com – info@bargajazz.it – Tel. 0583 723860 – 0583 724418
19
Ago
animajazz::notizie
31 letture - Share

La puntata n° 723 di “ANIMAJAZZ”, ideata e condotta in studio da BRUNO POLLACCI, in onda Mercoledi alle 21 su PUNTORADIO, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con la musica del sassofonista BENNY SHARONI che con Barry Ries, tp, Joe Barbato, p, Kyle Aho, p, Mike Mele, g, Todd Baker, b e Steve Longone, d, ci proporrà una sua bella interpretazione di “Estate” tratta dal CD “Eternal Elixir” (nella 1a foto a sinistra). Proseguiremo con PIPPO D'AMBROSIO & The Arcam Project (Pippo D'Ambrosio, d/pc, Mirko Signorile, p e Giorgio Vendola, b) che dal CD “New Dimension” (nella 1a foto a destra) ci proporrà proprio la composizione originale di Pippo D'Ambrosio che dà il titolo all'album, pubblicato dall'”Abeat Skyline”. Continueremo con il pianista DIEGO ALLIERI che in quartet con Biagio Coppa, s/t/sax, Adam Hopkins, b e Tomas Fujiwara, d, dal CD “Union Street” (nella 2a foto a sinistra) pubblicato dalla “No Flight Records” ci proporrà “Air” una sua interessante composizione originale. Proseguiremo con il sassofonista RETO SUHNER che con Philip Henzi, p, Silvan Jeger, b, Dominic Egli, d, ci farà ascoltare una sua composizione originale intitolata “Easy” tratta dall'omonimo CD (nella 2a foto a destra). Potremo quindi ascoltarci il pianista “smooth” RENATO FALASCHI che con Claude Salmieri, d, Philippe Gonnand, b, Remy Roux-Probel, tp, Pat West,g, ci farà ascoltare una bella interpretazione di “Following My Soul” tratta dal CD ”The Italian Smooth Jazz All-Starsz” (nella 3a foto a sinistra), pubblicato dall'”Alfamusic”. Chiuderemo la serata con la bravissima pianista e vocalist italiana (ma residente da molti anni negli Stati Uniti) DANIELA SCHACHTER che con Mike Tucker, ts, Mark Walker, d, Michael O’Brien, b, ci offrirà una sua vivace ed elegante interpretazione di “Like Someone In Love/Imagination”, tratta dal nuovo CD “Vanheusenism – A Tribute To Jimmy Van Heusen” (nella 3a foto a destra). Ricordiamo che "ANIMAJAZZ" si può ascoltare Mercoledi, alle 21 in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu . Buon ascolto. "ANIMAJAZZ"in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa, http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
16
Ago
animajazz::animajazz
101 letture - Share

La puntata n° 111 di “BLUES FIRES”, ideata e condotta da Bruno Pollacci, in onda Lunedi 15 Agosto alle 19,30 su PUNTO RADIO CASCINA, anche in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu si aprirà con la valida JOHN OATS Band che ci proporrà una grintosa composizione originale intitolata “All Shook Up” tratta dal CD “The Bluesville sessions” (nella 1a foto a sinistra), pubblicato nel 2012. Passeremo quindi a MICHAEL LOCKE & THE REPEAT OFFENDERS che dal CD “Pleasure King!” (nella 1a foto a destra)pubblicato nel 2012, ci farà ascoltare un'interpretazione “Sick And Tired”. Eccoci poi alla NO REFUND BAND che potremo ascoltare in un'interessante interpretazione di “One More Drink” tratta dal CD “No Refund Band” (nella 2a foto a sinistra). Sarà poi il momento di ascoltare il gruppo svedese PANTA REI 2.0 che dal CD “The Last Ticket to Heaven” (nella 2a foto a destra) ci farà ascoltare una bella “She's Gone”. Continueremo con il gruppo finlandesede di TINA BEDNOFF & THE COCKTAILERS dei quali potremo ascoltare un'interpretazione di “Aged And Mellow”, tratta dal CD “Jump, Sister, Jump" (nella 3a foto a sinistra) pubblicato nel 2016. Eccoci quindi alla musica di VICTOR WAINWRIGHT che ci faranno ascoltare “Wildroot rumble” tratta dal CD “Boom Town” (nella 3a foto a destra). Sarà poi la volta di RANDY PAVLOCK & TWENTY FOUR SEVEN che ci farà ascoltare “Mistreated” tratta dal CD “Transformation” (nella 4a foto a sinistra) pubblicato nel 2012. Passeremo poi alla band canadese di RIOT And THE BLUES DEVILS che ci faranno ascoltare “$150 Hat” tratta dal CD “No OneTo Blame But Me” (nella 4a foto a destra) pubblicato nel 2012. Chiuderemo la puntata con l'interessante gruppo Blues italiano di WONDER VINCENT che dal CD “Amazing story Of Roller Kostner” (nella 5a foto a sinistra)ci proporrà “Semen Waterfall”. Ricordiamo che "BLUES FIRES" si può ascoltare Lunedi in streaming su www.puntoradio.fm ed in immediato podcast su http://animajazz.eu e sarà possibile fare il download dal sito di “Animajazz”, area podcasts. Buon ascolto. "BLUES FIRES" in collaborazione con l'ACCADEMIA D'ARTE DI PISA, Pisa. http://accademiadartedipisa.jimdo.com .
13
Ago
animajazz::blues fires
25 letture - Share

Selezionati i 12 brani finalisti per il concorso internazionale di arrangiamento e composizione per orchestra jazz. Per la sezione A (arrangiamento) i concorrenti si sono dovuti confrontare quest'anno con brani di Franco D'Andrea ed hanno dovuto presentare arrangiamenti originali per orchestra jazz basati sulla sua musica. Sei i brani scelti per questa sezione che saranno eseguiti il 27 di agosto al Teatro dei Differenti dalla BargaJazz Orchestra diretta da Mario Raja e dallo stesso D'Andrea: “A2+m2” di Eduardo Rojo Gonzalez; “Slow Five” di Francesco Ganassin; “Dancing March” di Maximiliano Ravanello; “Six Bars” di Federico Benedetti; “Old Jazz” di Giampiero Spina; e “Two Colors” di Sara Montagni. Per la sezione B (composizioni originali) sono stati selezionati: “Far Away” di Luca Poletti; “Sta in France” di Antonello Sorrentino; “Rosso Marte” di Oscar Del Barba; “Cecilia” di Salvatore Cirillo; “Secret” di Peter Scholz e “Waiting For” di Ettore Martin. I brani della sezione B saranno eseguiti il 26 agosto. Vera protagonista del concorso è la BargaJazz Orchestra 2016 che affianca giovani musicisti all’esperienza di nomi di primo piano sulla scena nazionale. Ai sax Nico Gori, Rossano Emili, Renzo Telloli, Dimitri Grechi Espinoza, Alessandro Rizzardi, alle trombe Andrea Tofanelli, Alessio Bianchi, Federico Trufelli, Nazzareno Brischetto, ai tromboni Nicolao Valiensi, Marcello Angeli, Silvio Bernardi, Sergio Bertellotti, alla chitarra Angelo Lazzeri al contrabbasso Paolo Ghetti, al pianoforte Stefano Onorati al vibrafono Luca Gusella e alla batteria Stefano Paolini. – Il Festival, che festeggia il suo trentesimo anno, si aprirà con tre concerti Jazz for dinner nelle piazze del centro storico il 18, 19 e 20 agosto in collaborazione con i ristoranti del centro storico. Giovedì 18 in Piazza Angelio Max Ionata Hammond Trio, Venerdì 19 in Piazza SS. Annunziata Interpolar Quartet e sabato 20 Emanuele Parrini Quartet in Piazza Salvo Salvi. Il 21 agosto a partire dalle ore 18 si terrà la manifestazione Barga inJazz per le vie e le piazze del castello con la Large Street Band e molti gruppi di jazz di diverso stile: Daniele Orselli Quartet, Francesco Massagli Trio, Piero Orsi Trio, Luca Bellotti & Marco Del Papa, Matteo Landucci Guitar duo. In Piazza Garibaldi animazione musicale per bambini a cura di Associazione Manidoro. Dalle ore 18:30 nel Duomo di S. Cristoforo si terrà il concerto di Nicolao Valiensi per Eufonio e saxhorn mentre nel chiostro del conservatorio S. Elisabetta si esibiranno i due saxofonisti Guy-Frank Pellerin e Bruno Romani. Novità di quest'anno la manifestazione si protrarrà per tutta la sera in Piazza del Teatro con una open jam session a cura del BargaJazz Club con la partecipazione di tutti i protagonisti della giornata. Il festival proseguirà il 23 di agosto al Teatro dei Differenti dove Bruno Tommaso presenterà il suo progetto “The Warrior From Capestrano” con un ensemble inedito. Mercoledì 24 agosto nel suggestivo chiostro di S. Elisabetta si esibirà il quartetto di saxofoni Arundo Donax con Pietro Tonolo, Mario Raja, Rossano Emili e Pasquale Laino. Il 25 di agosto al Teatro dei Differenti Franco D'Andrea terrà un concerto per piano solo mentre le serate del 26 e 27 saranno dedicate al Concorso Internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz con la BargaJazz Orchestra diretta da Mario Raja. Nei pomeriggi del 25 e 27 agosto si svolgeranno due seminari sul jazz a cura di Francesco Martinelli e Luca Bragalini. Dal 18 al 27 agosto sarà allestita presso la Galleria Comunale la mostra “30 anni di jazz a Barga”. Previste anche le consuete jam session “Enojazz” presso Shamrock pub nelle serate del 25, 26 e 27 agosto. Per informazioni e prenotazioni: www.bargajazz.it – www.barganews.com – info@bargajazz.it – Tel. 0583 723860 – 0583 724418
10
Ago
animajazz::notizie
24 letture - Share


In collaborazione con
ACCADEMIA D'ARTE
DI PISA
AnimaJazz”, “Blues Fires” e il “Dubidubidù” vanno in onda su Punto Radio, 91.6 Mhz e 91.1 Mhz e sono ascoltabili via web su www.puntoradio.fm negli orari:
ANIMAJAZZ”: il mercoledì dalle 21:00 alle 22:00;
BLUES FIRES(da Febbraio ad Ottobre) : il lunedi dalle 19:30 alle 20:30;
DUBIDUBIDÙ: Festival Delle Voci Jazz Italiane”: (da Ottobre a Gennaio): il lunedi dalle 19:30 alle 20:30.
Contatti: info@animajazz.eu
AnimaJazz Podcasts:
      29/08/2016: blues fires 113
      24/08/2016: animajazz 724
      22/08/2016: blues fires 112
      17/08/2016: animajazz 723
      15/08/2016: blues fires 111
      10/08/2016: animajazz 722
      08/08/2016: blues fires 110
      03/08/2016: animajazz 721
      01/08/2016: blues fires 109
      27/07/2016: animajazz 720
      25/07/2016: blues fires 108
      20/07/2016: animajazz 719
      18/07/2016: blues fires 107
      13/07/2016: animajazz 718
      11/07/2016: blues fires 106
      06/07/2016: animajazz 717
      04/07/2016: blues fires 105
      29/06/2016: animajazz 716
      27/06/2016: blues fires 104
      22/06/2016: animajazz 715
      20/06/2016: blues fires 103
      15/06/2016: animajazz 714
      13/06/2016: blues fires 102
      08/06/2016: animajazz 713
      06/06/2016: blues fires 101
      01/06/2016: animajazz 712
      30/05/2016: blues fires 100
      25/05/2016: animajazz 711
      23/05/2016: blues fires 99
      18/05/2016: animajazz 710
      16/05/2016: blues fires 98
      11/05/2016: animajazz 709
      20/09/2009: Speciale 1